• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Succede anche questo

"Coronavirus, per chi guarisce un mese senza sesso"
Citando uno studio cinese che ha trovato tracce di Covid nello sperma, il medico thailandese Veerawat Manosutthi afferma che il virus è sessualmente trasmissibile

venerdì 15 maggio 2020 17:46

BANGKOK (Thailandia) - "Chi guarisce dal Coronavirus dovrà evitare il sesso per almeno 30 giorni". È quanto afferma il medico del dipartimento di controllo delle malattie thailandese Veerawat Manosutthi, che cita uno studio cinese nel quale sono state trovate tracce del Covid-19 nello sperma del 16% dei 38 uomini contagiati analizzati. Dopo il mese di astinenza, poi, sarà fondamentale "riprendere l'attività" indossando un preservativo, perché si teme che il virus possa risiedere ancor più a lungo all'interno dei testicoli. A tal proposito, il ricercatore Shixi Zhang, dell'ospedale municipale di Shangqiu, afferma che "la sopravvivenza della SARS-CoV-2 nel seme di un paziente in fase di recupero mantiene la probabilità di infettare gli altri". Manosutthi rincara la dose: "Si dovrebbe anche evitare il bacio poiché è risaputo che può diffondersi anche attraverso la saliva", afferma ai microfoni di Khaosod English.

https://www.corrieredellosport.it/n...avirus_per_chi_guarisce_un_mese_senza_sesso_/
 
Thailandia, un mini sito e certificazione per supportare la ripresa nel turismo
[ 0 ] 20 maggio 2020 10:39
Tourism Authority of Thailand ha lanciato un mini sito dedicato al progetto “Amazing Thailand Safety and Health Administration: Sha” per cominciare di nuovo a parlare di turismo e a mitigare gli impatti della crisi Covid-19 accelerando la ripresa nel settore dei viaggi. La certificazione Sha di Amazing Thailand prepara gli operatori turistici thailandesi al ritorno del turismo post Covid-19 e conferma lo status della Thailandia quale destinazione sicura per i turisti nazionali e internazionali.

Il progetto è sviluppato nell’ambito di una collaborazione tra Tat e i partner del settore pubblico e privato, tra cui ministero della sanità pubblica, ministero del turismo e dello sport, Convention and Exhibition Bureau, Board of Trade of Thailand, Federation of Thai Spa and Wellness Association, Thai Reatailers Association, Thai Hotels Association, Association of Domestic Travel, Thai Amusement and Leisure Park Association, Thai Restaurant Association, Thai Spa Association, Thai Boats Association, and Event Management Association. Per accedere al minisito e approfondirne la conoscenza https://thailandsha.tourismthailand.org/

travelquotidiano.com
 
Ma le destre sono tutte uguali...

L'ira di Meloni contro il settimanale olandese: "Italiani come parassiti, Olanda si scusi"
Il magazine di destra Elsevier Weekblad esce con una copertina offensiva nei confronti dei cittadini dell'Europa del Sud raffigurati a godersi il sole in ozio mentre gli olandesi lavorano



30 maggio 2020



Una coppia di europei del Sud raffigurati secondo i più tradizionali stereotipi - un uomo baffuto dai neri capelli, una donna dalle forme mediterranee - oziano godendosi il sole. Mentre due olandesi - rigorosamente biondi - lavorano duro: una donna manager che va di corsa, un operaio che avvita una ruota gigante con una enorme chiave inglese. E' la copertina del settimanale olandese Elsevier Weekblad, che offende i nostri connazionali. E che, nonostate il giornale sia orientato a destra, ha mandato su tutte le furie la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. "Ripugnante copertina dell'Elsevier Weekblad, il principale settimanale olandese - scrive la leader sovranista su Facebook allegando la foto del magazine -. Gli italiani e i cittadini dell'Europa mediterranea sono raffigurati come parassiti nullafacenti che bevono, stanno in vacanza e passano il loro tempo sui social mentre i cittadini del Nord Europa mandano avanti tutta la baracca, lavorano duramente e senza fermarsi mai. Non accettiamo lezioni da questi signori e dall'Olanda, che ha creato un paradiso fiscale in Europa e drena risorse a tutti gli altri Stati membri".


