Facebook

Primi passi di social media marketing turistico su Facebook

 

Ci sono a volte conoscenze preliminari che vengono date per scontate ma, a furia di essere considerate ovvie, non vengono più ripetute. Così chi per la prima volta si approccia al mondo del social media marketing rischia di cadere in errori grossolani: possono essere evitati conoscendo qualche semplice nozione in più. Vediamo quindi alcune indicazioni basilari per mettere in piedi la propria presenza aziendale su Facebook.

Pagine, non profili

La prima regola fondamentale da tenere a mente quando si decide di lavorare alla presenza della propria impresa turistica su Facebook è questa: le aziende non devono avere profili personali. I profili personali sono riservati ai singoli esseri umani, non alle imprese!

Come fare allora per sbarcare il proprio albergo, il proprio ristorante o la propria agenzia di viaggi sul celebre social network creato dal genio di Zuckerberg? La soluzione, per fortuna, esiste. E si chiama “creare una pagina aziendale”.

La differenza fondamentale tra un diario e una pagina aziendale

La differenza tra un profilo personale e uno aziendale può essere sintetizzata da un solo aggettivo: “commerciale”. I diari personali, infatti, sono pensati esclusivamente per un uso individuale. Dietro a un diario non possono esserci mire commerciali.

Le pagine, invece, sono pensate proprio per dare alle aziende la possibilità di promuoversi. Inoltre è bene ricordare che la gestione delle pagine deve essere effettuata da amministratori che possiedono un proprio diario personale e quindi per amministrare le pagine non è necessario accedere con altre credenziali.

Avere ben chiaro in mente la distinzione tra pagine Facebook e diari personali è molto importante per non rischiare di avere guai col celebre social network: usare il proprio profilo personale per promuovere la propria impresa è infatti una precisa violazione delle regole di Facebook.

Com’è quindi meglio comportarsi in questi casi? Invece di creare una pagina aziendale ex novo si può decidere di convertire il proprio profilo personale in pagina. Per capire se questa è la decisione migliore da prendere è bene sapere a cosa si va incontro con la conversione.

Quando si opta per la conversione a Pagina Facebook il nome utente diventa il nome della pagina e tutti coloro i quali erano amici o anche solo seguaci di quel profilo personale vengono automaticamente considerati persone a cui piace la Pagina aziendale.

Attenzione però a tutte le proprie informazioni presenti sul diario personale! La conversione, infatti, non salva nulla di tutti gli elementi presenti sul proprio profilo personale.

Chi ben comincia è già a metà dell’opera

Il primo passo da compiere per mettere in piedi una pagina Facebook per la propria azienda è visitare il link giusto (facebook.com/pages/create) e partire da lì. Una volta arrivati a quest’indirizzo occorre scegliere la categoria più opportuna per la propria pagina.

Dato che noi stiamo parlando di pagine Facebook pensate per promuovere attività connesse al settore turistico le categorie che più potrebbero interessarci sono essenzialmente tre: “impresa locale o luogo”, “azienda, organizzazione o istituzione” e “marchio o prodotto”.

Non dimentichiamo però anche la possibilità di creare pagine Facebook dedicate a un “artista, gruppo musicale o personaggio”, pagine pensate per l’”intrattenimento” e altre create per sostenere una “causa o comunità”.

 


Su Facebook tu potrebbe interessare:
Come interagire con i propri fan internazionali su Facebook
Facebook e il Turismo
E’ l’hotel la vostra prima Community… no Facebook!


 

2.163 visite
Topics: , Facebook
Commenta l’articolo e partecipa alla discussione