Turismo Rurale 18 storie

Il turismo rurale per scappare dalla città. Per scoprire la quotidianità delle piccole realtà rurali. Calarsi negli usi e nelle tradizioni dei residenti, scoprire i loro mestieri. Vivere le loro stesse esperienze. Arricchirsi interiormente con una cultura millenaria e godere delle bellezze e della tranquillità della natura.

Il Turismo Rurale per evadere dalle città

Traffico, smog, lavoro, commissioni di vario genere e poi si ha solo la voglia di evadere, anche attraverso nuove forme di turismo. Le aree rurali hanno tanto da offrire, non tutti cercano il mare per rilassarsi, anche queste realtà possono essere competitive e diventare destinazioni turistiche con la formula giusta.

Iscriviti

Un territorio coerente è sostenibile? Ma la vera domanda da porre in realtà è: come rendere coerente un territorio? In un articolo precedente [Vendere la complessità di uno spazio], ho già evidenziato che le destinazioni turistiche si banalizzano e semplificano per essere meglio organizzate e

877 visite    Riccardo Pirazzoli

La vacanza enogastronomica offre “quel qualcosa in più” che stuzzica l’interesse del turista. Se a questo si aggiunge la componente rappresentata da design, moda, arte, musica il risultato è di una forza attrattiva importante. L’enogastronomia e le arti si configurano come importanti strumenti informativi, capaci

2.597 visite    Roberta Garibaldi

L’esperienza è quella leva che oggi motiva sempre le persone ad intraprendere un viaggio e a scegliere una determinata meta al posto di un’altra. Dove per esperienza si deve intendere quella serie di emozioni e di azioni che rendono indimenticabile un viaggio o una vacanza,

2.330 visite    Anna Zollo

Come un territorio può essere competitivo e attrarre turismo? Su quali variabili è necessario lavorare per rendere appetibile una meta? Questi sono alcuni quesiti che chi è addetto alla governance territoriale dovrebbe porsi e ai quali trovare soluzioni. Domande dalle risposte non facili, ma fondamentali

4.054 visite    Anna Zollo

Il binomio presepe-turismo movimenta flussi economici di tutto rispetto. Il primo fu quello di San Francesco di Assisi a Greccio. Era intorno al 1210 quando il frate decise di realizzare la prima drammatizzazione della nascita di Gesù Bambino. Da allora tempo ne è passato ed

464 visite    Anna Zollo

Il 2017 è stato individuato dall’ONU come anno internazionale del turismo sostenibile. Questa scelta è stata maturata il 4 dicembre 2015, quando è stata adottata la risoluzione che riconosceva l’“importanza del turismo internazionale, e in particolare la designazione di un Anno internazionale del turismo sostenibile

3.246 visite    Anna Zollo

Ci sono destinazioni turistiche che sono praticamente sature. Ci sono luoghi che se da un lato continuano a esercitare sui turisti un certo fascino (tanto da “vantare” alberghi pieni, ristoranti con tutti i tavoli prenotati, locali che pullulano di clienti), dall’altro non sono più molto

647 visite    FT FORMAZIONETURISMO

Le zone rurali hanno, in molti casi, una profonda ferita da sanare. Tante, troppe persone hanno abbandonato la campagna per trasferirsi nei centri urbani lasciando ampie aree improduttive. Ma il turismo può rappresentare la svolta: puntare sul turismo rurale significa infatti riuscire a trarre il

0 visite    FT FORMAZIONETURISMO