Meloni quindi chiede al ministreo degli Esteri Luigi Di Maio di pretendere scuse formali dall'Olanda: "Fratelli d'Italia chiede al ministro Di Maio di convocare oggi stesso l'ambasciatore olandese a Roma e pretendere le scuse immediate. E aspettiamo la condanna di tutte le forze politiche italiane, a partire da quelle che blaterano di europeismo e in Europa sono alleate del premier Rutte".

La copertina di Elsevier Weekblad ha suscitato le critiche anche del M5s: "Diffonde odio e pregiudizi contro i Paesi del Sud - scrive l'europarlamentare cinqestelle Ignazio Corrao - L'immagine del nordico lavoratore e il meridionale vacanziero è un cliché pessimo e denota anche una scarsa conoscenza delle nostre abitudini visto che nel Sud Europa non beviamo vino e caffè al sole mentre giochiamo a backgammon. Quella copertina piuttosto sembra la caricatura di un olandese buontempone in vacanza in Spagna, Italia, Grecia o Portogallo. Il piano della Commissione europea sul Recovery Fund, anche se non perfetto, rappresenta un deciso passo avanti nella direzione di un'Europa più solidale e giusta. L'Olanda, piuttosto, non ha nessun titolo per dare lezioni visto che non rinuncia al giochino del paradiso fiscale che frega risorse a tutti gli altri e che si approfitta del mercato unico e delle rotte commerciali europee a propria convenienza".

https://www.repubblica.it/politica/...1483/?ref=RHPPTP-BH-I257740547-C12-P4-S3.4-T1
 
Mi Piace: Mod
La Grecia vieta l’ingresso ai turisti italiani
29 Maggio 2020

Atene riapre le porte per l’estate, ma non a tutti.

Le Grecia si blinda, ma solo agli italiani e a pochi altri. Vietato l’ingresso ai turisti provenienti dallo stivale dal 15 giugno prossimo, data in cui il paese riaprirà le frontiere a 29 Stati. L’Italia è tra gli esclusi.

Il ministero del Turismo avrebbe setacciato i dati epidemiologici di ogni Paese, per decidere a chi riaprire le proprie porte. Era stato, in particolare, un quotidiano greco a svelare in anteprima l’esistenza di questa lista. La conferma, oggi, arriva dallo stesso ministero del Turismo che rende noti i nomi dei 29 Stati “ben accetti” ad Atene e dintorni. Potrà entrare in Grecia chi arriva da Albania, Australia, Austria, Nord Macedonia, Bulgaria, Germania, Danimarca, Svizzera, Estonia, Giappone, Israele, Cina, Croazia, Cipro, Lettonia, Libano, Lituania, Malta, Montenegro, Nuova Zelanda, Norvegia, Corea del Sud, Ungheria, Romania, Serbia, Slovacchia, Slovenia, Repubblica Ceca e Finlandia. Il che non va inteso come “nazionalità”, ma come “residenza“, o comunque provenienza: tradotto, un italiano che vive e lavora in Nuova Zelanda e viene da lì può entrare in Grecia.

È comunque possibile attendersi dei cambiamenti, in base all’andamento dei dati sulla diffusione del virus nei singoli Stati. Un primo aggiornamento, sempre a seconda dei numeri dell’epidemia, avverrà a inizio luglio: l’Italia potrebbe essere inclusa, quindi, in un secondo momento, sempre che l’evoluzione dei contagi, sotto la valutazione delle autorità greche, lo permetta.

L’Europa, al momento, non ha competenza in questa materia: la scelta se riaprire le frontiere e a chi spetta alle singole nazioni, l’Unione europea può solo – e lo ha già fatto – invitare gli Stati membri a coordinarsi e ad agire in modo non discriminatorio. L’assenza di una regia europea, su questo fronte, per molti, si sente, a cominciare dal presidente della Regione Veneto Luca Zaia, che disapprova il modo in cui l’Italia sia considerata “la Wuhan d’Europa”.

