• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Del viaggiare, e del viaggiatore

#63
Vietnam
Si può andare indietro nel tempo viaggiando alla (ri)scoperta dei luoghi della memoria.
I musei, baluardi della cultura, della rimembranza e della coscienza civica, ne sono l'esempio lampante.
Una visita ad Aushwitz, per esempio, è educativa per le nuove generazioni.
Un soggiorno in Vietnam vale lo stesso. Oltre alle bellezze naturali vale la pena visitare il War Remnants Museum di Saigon ed il "sentiero Ho Chi Minh", il tratto visitabile naturalmente, dove purtroppo c'è ancora qualche turista irrispettoso ed ignorante che si compiace di fotografarsi...

https://www.corriere.it/sette/ester...ce-c5fa492a-24ca-11ea-9531-c9ac2e82635a.shtml
 
#73
Sardegna, la spiaggia La Pelosa di Stintino diventa a pagamento
Per salvarla dall’erosione causata dal passaggio dei bagnanti sarà a numero chiuso e costerà 3,5 euro a persona

18 febbraio 2020

Nelle corso delle ultime estati alcune delle più rinomate spiagge della Sardegna sono state prese d’assalto dai turisti. Troppi, secondo i sardi. Per mantenerle così belle dalla prossima estate cambierà tutto: accessi limitati, automobili off-limits e ingressi a pagamento.

La prima sarà la spiaggia La Pelosa di Stintino. Per salvarla dall’erosione causata dal passaggio dei bagnanti sarà a numero chiuso, con un tetto massimo di 1500 persone al giorno, ma bisognerà anche pagare un ticket che si attesterà intorno ai 3,5 euro a persona. Saranno esclusi dal pagamento i bambini fino a 12 anni. La tariffa sarà in vigore ogni anno dall’1 giugno fino al 30 settembre e si pagherà per entrate dalle 8 del mattino alle 18.

Addio ai furbetti. All’ingresso sarà consegnato a ogni bagnante un braccialetto biodegradabile di diverso colore in base al giorno della settimana. La spiaggia sarà raggiungibile a piedi anche dalle spiaggette vicine per una passeggiata, ma non si potrà sostare se non con il braccialetto al polso.



Già prima erano state imposte alcune regole che resteranno in vigore anche nell’estate 2020: l’obbligo di utilizzo della stuoia (e non il telo mare), il divieto di asportare sabbia dalla spiaggia, di introdurre animali fino alle ore 20 e di portare borse frigo e soprattutto resterà una spiaggia “smoke free”.

Riconosciuta universalmente come una delle più belle spiagge d’Europa, La Pelosa ha sabbia finissima, fondali limpidi e i colori turchese e azzurro del mare che si confondono col cielo.

Il panorama così suggestivo è dato dalle torri che la incorniciano e dai faraglioni di Capo Falcone, dall’isola Piana e dall’Asinara che la proteggono dall’impeto del mare aperto. Negli Anni Settanta era famosa per le sue dune, ormai quasi del tutto sparite. Forse un giorno si riformeranno.






La spiaggia La Pelosa @iStock

https://siviaggia.it/
 
#79
I braccioli dell'aereo

Anche i viaggiatori che utilizzano spesso l’aereo probabilmente non ne conoscono tutti i “segreti”, a partire da quelli riguardanti i braccioli dei sedili. Molte possono essere le domande da porsi in merito: a chi spettano? C’è un modo per sollevarli e avere, di conseguenza, più spazio? Qual è il motivo per cui si abbassano durante il decollo e all’atterraggio? E per quanto riguarda l’igiene?
Proviamo a rispondere. Innanzitutto partiamo con il definire a chi spettano i braccioli, una questione tra le più discusse. I passeggeri di solito sono portati a pensare di avere diritto a un solo bracciolo ma non è proprio così. Infatti, chi occupa il sedile di mezzo ha diritto all’utilizzo di entrambi i braccioli.
Questo sedile centrale non offre i vantaggi di quello accanto al finestrino o al corridoio e il viaggiatore si trova spesso compresso in uno spazio angusto, magari tra sconosciuti: per ovviare almeno in parte al disagio, ha pertanto diritto a usarli tutti e due.
Se ancora lo spazio è scarso, basta premere un “bottone segreto” (non indicato dalle compagnie aeree) per alzare il bracciolo in modo tale da ottenere più libertà di movimento. Dove si trova questo bottone misterioso? Semplice: accanto alla cerniera. Una volta spinto, il pulsante il supporto sarà rilasciato e lo si potrà disporre in modo che sia allineato con la parte posteriore del sedile.
Un’altra domanda può riguardare la motivazione per cui i braccioli devono essere abbassati nel momento del decollo e in quello dell’atterraggio. Entrambe rappresentano le fasi più delicate di un volo in cui gli aerei di linea viaggiano a una velocità notevole. Fino a che non raggiungere la velocità di decisione, il pilota può comunque stabilire di interrompere il volo e fermarsi: se il bracciolo è alzato, finirà con l’abbassarsi bruscamente con il rischio di ferire qualcuno. Per questo, è buona norma rispettare sempre tutte le indicazioni impartite.
Infine, ma non per ultimo, diamo uno sguardo alla questione dell’igiene. I braccioli sono uno dei componenti più utilizzati del sedile e, di conseguenza, per quanto puliti accuratamente, andrebbero igienizzati con salviettine battericide e disinfettanti prima di usufruirne.


https://siviaggia.it/informazioni-utili/braccioli-aereo-tutto-quello-da-sapere/270313/
 

Utenti online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
5,722
Messaggi
34,726
Utenti registrati
15,634
Ultimo utente registrato
Daniele Vasapollo
Top