Distribuzione Online

Come indirizzare le prenotazioni dai siti degli intermediari al sito ufficiale degli hotel

Le difficoltà di migrare le prenotazioni dalle Ota al sito ufficiale dell’hotel

Oggigiorno, a causa della concorrenza spietata dei portali e dei metamotori, che si inframettono nel rapporto diretto tra la struttura ricettiva e il cliente, è divenuto molto più arduo indirizzare le prenotazioni dagli intermediari al sito ufficiale dell’hotel: è molto difficile, infatti, riuscire a posizionarsi primi nelle SERP, senza tralasciare il forte aumento dei costi del marchio su Google Adwords.

Ma i proprietari degli hotel, in realtà, hanno una strategia in pugno che nessuno degli intermediari potrà mai togliere loro: hanno la possibilità di offrire incentivi alla prenotazione diretta in una maniera che è possibile solo sul sito ufficiale dell’hotel. Secondo un sondaggio di un’agenzia americana volto a comprendere le migliori offerte del sito alberghiero che attirano maggiormente gli utenti, emerge che il fattore prezzo ha la sua importanza, ma non basta abbassarlo per rendere la struttura attrattiva, perché si fa presto a vendere a meno, ma non è da tutti saper offrire la migliore ospitalità ad un prezzo anche conveniente.

Spesso può servire molto di più un incentivo ben ideato, in linea con i desideri dei clienti, fidelizzandoli e facendo loro apprezzare fin da subito il soggiorno. L’abilità, magari, sarebbe quella di porre sempre su un piano secondario i piccoli difetti della struttura.

La suddetta agenzia si chiama Overnight Success, ed ha condotto un sondaggio rivolto a 2500 utenti USA, per capire quali sono le promozioni più apprezzate dai clienti degli alberghi e quali di esse li spingono a prenotare direttamente sui siti senza servirsi di siti e servizi di intermediazione.

Ne sono emersi risultati non così scontati, che rivelano le preferenze anche dei turisti italiani e danno ottimi spunti per ripensare la propria strategia di disintermediazione, per provare a proporre nuovi benefici per i clienti diretti o per strutturare nuove offerte speciali di maggior appeal.

1. Al primo posto svetta l’upgrade della camera gratuito

Votato da ben il 48% degli utenti e percepito come il maggiore incentivo alla prenotazione diretta è l’offerta di upgrade di camera gratuito.

– Il 29% degli utenti preferirebbe una suite con angolo living

– il 27% una camera con vista,

– il 22% basterebbe una camera con balcone.

Questo beneficio per i clienti ha surclassato persino il servizio in camera e gli altri servizi dell’hotel (come ad es. la SPA).

È un incentivo che dovrà trovare sicura applicazione per aumentare le prenotazioni dirette, è in grado di incidere notevolmente sulle strategie di vendita, e se, inoltre, la condizione è sottoposta ad un vincolo di disponibilità limitata diventa anche facilmente gestibile.

È meglio proponibile da chi ha hotel molto grandi, mentre è meno indicata per chi ha piccole strutture con poche camere. In ogni caso, può essere un buon incentivo anche per i periodi di bassa occupazione o di bassa stagione.

1-disintermediazione

2. Al secondo posto: il cibo

Dovendo gli utenti scegliere tra servizi di cui poter usufruire in camera, il cibo risulta il secondo incentivo di maggior successo.

Il 43% dei partecipanti opterebbe per un pasto gratuito servito in camera mentre solo il 19% vorrebbe un massaggio gratuito. Va considerato che negli hotel italiani la colazione è quasi sempre compresa nel prezzo e non tutti offrono il servizio in camera.

Una valida alternativa può essere quella di offrire gratuitamente una selezione di bevande e snack nel minibar. Un servizio molto apprezzato soprattutto da chi viaggia con i bambini.

2-disintermediazione

3. Una gift card per il ristorante

Tra i maggiori incentivi dei quali usufruire fuori dall’hotel, sul podio si collocano gli incentivi legati al mondo dell’enogastronomia. Il 45% degli utenti preferirebbe avere una gift card presso il ristorante, mentre solo il 22% preferirebbe i biglietti gratuiti per un evento. Solo i giovani (18-34) preferiscono all’incirca nella stessa misura le gift card per il ristorante, i biglietti gratuiti per eventi o per parchi acquatici e divertimenti.

Se l’hotel è dotato di un servizio di ristorazione interno, offrire uno sconto o un pasto gratis a chi prenota direttamente sul sito web dell’albergo significa incentivare i clienti a mangiare presso la stessa struttura piuttosto che costringerli ad andare altrove. Se, invece, non si ha un ristorante nella struttura alberghiera, l’ideale è fare una convenzione con uno o più locali vicini in modo da indirizzarvi i clienti, o magari con più di uno, così da poter offrire una scelta più ampia agli ospiti, che sicuramente ne approfitteranno volentieri.

Tra questi dati, emerge chiaramente come i clienti vadano sempre più coccolati e viziati per catalizzare il loro interesse per acquisire il gradimento verso la struttura ricettiva, invogliandoli a tornare non solo di persona ma anche ad effettuare le prossime prenotazioni direttamente sul sito dell’hotel.

3-disintermediazione

E voi quali incentivi o gift strategy utilizzereste per motivare i vostri clienti a prenotare dal sito ufficiale dell’hotel? Quali sono i benefit che secondo voi sono tra i più efficaci?

 


 

Ti potrebbe interessare:

 

Come scegliere i canali distributivi per la promozione dell’hotel sul web

I social e il loro potere nel mondo dell’hotellerie

 

985 visite
Commenta l’articolo e partecipa alla discussione