C’è, infatti, anche l’Austria ancora scettica sulla possibilità di riaprire agli italiani. E non solo lei, come ricorda, duramente, Zaia: “La Svizzera apre a tutti tranne noi, considerandoci appestati; anche la Croazia si sta muovendo in questa direzione. Che differenza c’è tra l’Italia e la Francia? Si mette in discussione la qualità sanitaria del nostro Paese. Non può passare l’dea che siamo un lebbrosario”.

https://www.laleggepertutti.it/403926_la-grecia-vieta-lingresso-ai-turisti-italiani
 
Mi Piace: Mod
Prenotazioni a picco per Booking. E l'Olanda sta a guardare
Sono crollate dell'85% e nel primo trimestre. Perdite pari a 700 milioni di euro. Dopo un primo aiuto da parte del governo dell'Aja, il governo olandese ha messo dei paletti a chi chiede sussidi per pagare gli stipendi ai lavoratori. E cento intellettuali sono insorti contro gli aiuti a una società, che oggi fa parte del gruppo Usa Priceline e paga le tasse fuori dal Paese

di BARBARA ARDU'

Un piano "a lungo termine" per fare uscire Booking.com dalle secche in cui sembra essersi arenata. E' quanto dovrebbe propore il board aziendale a breve. La regina delle prenotazioni online di alberghi, nata in Olanda, ma dal 2015 di proprietà del gruppo Usa Priceline, è stata colpita, ma non ancora affondata dal Covid-19. Nel primo trimestre dell’anno ha registrato una perdita di quasi 700 milioni di euro: le prenotazioni in tutto il mondo sono precipitate dell'85%. Al quartier generale di Amsterdam (5.500 dipendenti nei Paesi Bassi, 17.500 nel mondo) tira una brutta aria. Per far fronte alla crisi Booking ha chiesto e ottenuto dal governo olandese l’aiuto previsto per pagare gli stipendi. Non l’avesse mai fatto. Sono volate critiche da tutte le parti. Cento intellettuali olandesi hanno scritto una lettera pubblica sostenendo che il governo non dovrebbe aiutare una società che non solo non è più olandese (nel 2015 è passata per 120 milioni di euro agli americani di Priceline, un affare all’epoca), ma che oltretutto paga le tasse all’estero e ha fatto utili e distribuito dividendi fuori dal Paese (l'anno scorso ha realizzato un profitto di 4,9 miliardi di dollari).

(continua su: https://www.repubblica.it/economia/...20220/?ref=RHPPLF-VE-I257335871-C8-P2-S2.4-T1 )


 

Mod

Amministratore
Staff Forum
Che le prenotazioni di Booking fossero andate a picco era evidente con un mercato globale pressochè chiuso.
Sugli aiuti di Stato ...l'Olanda soprattutto in questi ultimi mesi ha perso del tutto la mia positiva considerazione. Un popolo davvero molto strano.
Della faccenda mi spiace solo per i lavoratori.
 
Il primo disco, e forse l'ultimo, di Tenzin Gyatso...

Tenzin Gyatso, per chi non lo avesse ancora capito, altri non è che il Dalai Lama.
Il disco altro non è che, edito per scopi benefici, un mantra.
Il discorso è lungo, ed implica, approfondendolo, conoscenze filosofiche e fisiche (nel senso della disciplina scientifica) che vanno al di là degli insegnamenti accademici.
Molto al di là.
Forse non è alla portata di tutti. Peccato.
Cosa c'entra con un sito che parla di turismo?
C'entra eccome, fate uno sforzo.
Io non ne farò per spiegare, sono troppo pigro e non ne ho alcuna voglia.:p
Posso solo dire che, solamente dal punto di vista della tecnica musicale, questo disco è un capolavoro. Chi mastica di musica e armonia sa di cosa parlo.
Tanto per farla breve, Momondo (chi bazzica questo sito dovrebbe sapere di cosa parlo), propone un test:
https://www.momondo.it/discover/test-travel-mantra
Buona vita!!!!:D
 
Mi Piace: Mod
Il successo della Thailandia nella lotta contro il Covid-19 ha un prezzo: disperazione e suicidio
Il dipartimento di salute mentale ha lanciato un programma per aiutare i thailandesi a far fronte alla crisi della salute mentale, che include un piano di prevenzione chiamato "vaccino mentale"

Federica Vitale

21 Giugno 2020

Il tasso di successo nella lotta contro la pandemia da Covid-19 in Thailandia ha avuto una conseguenza disastrosa: stress, disperazione e un aumento dei suicidi. I casi di coronavirus della Thailandia e i tassi di mortalità sono tra i più bassi al mondo, con circa 3.100 casi confermati e 58 decessi. Gli epidemiologi tailandesi affermano che il loro sistema sanitario – uno dei migliori al mondo – ha svolto un ruolo importante, oltre alla rigorosa quarantena.

