Travel Industry

Lavorare nel turismo online, come si diventa consulente viaggi di successo

lavorare nel turismo online - manuel calamani

Ha scelto di lavorare nel turismo online dopo una carriera promettente nel settore hospitality. Ma la sostanza non è cambiata.

Grazie alla sua passione e al suo impegno sta ottenendo risultati eccellenti anche da consulente viaggi online. Ma con una differenza sostanziale: oggi gli orari e il posto in cui lavorare li sceglie lui.

Il resto della giornata lo dedica alla moglie Anna, conosciuta quando lavorava sulle navi da crociera. Al suo cane, Camilla. E alla sua passione per la cucina. Ma senza rinunciare alla Playstatione e… al Milan!

Ma ora, con il suo nuovo lavoro, può coltivare anche un’altra sua grande passione: quella per i viaggi.

La storia di Manuel: dal settore hospitality al mondo dei viaggi

Questa, estrema sintesi, la storia vincente di Manuel Calamani. Nato 42 anni fa a Francoforte sul Meno, figlio di ristoratori italiani, è vissuto in Germania fino al ’96.

Ha frequentato una scuola internazionale. Parla benissimo tre lingue: tedesco, inglese e naturalmente l’italiano.
Nel’96, con il trasferimento in Italia, comincia la sua esperienza nel settore hospitality.

Primo impiego: reception in un 5 stelle a Montegrotto Terme (Padova). Nel 2001 è receptionist a bordo delle navi di Costa Crociere. Tempo due anni e diventa Guest Relation Manager.

Dall’Indonesia alla svolta: lavorare nel turismo online

Dopo 12 anni di Costa, insieme alla moglie avvia delle strutture alberghiere a Lombok e Bali. Poi di nuovo in Italia, per lavorare in una start up.

È la svolta: “Ho capito – spiega Manuel – che volevo appendere al chiodo il settore dell’hospitality. E sfruttare la mia conoscenza del mondo per creare viaggi su misura”.

Perché hai scelto di lavorare nel turismo online?
“Dopo un’approfondita ricerca, ho scoperto Evolution Travel. Nel 2015 avevo due possibilità. Entrare a far parte di ET o lavorare per un Tour Operator di Venezia.

Ho ritenuto che avessi bisogno di solide basi. Così ho scelto di entrare nel team di questo tour operator. Dove, a parte il segmento luxury, ho avviato il mercato per le due mie destinazioni preferite: Thailandia e Indonesia.

Dopo un anno di training sul campo, con buoni risultati nella programmazione e organizzazione di viaggi, ho deciso di dedicare tutte le mie energie ad Evolution Travel”.

Ecco perché ho scelto Evolution Travel

Cosa ti ha colpito di Evolution Travel?
“Il primo impatto è stato positivo. Sono rimasto sorpreso dall’ottima organizzazione. A partire dalla formazione che si fa online.

Viene spiegato per passo tutto quello che serve sapere per svolgere questo lavoro. Poi il corso di perfezionamento. I colleghi “formatori” esperti mi hanno reso operativo fin da subito”.

La possibilità di gestire in assoluta libertà gli orari di lavoro ha influito su questa scelta?
“Certo. Proprio questa libertà mi ha spinto a entrare in Evolution Travel. Lavoro a tempo pieno. Direttamente da casa, in provincia di Padova. O da qualsiasi altra parte del mondo.

Basta una connessione Internet. Ebbene sì, ho la fortuna di lavorare da casa. In tranquillità e piena autonomia. Facendo quello che amo: creare viaggi su misura nelle destinazioni che voglio vendere io”.

Lavorare su ogni destinazione, senza vincoli

Di quale destinazione ti occupi?
“Non ho vincoli. Posso vendere viaggi a lungo raggio in Giappone o anche solo un weekend a Matera. Né ho vincoli dell’area di vendita.

Posso vendere a clienti su tutto il territorio nazionale. E anche all’estero. Il mio core business è il tailor made, soprattutto per la zona del Sud-Est Asiatico. Ma anche Oceano Indiano e Usa”.

lavorare nel turismo online - manuel calamani 2
Come vanno le vendite?
“Le prime vendite sono arrivate quasi subito. Primo anno bene. Quest’anno ho avuto un incremento del 60% sul fatturato, perciò sono soddisfatto. Mi sono dato come obiettivo tre anni per passare allo step successivo”.

