Giovanni Di Tomaso

Consulente Formatore Professionale Food & Beverage Management

Articoli - Contributi

Metodo WINSPID? Prima di parlarne, vorrei riportare un aneddoto. Si racconta che a una conferenza sull’architettura alla Sorbona di Parigi, Alavar Aalto, guest star dell’evento, si sia presentato sul palco (qualcuno dice visibilmente ubriaco) e abbia pronunziato una sola frase: “L’architecture c’est très difficile”. A

361 visite

Come si fa ad assumere la persona giusta? Non è facile dare una risposta certa. Ma fornendo strumenti efficaci a chi conduce un colloquio per l’assunzione sicuramente si riducono i margini di errore. Un metodo che dà ottimi riscontri è il “Competency Based Interview”, ossia

5.164 visite

Bonjour chefs, artisti culinari, ristoratori, appassionati dell’alta cucina e semplici “good-forks”! Oggi parliamo di grandi chef. Anzi di video su grandi chef. Permettetemi di fare pubblicità gratuita a Netflix, la famosa piattaforma di servizi streaming on line. Vi inviterei ad abbonarvi, anche per un solo

560 visite

Immaginate di andare a cena in un nuovo ristorante e di leggere sul menu: “zuppa d’agosto con pallottine di broccoli e latte esotico”. Avete più opzioni: chiedere delucidazioni al cameriere ordinare altro prendere in giro il cameriere chiedendogli dove si possano lanciare le “pallottine” Presumo

10.483 visite

Il seguente articolo andrebbe letto come la seconda parte del precedente “Ristorazione alberghiera: what’s the problem?”, nel quale si focalizzava l’attenzione su quegli outlet ristorativi in hotel che presentano alti rischi (ristoranti e servizio in camera) e sulle relative contromisure intraprese dalle catene più note.

550 visite

Ristorazione alberghiera: what’s the problem? Perché, c’è un problema? La risposta sembrerebbe essere NI. La ristorazione è un settore fondamentale per l’hôtellerie: ciononostante, normalmente, genera un 20% di ricavi e un 80% di problemi (Gabriele Enrico, Avalon Food & Consulting). Se da una parte se

957 visite

Un dibattito al quale mi piace partecipare ultimamente è quello sui ristoranti child-free. Ovvero ristoranti, ma anche hotel, resort, caffetterie, navi da crociera, e addirittura appartamenti (!) etc., che vietano l’ingresso ai bambini. Non sono pochi gli articoli e i forum che trattano l’argomento e

380 visite