Come in altri Paesi, anche le misure per contenere il virus hanno causato gravi interruzioni quando l’economia si è improvvisamente fermata. Negozi, uffici, centri commerciali, mercati, fabbriche, palestre, ristoranti e bar sono stati costretti a chiudere. I voli nazionali e internazionali sono stati sospesi. Le poche aziende rimaste aperte, come i supermercati, sono state costrette ad effettuare controlli di temperatura alla porta e fornire disinfettante ai clienti. Nel frattempo, alle persone è stato ordinato di rimanere a casa e, se hanno lasciato, sono stati costretti a indossare una maschera.

A maggio, il governo ha iniziato a revocare le restrizioni e, a metà giugno, la maggior parte delle società ha potuto riaprire. Tuttavia, uno dei maggiori costi della pandemia è stata la salute mentale dei thailandesi. Varoth Chotpitayasunondh, psichiatra e portavoce del dipartimento di salute mentale del Ministero della sanità pubblica tailandese, ha dichiarato che ora che la minaccia di Covid-19 è sotto controllo, il governo deve affrontare una sfida sanitaria diversa: “La prossima ondata del problema sarà la salute mentale“.



I dati che parlano
Secondo il rapporto globale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) del 2016 sulla salute mentale, con 14,4 suicidi per 100.000 persone, la Thailandia ha il più alto tasso di suicidi nel sud-est asiatico. Il governo contesta queste cifre, affermando che i suoi dati mostrano un tasso base di 6-6,5 morti per suicidio per 100.000 persone.

Ciò che le autorità non contestano è che le difficoltà economiche causate dalla pandemia e dall’aumento della disoccupazione possono portare a un aumento dei suicidi. Per compensare le difficoltà economiche, a marzo il governo ha lanciato un programma di aiuti finanziari che erogava 5.000 baht (142 euro) al mese, per tre mesi, per le persone il cui reddito è stato colpito. Quasi 29 milioni di thailandesi si sono iscritti.

Tuttavia, ritardi e rifiuti hanno spinto alcuni abitanti alla disperazione. Ad aprile, una donna ha bevuto veleno per topi fuori il Ministero delle finanze per protestare contro il lungo processo di richiesta di 142 euro.

Somchai Preechasilpakul, professore di diritto all’università di Chiang Mai, fa parte del team che ha pubblicato un rapporto alla fine di aprile, in cui è stato riscontrato che degli oltre 80 tentativi di suicidio analizzati ad aprile, 44 erano collegati a difficoltà causate dal blocco economico. Chotpitayasunondh ha studiato il modello della crisi finanziaria asiatica del 1997 per preparare la risposta. Una profonda recessione e un’austerità schiacciante hanno provocato un aumento dei suicidi in Thailandia – lentamente all’inizio, raggiungendo due anni dopo, nel 1999, 8,6 decessi suicidi per 100.000 abitanti e con tassi superiori alla media iniziale per cinque anni dopo l’impatto.

Gli studi sulla crisi finanziaria globale del 2008 hanno correlato la disoccupazione con un aumento del numero di suicidi nelle regioni di tutto il mondo. Un rapporto delle Nazioni Unite a maggio ha lanciato l’allarme sulla necessità di agire sull’impatto del Covid-19 sulla salute mentale.

In Tailandia, molti dei settori più cruciali dell’economia sono stati gravemente colpiti dal blocco. Il turismo, che rappresenta il 20% del PIL nazionale, è crollato quando i confini internazionali sono stati chiusi e le compagnie aeree hanno sospeso i voli. La produzione rappresenta il 30% del PIL, ma le fabbriche sono state chiuse e le esportazioni troveranno difficoltà a riprendersi poiché il commercio globale rimane incerto.

