Ti trovi in: Home » Distribuzione Turismo 2.0: Imparare a conoscere i canali online OTA » Progettare la Multicanalità:Twitter

Progettare la Multicanalità:Twitter

Pubblicato su Distribuzione Turismo 2.0: Imparare a conoscere i canali online OTA,IN EVIDENZA,Social Media,Twitter,Web Marketing Turistico Alberghiero

26 marzo 2012

Giunti ormai al 5 appuntamento di progettare la multicanalità è ormai chiaro come i social network in generale non possono essere intesi come dei canali di distribuzione (ad esclusione di quelli che offrono la possibilità di inserire un booking engine utile alla prenotazione diretta), ma come strumenti di supporto alla distribuzione e di consolidamento del brand, e quindi dell’immagine della struttura ricettiva.

Dopo Facebook, tra gli strumenti più utilizzati troviamo Twitter a dominare la scena. Uno strumento con logiche apparentemente uguali agli altri strumenti social ma diverso per tipologie di comunicazione (si pensi ai 140 caratteri che lo contraddistinguono) e grado di engagement (partecipazione ed interazione tra soggetti).

Il Segreto di Twitter: la Coerenza

Il segreto di Twitter è la coerenza che deve necessariamente esprimersi in informazioni specifiche e di valore, siano esse informazioni proprie o provenienti da fonti esterne, l’importante è essere costanti e fedeli alla comunicazione precedentemente preventivata.

Prima Regola: Specializzarsi

Se si vuole aver successo su Twitter la prima regola è specializzarsi su delle nicchie, diventare dei veicolatori di informazioni di valore, ed essere perciò riconoscibili e ricercabili.

Per imparare ad utilizzare Twitter come uno strumento di distribuzione 2.0 occorre in primis spostare il focus dalla transazione alla relazione: Brian Simpson direttore di Roger Smith Hotel sostiene che Twitter serve per raggiungere le persone in modo tale da costruire dei rapporti con loro prima di vendere e per guidarli ad essere più coinvolte con l’hotel stesso al di fuori della sola prenotazione di una stanza;
Essere auto promozionali su Twitter è l’esperienza più deludente che si può avere. Twitter ha lo scopo di far crescere l’immagine di hotel se e solo se si hanno degli obiettivi di comunicazione ben chiari sin dall’inizio.

Twitter come Supporto alle Vendite: Strategia “Out-In”

Per Twitter esiste Pay with a Tweet (sistema di pagamento sociale) un utilissimo e sensato strumento di promozione per un hotel, consente infatti attraverso un semplice click di twittare un messaggio e ricevere un coupon valido come sconto. Un bel sistema per creare buzz (rumor attorno al proprio brand) e disintermediare. Il codice sconto che si ottiene infatti è il compenso per aver condiviso con i propri follower un messaggio (in questo caso pre-impostato).
Lo strumento del pay with a tweet va inserito su fonti esterne (“out”) a Twitter, lo scopo è quello di attirare i clienti che arrivano direttamente sul sito e/o blog dell’hotel i quali percependo il valore dello sconto sono maggiormente più propensi ad effettuare l’azione del tweet (“in”).

Strategy First

Se non esiste una strategia integrata, è difficile avere successo su Twitter. Avere una strategia integrata, implica la predisposizione di una serie di azioni tali da far interagire diversi strumenti tra di loro. Blog, Sito, marketing offline.

La necessità di creare una strategia integrata consente di raggiungere i propri utenti e di portarli in modo efficace all’obiettivo auspicato.

E’ importante ricordare che: qualsiasi siano gli obiettivi da raggiungere, Twitter da solo non basta.

Ti consiglio di leggere anche i seguenti articoli:

Guida all’uso di Twitter per Hotel e operatori del turismo
Progettare la Multicanalità: YouTube
Progettare la Multicanalità: il Blog
Giovanni Cerminara
Consulente Web Marketing Turistico
www.giovannicerminara.it



Lascia un commento

Devi essere logged in to post a comment.