Turismi

Turismo esperienziale e opportunità di lavoro con i tour in barca

turismo esperienziale tour barca

Negli ultimi anni nelle città d’arte (ma non solo) si sta registrando un vero e proprio boom dei tour a bordo delle “ape calessino”. Ordina online Gabapentin economici

È senza dubbio una valida alternativa ai classici bus turistici. Ordina online Glucophage economici

I calessini permettono di addentrarsi anche nei vicoli. Di vivere più intimamente la città, insieme alle persone più care.

Se poi a tale servizio si aggiunge la possibilità di avvalersi della presenza di una guida turistica autorizzata, il tour diventa davvero completo.

E quando si va al mare? Beh, anche nelle località turistiche balneari i calessini vanno alla grande.

Ma sarebbe riduttivo limitarsi a un giro tra i pur interessanti borghi marinari e i vari monumenti.

Andare al mare significa goderselo pienamente. È ciò che chiedono i turisti.

Oggi non si accontentano più del pacchetto hotel e ombrellone sulla spiaggia privata.

Al mare per vivere esperienza autentiche

Vogliono vivere esperienze autentiche. Chiedono soggiorni fatti su misura.

Non è dunque un caso, solo per fare un esempio, che negli ultimi anni abbiano fatto registrare un’importante crescita anche le attività di Pescaturismo e Ittiturismo.

Andare a pesca con chi lo fa di mestiere, sentirsi parte attiva di questa attività, è qualcosa di semplicemente unico.

Al tempo stesso stanno riscuotendo crescente interesse i tour in barca.

Per molti un vero e proprio sogno. Non tutti i turisti possono però permettersi di acquistare e mantenere una barca.

Ma di certo possono noleggiarla e regalarsi escursioni indimenticabili.

La domanda è in crescita, si diceva. E ciò ha un risvolto positivo anche dal punto di vista lavorativo.

Noleggio barche: una concreta opportunità di lavoro

Se si è proprietari di barche, oppure se si ha intenzione di acquistarne una, si aprono interessanti opportunità di lavoro.

Grazie alle innovazioni tecnologiche – a partire da Internet – è possibile prenotare online.

Quindi basta attivare un software di prenotazione per entrare in questo settore in tempi rapidi.

Oppure ci si può inserire nei siti dedicati.

Naturalmente per organizzare viaggi del genere occorre un’apposita licenza.

Ma l’obiettivo è decisamente alla portata.

Se possiedi una barca in ottime condizioni e attrezzata, puoi dunque condividerla con altri marinai.

Oppure organizzare viaggi e tour autonomamente.

Ottenuta la licenza potrai approfittare dei numerosi vantaggi e iniziare a lavorare in mare, ottimizzando anche le spese di gestione della barca.

Tour in barca personalizzati: un’esperienza vincente in Sardegna

In Sardegna tali potenzialità sono già state trasformate in una concreta opportunità già da tempo.

È stato infatti creato un sito dedicato al Noleggio barche Sardegna.

Un servizio che sta riscuotendo grande interesse fra i turisti.

Infatti possono prenotare i loro tour, seduti davanti al pc (o sullo smartphone) ancor prima di raggiungere la destinazione.

Oppure quando sono in loco. Senza dover necessariamente ricorrere a intermediari.

Al tempo stesso cresce il numero di proprietari di barche interessati a svolgere questa attività lavorativa.

In effetti si possono organizzare tante iniziative a bordo delle barche.

Ad esempio si possono organizzare crociere personalizzate per i clienti.

Del resto non c’è luogo migliore della Sardegna per offrire crociere personalizzate fra le sue coste.

In fondo sull’isola si vive di mare.

Dai tour fotografici alle crociere di nozze

Per evitare tour in zone affollate, una gita in mare personalizzata è la migliore soluzione per aumentare il portfolio clienti e fare la differenza nel settore dei viaggi in mare.

Molto richiesti anche i tour fotografici. Al pari delle immersioni subacquee.

Oggi sono sempre di più le aziende e i privati che lavorano con le immagini attraverso i social network.

Anche in questo caso la Sardegna offre tantissimi luoghi e zone panoramiche dove scattare foto mozzafiato.

Dove ci si può concedere nei posti più spettacolari per scattare foto.

Anche questo è un buon modo per offrire un servizio personalizzato a questa tipologia di clienti.