La Thailandia ha controllato la diffusione del virus in parte a causa di una vasta rete di oltre un milione di volontari sanitari, che si sono recati porta a porta per controllare le temperature, distribuire consigli sulla salute pubblica ed eliminare la disinformazione. Di notte, hanno cucito le maschere e, al mattino, le hanno distribuite ai vicini.

Ora, gli stessi volontari riceveranno una formazione di base per riconoscere lo stress, lo stress e l’ansia. Se uno dei vicini mostra segni di possibile depressione o pericolosa idea suicida, dovrà indirizzarli a infermieri, assistenti sociali o psichiatri.

Il dipartimento di salute mentale ha lanciato un programma per aiutare i thailandesi a far fronte alla crisi della salute mentale, che include un piano di prevenzione chiamato “vaccino mentale“, progettato per fornire linee guida per lo sviluppo della resilienza mentale e la ricerca di modi per adattare le attività alle sfide comunità.

Per creare autostima e un senso di controllo, i villaggi possono incaricare i volontari di lavorare nella comunità come un modo per dare loro un senso di scopo in un momento incerto. Le famiglie possono adattare i loro ruoli per condividere l’onere causato dal periodo di interruzione della pandemia. Se uno perde il lavoro, un altro membro della famiglia può svolgere un lavoro imprenditoriale, ad esempio la vendita di cibi cotti in mercati di nuova apertura.

Le comunità possono promuovere un senso di sicurezza e tranquillità con informazioni misurate e trasparenti sul Covid-19 e diffondere suggerimenti su come affrontare lo stress e l’ansia. I leader e gli studiosi dei villaggi vengono incoraggiati a riunire i loro quartieri per aiutarsi a vicenda.

https://infinitynews.it/
 
Coronavirus, è italiana l'unica venditrice ambulante di mascherine autorizzata dal Comune di Londra
Originaria di Alghero, Solidea Usai è l'unica venditrice ambulante di mascherine autorizzata dal Comune di Londra. Solidea da sette anni vive nella capitale inglese. Da quando è scoppiata la pandemia ogni giorno gira per la città, dalle zone periferiche alle più centrali come Oxford Street, per vendere le sue creazioni fatte a mano con all'interno filtri di carta idrorepellente, personalizzabili per chi ha esigenze fisiche particolari e soprattutto riutilizzabili. "Facevo la cameriera e studiavo per diventare commercialista, ma l'emergenza sanitaria mi ha costretto a rivedere tutti i piani e così mi sono reinventata grazie alla passione per il cucito che mi porto dalla mia Sardegna", racconta Solidea che arriva a vendere anche trenta mascherine al giorno al costo di 6 sterline l'una, circa 7 euro.

Di Alessandro Allocca

https://video.repubblica.it/dossier...63181?ref=RHPPTP-BS-I257387636-C12-P4-S4.3-T1
 
Catalfo: "Al lavoro su provvedimento per bonus da 600 euro anche per stagionali del turismo"
La ministra del Lavoro su Facebook: "Lavoriamo a riforma organica degli ammortizzatori sociali"

MILANO - Il governo si prepara ad estendere la platea dei beneficiari dei sostegni al reddito varato dal governo, puntando su chi è rimasto tagliato fuori dai sussidi. "Sto lavorando a un decreto rivolto
ai lavoratori del settore turismo che, pur lavorando come stagionali, sono stati assunti con contratti a tempo determinato e per questo non hanno avuto accesso agli strumenti di sostegno al reddito stanziati dal Governo", ha scritto su Facebook la ministra del Lavoro Nunzia Catalfo. "Non appena questo provvedimento passerà al vaglio della Ragioneria generale dello Stato e della Corte dei Conti, il bonus di 600 euro per i mesi di marzo, aprile e maggio potrà essere richiesto e percepito da quei lavoratori dipendenti a tempo determinato che operano nel settore turismo e degli stabilimenti termali che hanno lavorato sia nel 2018 sia nel 2019 per almeno trenta giornate".

https://www.repubblica.it/economia/...7445/?ref=RHPPTP-BH-I259240848-C12-P5-S4.4-T1
 
Coronavirus nel mondo: la Spagna da oggi riapre le porte ai turisti Schengen e del Regno Unito
Superati i 2 milioni di casi in America Latina, in Brasile quasi 50mila morti. Il sindaco di Rio ferma il campionato di calcio. Negli Usa infezioni in aumento in 20 Stati. In Germania, vista la gravità della situazione nel macello di Toennies, è possibile che si ricorra al lockdown nel Nordreno-Vestfalia