E quali sono i prossimi obiettivi?
“Ho dei progetti, legati a Evolution Travel. Oltre a specializzarmi in altre destinazioni, ho nel mirino la postazione full che mi permetterebbe di creare delle schede di viaggi.

Che poi verranno caricate sui nostri siti, dove altri promotori poi potranno a loro volta proporle ai loro clienti. Insomma: fare vero e proprio tour operating, portando dentro vari DMC con cui collaboro dai tempi di Costa”.

Un sogno alla portata di tutti

L’idea di diventare consulente viaggi online affascina molte persone. Ma si pensa che le spese siano eccessive. Costa così tanto far parte di Evolution Travel? O l’investimento è abbordabile?
“Aprire un’agenzia su strada ha dei costi molto importanti. Ma in ET non si sono, quindi è un investimento abbordabile.

Se poi si hanno difficoltà economiche, il network è molto flessibile quando riconosce un potenziale nella persona che vuol far parte del team. E va incontro alle esigenze del futuro consulente, magari anche con una rateizzazione”.

I punti di forza del network

Qual è a tuo avviso il principale punto di forza di questo network?
“Sono stato subito colpito dall’organizzazione straordinaria. Dal layout del suo sito (molto accattivante) e dagli strumenti che mette a disposizione per lavorare.

Sono pensati in maniera intelligente e funzionale. Il punto più importante per me era avere un libero accesso al mercato, senza vincoli di vendite in determinate zona (provincia, regione, ecc.).

Con Evolution Travel, addirittura, se si hanno conoscenze linguistiche, si possono vendere viaggi anche a clienti all’estero. Io parlo tre lingue fluenti. Ho visto subito un potenziale in questo. E così ho fatto pendere la bilancia verso ET”.

La formazione: nulla è lasciato al caso

Diversi consulenti esaltano la formazione di Evolution Travel. Perché tuo avviso si distingue rispetto ad altri network?
“Sinceramente non so come funzioni negli altri network. Quello che posso dire è che la formazione in Evolution Travel è studiata in modo eccellente.

Prima di essere operativo c’è un percorso ben strutturato di formazione. Si comincia con il corso online, con dei video nei quali viene toccato ogni aspetto del lavoro.

Dal gestionale a come trovare le soluzioni più in linea con le esigenze del cliente con il CRS (Central Reservation System). Si insegna a elaborare il preventivo.

Terminato il corso di formazione, si hanno 4 giorni di “full immersion” durante i quali vengono rivisti dei preventivi di prova fatti in autonomia durante il corso online.

Viene rivisto quasi tutto il corso in dettaglio e poi si comincia subito a lavorare.

Non si smette mai di imparare

Dopo questa fase, cosa accade?
“Iniziano ad entrare le prime richieste e il formatore ti segue passo dopo passo. Dalla telefonata con il cliente fino alla elaborazione del preventivo, dandoti tutte le “dritte” per rendere al meglio il tuo lavoro.

Durante la fase finale del corso di perfezionamento viene già data visibilità al sito e cominciano a entrare le prime richieste.

Non si smette mai di imparare. Ci sono tanti incontri di gruppo con colleghi per confrontarsi, videoconferenze con esperti in determinate destinazioni, webinar sul marketing e sulle vendite.

Insomma: una formazione continua! Non ci si sente mai abbandonati. Ogni settimana ci sono corsi.

E se non hai tempo di seguirli in diretta, nessun problema: sono tutti caricati nel gestionale, quindi si possono recuperare in qualsiasi momento”.

I veri consulenti viaggi online si aiutano a vicenda

Lavori da solo o ami il gioco di squadra?
“Mi piace il gioco di squadra. Ora come ora lavoro quasi sempre da solo. Ma spesso e volentieri lavoro delle richieste per altri colleghi. Mi vengono date in appalto.

E riguardano destinazioni delle quali ho una conoscenza approfondita. Si lavora quasi sempre da soli. Ma amo confrontarmi con altri colleghi. O aiutarli quando hanno dubbi su alcune destinazioni.

Chi fa parte del network sostiene di sentirsi parte integrante di una famiglia, sempre pronta ad aiutare e dare consigli. Tu che idea ti sei fatto?
Sì, è vero. Quando ho dubbi, oppure ho bisogno di informazioni, posso sempre contare su un aiuto. Quando si inizia a lavorare si viene assegnati a un “gruppo di lavoro”: ci si scambiano consigli e idee.