Inoltre è possibile collaborare con brand di immersioni subacquee.

Sia per offrire l’esperienza sportiva sia per scattare foto nei fondali marini.

Ma non finisce qui. Perché tra le opportunità offerte ai proprietari di barche spiccano anche le crociere di nozze.

Gli eventi speciali e le lezioni di vela

Mettere a disposizione il proprio yacht o la propria barca è un buon investimento.

Sono sempre più numerose, infatti, le coppie che vogliono celebrare il viaggio di nozze in un luogo spettacolare.

Al tempo stesso c’è anche chi è alla ricerca di un viaggio speciale per festeggiare un’occasione importante. Come ad esempio compleanni, feste di laurea o anniversari.

Se poi si ottiene la qualifica di istruttore, è possibile anche offrire ai turisti lezioni di vela.

Sono sempre di più le persone curiose che vogliono affacciarsi a questo mondo.

Ed è, questo, anche un buon modo per tenersi impegnati in vacanza e scoprire nuove passioni.

Questa soluzione è invitante, in quanto potrebbe costituire anche un regalo originale per festeggiare occasioni speciali.

I tour alla scoperta delle coste sarde

Ma quali sono i periodi più indicati per fare un tour in barca sulle coste sarde?

Da marzo a ottobre. Ma soprattutto nel periodo giugno–settembre ci si può godere il panorama e il mare limpido.

Le temperature sono particolarmente favorevoli. E il sole domina la scena.

Ma anche i mesi autunnali possono rappresentare una buona scelta per un tour di qualità alta.

Ma ecco quali sono i migliori tour in barca per navigare la Sardegna.

La Costa Smeralda e l’arcipelago della Maddalena

La Costa Smeralda con le sue isole è uno scrigno che contiene tesori preziosi.

Un luogo magico capace di offrire una vasta gamma di perle geologiche per tutti i gusti ed esigenze.

Mare e montagne, grotte e cale, borghi antichi, spiagge paradisiache e tanto altro.

A nord est della Sardegna, l’arcipelago della Maddalena rappresenta l’ottava meraviglia del mondo.

Qui il mare si incontra con le rocce, creando un paradiso geologico unico al mondo.

La natura offre uno dei più bei panorami in assoluto, le spiagge sono tantissime e molto conosciute, come la spiaggia rosa di Budelli.

Le isole da vedere sono Santa Maria, Budelli e Razzoli. Da non perdere le spiagge di Spargi e Cala Coticco, soprannominata la piccola Tahiti di Smeraldo.

Un tour in barca personalizzato in questa zona, è il miglior modo per godersi l’acqua limpida dei mari sardi.

Il Golfo Aranci e l’Area marina protetta di Tavolara

Invece tra la Costa Smeralda e Olbia, il Golfo Aranci consente di poter avvistare i simpatici delfini che popolano il Mediterraneo.

Il luogo dove si concentra la percentuale più alta di delfini è l’isolotto di Figarolo e dintorni. Di solito verso le 18, ma spesso anche al mattino.

Per ammirare le acque cristalline del Golfo Aranci è possibile fare un tour in barca.

Oppure organizzare un’escursione e ammirare anche le acque dell’Area Marina Protetta di Tavolara, nei pressi di Molara. Qui gli avvistamenti sono più numerosi.

Il Golfo di Orosei

Anche il Golfo di Orosei è assolutamente da visitare.

In barca è possibile ammirare bellezze naturali uniche, come Cala Luna, le Grotte del Bue Marino, Cala Mariolu e il capolavoro geologico delle calette della Costa Brunei.

Le Grotte del Bue Marino sono così conosciute perché erano abitate dalle foche monache, molto simili a un bue.

Un ingresso imponente formato da due arcate con cavità di 15 km, costituiscono un percorso interessante per chi ama navigare il mare.

Cala Luna è a 3 km a sud della Grotta del Bue Marino.

È possibile raggiungerla anche via terra. È uno dei simboli della bellezza paradisiaca sarda, con il suo mare limpido e la sabbia bianca.

Cala Mariolu è un’altra spiaggia simbolo dell’isola.

Qui i colori naturali dipingono le spiagge offrendo uno spettacolo unico.

I sassolini rosa e bianchi fanno da contrasto al verde smeraldo tendente al blu e all’azzurro del mare.

Commenta l’articolo e partecipa alla discussione