Mappa aggiornata · Evoluzione contagi
Quasi nove milioni di contagi nel mondo, 8.809.872 secondo i dati aggiornati della Johns Hopkins University (alle 14). Le vittime confermate sono 464.752. Gli Stati Uniti sempre primi, i più colpiti ma la pandemia non si arresta neanche in Brasile, che segue a ruota. Le vittime sono ormai quasi 50 mila (49-976), con un balzo di 1.022 nuovi decessi registrati nelle ultime 24 ore. I contagiati sono 1.032.913. Secondo gli esperti, però, i numeri reali sarebbero assai più elevati, perché in Brasile i test non vengono fatti in modo capillare. In Europa, dove il virus ha rallentato, il bilancio è di 2,5 milioni di persone contagiate e più di 192 mila decessi.
L'Oms: "Stiamo entrando in una fase nuova e pericolosa"
Il Vecchio Continente supera i 2,5 milioni di infetti, segno di un'epidemia che avanza e che, finito il lockdown, sta entrando in "una fase nuova e pericolosa", ha avvertito l'Organizzazione Mondiale della Sanità OMS. Nelle ultime due settimane, i paesi dove sono aumentati gli infetti sono il doppio di quelli dove i casi sono diminuiti per un totale di 81 contro i 36 Stati che hanno registrato un calo. Più della metà delle vittime in Europa sono state registrate in Russia (576.952 per 8.002 morti), nel Regno Unito (301.815 casi, 42.461 decessi), in Spagna (245.575, 28.315) e in Italia (238.011, 34.561), secondo l'Afp. Con almeno 2.500.091 casi, e oltre 192.158 decessi, l'Europa resta il Continente più toccato dalla pandemia tuttavia è in America Latina che il virus avanza più velocemente. La Spagna riapre ai turisti
Dopo 14 settimane di lockdown la Spagna, che è stato uno dei Paesi europei più colpiti dalla pandemia, mette fine allo stato di emergenza sanitaria. Il Paese ha registrato negli ultimi mesi oltre 28mila decessi, con 245mila casi di contagio. Da oggi gli spagnoli potranno spostarsi al di fuori della provincia nella quale risiedono e i turisti dell'area Schengen e del Regno Unito (ma non il Portogallo) potranno entrare dalle frontiere, che saranno aperte anche agli extra Ue a partire dal 1° luglio. Per oggi è previsto l'arrivo di 100 voli dall'estero negli aeroporti spagnoli. Il turismo contribuisce all'economia spagnola con oltre il 12 per cento del prodotto interno lordo. Alcune restrizioni rimangono tuttavia in vigore per locali pubblici come bar e ristoranti, in base alla situazione epidemiologica delle varie aree del Paese. Le scuole rimarrano chiuse ed è previsto che le lezioni in aula riprendano a partire da settembre. A livello nazionale c'è inoltre l'obbligo di indossare le mascherine sui mezzi di trasporto pubblici, sugli aerei, nei negozi e in altri spazi pubblici al coperto. Multa fino a 100 euro per chi non rispetta le regole.
Germania, oltre mille i nuovi positivi tra i dipendenti di un macello
Continuano i tamponi sui dipendenti dell'industria della carne tedesca Toennies. Finora sono 1.029 quelli risultati positivi al test del coronavirus. Lo ha reso noto il Consiglio della circoscrizione di Guterloh, nel Land del Nordreno-Vestfalia. L'esplosione dell'infezione aveva già portato alla chiusura delle scuole e degli asili infantili nei giorni scorsi. Di fronte alla gravità della situazione senza precedenti in Germania, il ministro presidente del Land, Armin Laschet, (Cdu), non ha escluso un ritorno del lockdown nel Land Nordreno-Vestfalia. Laschet si è detto particolarmente preoccupato dal momento che molti dipendenti dell'impresa provengono da diverse città della Vestfalia e potrebbero diffondere la pandemia in un'area molto più vasta del Paese Nel macello di Guterloh, il più grande del genere in Europa, vengono macellati ogni anno oltre 16 milioni di suini. L’impianto è stato chiuso dalle autorità a tempo indeterminato e i suoi quasi sette mila addetti messi in quarantena.Usa, altri 568 decessi. Ogni giorno 30 mila nuove infezioni
È il decimo giorno in cui il bilancio giornaliero delle vittime è inferiore a mille negli Stati Uniti, sebbene rimangano il Paese più colpito dalla pandemia con 119.719 morti su 2.255.119 contagi ufficiali. Circa 20 Stati americani hanno recentemente visto un rimbalzo delle infezioni, mentre l'epicentro della malattia nel Paese si è spostato da New York e nord-est a sud e ovest. Esistono timori di una seconda ondata di Covid 19, dopo le riaperture di vari Stati e con i massicci raduni contro la violenza della polizia e il razzismo che hanno avuto luogo nelle ultime settimane negli Stati Uniti. Anche il comizio elettorale del presidente Donald Trump a Tulsa, in Oklahoma, la prima dall'inizio della crisi è stato accusato di favorire la diffusione del virus.Cina, 26 nuovi casi. La maggiorparte a Pechino
In Cina le autorità sanitarie hanno riferito di avere registrato 26 nuovi casi di Covid 19, mentre a Pechino si continua a lottare contro il nuovo focolaio scoppiato nel più grande mercato alimentare della città. Tra i nuovi casi di contagio, 22 sono stati conferati proprio nella Capitale e altri tre nella vicina provincia di Hebei. Un caso 'importato' è invece stato registrato nella provincia sudorientale di Fujian. A partire dall'11 giugno, i casi di contagio registrati sono stati 227 molti legati al focolaio nel mercato di Xinfadi, a Pechino. Da allora, le autorità hanno imposto rigide misure di contenimento alla popolazione, isolando interi quartieri, eseguendo test di massa e imponendo la chiusra delle scuole e lo stop a tutti i viaggi non necessari
Brasile, il sindaco di Rio sospende il campionato carioca
Il sindaco di Rio de Janeiro ha sospeso il campionato di calcio dello Stato di Rio, il primo a riprendere in un'America del Sud pesantemente toccata dalla pandemia. Con un decreto pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della città, il primo cittadino Marcelo Crivella ha ordinato la sospensione di tutte le competizioni sportive nella megalopoli brasiliana fino al 25 giugno.

