Travel Industry

Google punta sul travel, ecco i pacchetti di viaggio dinamici

Rivoluzione in vista nel settore travel online? Possibile, visto che a muoversi è ancora una volta Google. Il motore di ricerca più noto al mondo è infatti pronto a proporre pacchetti di viaggio dinamici ai suoi utenti. Che potranno così scegliere autonomamente volo, hotel, nolo auto, treni, ecc. senza dover per forza acquistare il pacchetto completo.

In pratica ogni utente assembla il viaggio come meglio crede, valutando di prodotto in prodotto il rapporto qualità/prezzo e il conseguente “mix” di servizi più appetibile per le sue tasche. La novità è che Google mostrerà non solo i prezzi singoli, ma a sua volta assemblerà automaticamente varie proposte, sulla base delle richieste che arrivano dagli stessi utenti.

A dirla tutta questa non è una vera e propria novità: questa strada, infatti, era stata già battuta da Kayak negli anni scorsi. Ma ora c’è da attendersi qualche novità sostanziale.

L’obiettivo dichiarato: il mercato europeo

In effetti già da qualche tempo – come dimostra il lancio di Google Destinations lo scorso anno – l’azienda statunitense ha lanciato messaggi chiari al mercato, ritenendo questo settore strategico e dunque meritevole di cospicui investimenti. In particolare in Europa, al centro del mirino di questa nuova sfida.

Riusciranno le aziende più piccole del settore travel online a essere ancora competitive? Finora hanno retto benissimo, ma per una risposta definitiva bisognerà aspettare il varo ufficiale di questa nuova iniziativa e poi fare le dovute verifiche, dati alla mano.

Almeno sulla carta non sarà di certo facile reggere un’onda d’urto del genere, ma in ogni caso l’ultima parola spetta al viaggiatore. Che magari potrebbe restare fedele alla sua agenzia di viaggi o consulente online. A maggior ragione se i prezzi dovessero rimanere sostanzialmente invariati.

Ma c’è anche chi va controcorrente

Del resto l’esempio di Veratour – che alle politiche commerciali dinamiche ha preferito continuare a puntare sulle prenotazioni anticipate – dimostra che non tutti sono così favorevoli a queste nuove forme di proposte che negli ultimi anni si stanno facendo strada sul mercato.

Certo è che se si muove un colosso come Google, significa che le potenzialità di questa fetta di mercato sono notevoli. Ne è convinto Richard Holden, vp product management dell’azienda californiana.

A suo avviso quello europeo è un mercato molto interessante, ha detto quando, alcuni mesi fa, ha annunciato la discesa in campo del motore di ricerca. Gli utenti desiderano fare scelte improntate sulla massima flessibilità, ragion per cui occorre qualcuno che proponga una comparazione dei prezzi puntuale e di facile fruibilità.

Prove d’intesa con le aziende inglesi e tedesche

Il nuovo strumento congegnato da Google punta in primis sul mercato tedesco e britannico: si parla di accordi di partnership già siglati con Peakwork (Germania) e Distribute Travel (Gran Bretagna); alcune intese sono state già condotte in porto anche con fornitori quali Lufthansa Holidays, Air Berlin Holidays, mentre a beve dovrebbe accodarsi anche TUI.

Dopo un periodo di rodaggio, le nuove proposte dinamiche firmate da Google dovrebbero sbarcare anche in altri Paesi, Italia compresa.

Prenotazioni su mobile con Google Destinations

Le ricerche del pacchetto di viaggio “fai da te” sarà possibile effettuarle direttamente su Google Destinations, lo strumento per solo telefonini, considerata una vera e propria guida turistica che dà consigli utili sul momento giusto per partire, sui prezzi e finanche sulle condizioni del tempo che si troveranno nella destinazione prescelta in un determinato periodo.

Con il nuovo strumento tutto questo sarà ancora più semplice, almeno nelle intenzioni. Perché è pur vero che quando Google si muove lo fa in grande stile e a ragion veduta, ma è altrettanto vero che non sempre le strategie espansive fanno centro. Si pensi a Google Hotel Finder: era stata annunciata come una novità rivoluzionaria, salvo poi assistere a un dietrofront.

Questo per dire che anche il nuovo strumento dedicato ai pacchetti dinamici potrebbe non fare breccia tra gli utenti. Ma nel dubbio più di qualcuno sta studiando le contromosse.

La risposta italiana: Italo Go

Forse è un caso, fatto sta che nel momento in cui si viene a sapere della volontà di Google di proporre anche prenotazioni ferroviarie sulle principali tratte europee, si apprende che Ntv ha lanciato Italo Go proponendo, oltre ai viaggi in treno, altri servizi grazie ad accordi con aziende quali Hertz, Booking.com, Get your Guide, Travelmar, ecc.

L’impressione è che la “guerra” dei pacchetti dinamici stia entrando in una fase cruciale. L’augurio degli utenti è che tutta questa concorrenza porti a un livellamento verso il basso delle tariffe. Questa sì che sarebbe una bella vittoria per i viaggiatori. Resta il dubbio su quanto possa essere efficace e di interesse per le imprese del settore!

Foto del profilo di FT