Dico la verità: all’inizio non ci ho dato peso. Ma ora mi rendo conto dell’importanza di avere altre persone con cui confrontarsi e – perché no? – fare qualche chiacchiera”.

La giornata-tipo del consulente viaggi 

Aiuti gli altri?
“Faccio il possibile, soprattutto per quello che riguarda le destinazioni. Ci sono alcuni Paesi al mondo che conosco molto bene, perché ci ho vissuto.

Quindi spesso e volentieri riesco a dare dei consigli utili sulla destinazione, sugli itinerari da proporre o sulla scelte delle strutture”.

Come organizzi la tua giornata lavorativa da consulente?
“Comincio guardando la corrispondenza. Poi comincio subito con le richieste. Le filtro, cerco di capire quelle che hanno una priorità più elevata. E ciò si ottiene solo con le telefonate.

Diciamo che le prime ore del mattino vengono dedicate alla corrispondenza.

Fisso gli appuntamenti telefonici con i clienti. E, solo dopo avere raccolto tutte le informazioni, comincio con l’elaborazione vera e propria del preventivo”.

lavorare nel turismo online - manuel calamani 1

Il rapporto con i clienti

Qual è la tua strategia per conquistare i clienti?
“La conoscenza della località richiesta per me è fondamentale. Se ho delle richieste per una destinazione che non conosco, preferisco darla in appalto a un altro consulente che tratta quella destinazione.

Non c’è una vera e propria strategia per me. Anche perché ogni cliente ha delle esigenze diverse. Quindi in primis devo capire che aspettative ha il cliente e mettermi nei suoi panni.

L’empatia è una dote fondamentale secondo me in questo mestiere.

Come dicevo, la conoscenza della destinazione è importantissima, così come tutto quello che riguarda le strutture in loco. Ma soprattutto è fondamentale per me riuscire a trasmettere la passione per la destinazione.

Le armi vincenti: trasparenza e onestà

Anche la trasparenza e l’onestà sono fondamentali. Se ad esempio mi viene chiesta una vacanza al mare in Indonesia durante il nostro inverno, è importante che il cliente venga informato che il clima non è favorevole.

Per alcuni agenti di viaggio conta solo vendere, per me no. Mi ritengo un vero e proprio consulente.

Quindi il mio lavoro consiste nel consigliare la destinazione più idonea, fare di tutto affinché il cliente si senta soddisfatto. E che mi cerchi ancora per organizzare anche il viaggio seguente”.

“Grazie a te ho fatto un viaggio stupendo”

Cosa ti soddisfa di più di questo lavoro?
“Quando un cliente torna da una viaggio e mi dice: “È stato un viaggio stupendo”. Penso che sia la più bella gratificazione che ci sia. Vuol dire che ho fatto un buon lavoro”.

C’è un episodio, un risultato legato a questa attività che ti è rimasto nel cuore?
“Ce ne sono tanti. Mi viene in mente la situazione dell’estate scorsa. Ho avuto varie riprotezioni in Indonesia, per via del terremoto a Lombok.

Ho dovuto modificare vari itinerari, cambiando Lombok con altre destinazioni. Ebbene: è stato bello constatare che le soluzioni alternative hanno soddisfatto tutti”.

Identikit del consulente viaggi

Cosa consiglieresti a chi desidera diventare consulente viaggi online?
“Anche per lavorare nel turismo online, per diventare consulenti viaggi, la passione per i viaggi non può mancare. Poi consiglio di specializzarsi in una destinazione.

È importante riuscire a trasmettere al cliente il messaggio che di fronte ha una persona che conosce bene la zona. Che è in grado di dare tutti i consigli importanti per vivere al meglio il viaggio”.

Perché scegliere proprio Evolution Travel?
“Perché è un network che fornisce tutti i mezzi necessari per lavorare bene, come la formazione e l’assistenza da parte di persone specializzate in determinate destinazioni o tipologia di viaggio.

Un network costituito da professionisti che svolgono il proprio lavoro con la massima passione”.

Lavorare nel turismo online: cosa fare per diventare consulente viaggi

E a te piacerebbe lavorare nel turismo online? Bene, se desideri sapere come si diventa consulenti viaggi online, basta accedere a questa guida gratuita: clicca qui!

Se, invece, vuoi conoscere Manuel, puoi incontrarlo sul suo sito di viaggi e vacanze!

Commenta l’articolo e partecipa alla discussione