Folla in spiaggia a Rio de Janeiro, in Brasile


Il campionato Carioca, che mette a confronto squadre professionistiche dello stato di Rio de Janeiro, è ripreso con partite a porte chiuse giovedì e venerdì suscitando l'opposizione di diversi club, tra cui il Fluminense e il Botafogo, che hanno portato la questione in tribunale e ne hanno chiesto la sospensione. I due club non avevano nemmeno ripreso gli allenamenti quando la competizione è stata rilanciata, e la Federazione dello Stato di Rio li ha minacciati di sconfitta a tavolino se si rifiutavano di giocare. Giovedì, la prima partita tra Flamengo e Bangu si è giocata al Maracana dove si trova un ospedale da campo per pazienti Covid 19.In Cina 25 nuovi casi, di cui 22 a Pechino
Sono 26 i nuovi casi di coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Cina, uno in meno rispetto a quelli del giorno precedente. Ventidue riguardano Pechino. La capitale, che conta oltre 20 milioni di abitanti, ha rilevato il suo primo caso l'11 giugno e il focolaio è legato a un mercato del cibo. Finora i casi di Covid confermati nel Paese sono 93.378.

https://www.repubblica.it/esteri/20...73076/?ref=RHPPLF-VE-I257251573-C8-P3-S1.4-T1
 
Coronavirus: morto Ahmed Radhi, leggenda del calcio iracheno
Aveva 56 anni, nel 1986 contro il Belgio firmò quello che finora è l'unico gol segnato dall'Iraq in una fase finale di un Mondiale

E' morto per il coronavirus all'età di 56 anni Ahmed Radhi, il più famoso calciatore iracheno di tutti i tempi autore dell'unico gol della nazionale a un mondiale. Lo ha reso noto il ministero della salute dell'Iraq. Radhi, 56 anni, ha segnato quello che rimane l'unico gol iracheno in Coppa del Mondo, nel 1986 contro il Belgio (1-2). Era stato ricoverato in ospedale la scorsa settimana a Baghdad dopo essere risultato positivo al test per il coronavirus, giovedì le sue condizioni sembravano migliorate. Poi la situazione è di nuovo peggiorata e stava per essere trasportato in un ospedale di Amman in Giordania, ma è morto nella notte.

Radhi aveva trascinato l'Iraq alla conquista della Coppa del Golfo nel 1984 e nel 1988, quando fu votato miglior calciatore dell'Asia. Ai mondiali in Messico del 1986 aveva realizzato il gol contro il Belgio che resta l'unica marcatura della nazionale asiatica in un torneo iridato. L'Iraq fu però sconfitto 2-1 ed eliminato dalla competizione con zero punti. Nel 2006 aveva lasciato il Paese per la Giordania dopo che il Comitato olimpico aveva perso la sua indipendenza a causa delle violenze settarie ma era rientrato in Iraq l'anno dopo per tentare la carriera politica entrando in parlamento al posto di un deputato ucciso. Nel 2014 e nel 2018 non riuscì però a farsi eleggere dopo essersi candidato con l'Alleanza nazionale, una coalizione di figure sciite e sunnite. La notizia della sua morte è stata accolta con grande commozione nel Paese: "Atleta senza eguali e figlio dell'Iraq" lo ha definito il nuovo ministro dello Sport, Adnan Darjal, anche lui un ex calciatore.

https://www.repubblica.it/sport/cal...93614/?ref=RHPPLF-VE-I257251573-C8-P3-S4.4-T1
 
Coronavirus, Flixbus sotto accusa: "Ha venduto biglietti per i viaggi nelle settimane del lockdown"
L'Antitrust, garante dei consumatori, apre un'indagine sulla società dei bus. Ora rischia una sanzione. Grazie al pressing dell'Autority, i passeggeri hanno già ottenuto il diritto alla restituzione del denaro nel caso la corsa non venga garantita (senza penali)


25 Giugno 2020


https://www.repubblica.it/economia/...55129/?ref=RHPPLF-VE-I257335871-C8-P2-S4.4-T1
 
Firenze, riapre al pubblico la basilica di San Lorenzo


Visite complete nei fine settimana, parziali negli altri giorni. Finora la chiesa era accessibile solo per i fedeli

27 giugno 2020


A Firenze da lunedì 29 giugno la Basilica di San Lorenzo riapre ai visitatori, dopo un lungo periodo di chiusura a seguito della pandemia da Covid-19. In questo periodo comunque la basilica è stata sempre aperta per la preghiera dei fedeli e, dal 18 maggio, per le messe con le precauzioni Covid-19.
Nonostante le difficoltà di gestione ed economiche, derivanti dalla nuova situazione, l'Opera Medicea Laurenziana, la Parrocchia di San Lorenzo, con la collaborazione della Cooperativa Opera d'Arte (alla quale sono affidati i servizi di assistenza e accoglienza dei visitatori) hanno concordato una riorganizzazione e rimodulazione dei servizi. Queste consentiranno di garantire la fruizione del complesso, grazie a sacrifici economici e lavorativi delle parti interessate, unite nella volontà di non prolungare la chiusura del complesso, in modo da cercare di fornire un contributo per la ripartenza delle attività economiche e sociali della zona e del centro storico.

I soci di Opera d’Arte in particolare hanno offerto una rilevante riduzione dei costi del servizio per consentire il riavvio dell’attività. Dal lunedì al giovedì sarà possibile visitare la Basilica di San Lorenzo con la Sagrestia Vecchia, i Pulpiti di Donatello, e la controfacciata di Michelangelo. Orario 10,30 - 14,30

Nei fine settimana (10,00 - 17,30 il venerdì e sabato, 13,30 - 17,30 la domenica) sarà possibile effettuare la visita completa, alla Basilica di San Lorenzo, al Chiostro dei Canonici, ai sotterranei monumentali con Museo del Tesoro di San Lorenzo e Tomba di Cosimo il Vecchio de' Medici.

repubblica.it
 

Utenti online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
5,724
Messaggi
35,079
Utenti registrati
15,767
Ultimo utente registrato
Robe LaC
Top