• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Fine della Parity Rate, questa volta è per davvero

Francesco Mongiello

Consulente Web Marketing Turistico & Social Media
Staff Forum
#1
La data di ieri sarà ricordata negli annali del turismo italiano perché per gli Hotel, ma ciò varrà anche per le altre strutture ricettive, si aprono finalmente nuovi spiragli di libertà nella commercializzazione e nei rapporti con le OTA, Booking[.]com in primis.

La Parity Rate sarà definitivamente nulla, abolita come pratica, non la potranno più imporre le OTA, e finalmente gli operatori del ricettivo potranno mostrare e fare politiche di prezzo in totale libertà, indipendentemente da quelle che sono le politiche di vendita e dei rapporti con le stesse OTA.

Partendo in primo luogo dai loro siti web. Quindi le prospettive che si intravedono sono molto incoraggianti verso la vendita e possibilità di avere tariffe differenziate [se le esigenze lo rendono opportuno] e non avere più il timore di incrinare i rapporti con i partner commerciali, le OTA, il cui ruolo viene così riportato alla normalità, cioè un canale di intermediazione senza imposizioni illiberali.

L'auspicio però è che tale libertà venga usata saggiamente dagli albergatori, il mercato è li che osserva, valuta e acquista, andare fuori mercato basta poco e per rendersi invendibili ci vuole un attimo. Chi faceva e fa un cattivo revenue, non potrà che peggiorare la sua situazione. Chi aveva e ha una cattiva presenza web non potrà che avere ulteriori rischi di espulsione dal mercato. Le OTA probabilmente hanno già la soluzione a questo cambiamento e faranno le loro strategie, qualcosa sicuramente si avrà anche da parte loro come reazione sul piano della commercializzazione degli hotel. Insomma ne vedremo di belle...
<blockquote>"<em>La Camera dei deputati, ieri, con un emendamento al ddl concorrenza, ha abolito la parity rate.</em>
<em> Il governo inizialmente si era opposto in commissione, ma poi il deputato del Pd Tiziano Arlotti ha portato il provvedimento in aula raccogliendo ampi consensi. A Montecitorio ieri sera è stato un plebiscito, praticamente tutti i gruppi, da destra a sinistra, si sono spesi per cancellare questa clausola (solo 4 contrari). «Lasciamo che sia il mercato e non piattaforme con base all’estero a decidere», spiega in aula Giovanni Paglia di Sel. «Poniamo fine a una lotta impari», aggiunge Gianluca Benamati del Pd. La Francia ha approvato due mesi fa un provvedimento simile, sotto il forte impulso delle grandi catene che controllano buona parte del mercato.</em>

<em>Cosa succede da domani? Per ora non ci saranno grandi novità, per aspettare di vedere offerte migliori sui singoli siti degli alberghi bisognerà aspettare l’approvazione del Senato. A quel punto la norma sulla parità tariffaria, contenuta nei contratti tra Booking e gli hotel, sarà nulla. I numeri spiegano l’importanza della partita: il mercato delle prenotazioni online (non solo alberghiere) vale circa quattro miliardi l’anno. Soltanto attraverso Booking[.]com in Italia si effettuano sette milioni di prentazione all’anno.</em>

<em>Il voto di ieri è accolto con grande soddisfazione da Federlaberghi: “Ringrazio la Camera - spiega, cinque minuti dopo il voto, il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Nucara - abolendo l’obbligo di parity rate si avvantaggiano le imprese e i consumatori, ci sarà un mercato più libero ed efficiente”. Dopo mesi di polemiche Nucara manda messaggi distensivi a Booking: “Continueremo a lavorare insieme senza problemi. Non è detto che tutte le strutture usciranno dal meccanismo della parità, le piattaforme non si devono sentire insidiate. In questi giorni ci sono state minacce eccessive da parte loro, hanno parlato di sospendere gli investimenti e addirittura di lasciare l’Italia, non succederà nulla di tutto ciò. D’altronde - conclude Nucara - in Francia, dove è stato approvato un provvedimento simile, Booking continua a operare senza difficoltà”.</em>

<em>Il tema era stato già al centro di una sentenza dell’Autorità antitrust che, dopo aver sentito il parere della Commissione europea, aveva deciso che la parity rate restava in vigore per i siti, mentre l’albergatore poteva decidere di vendere le stanze a tariffe inferiori su altri canali online, al telefono, per mail o direttamente al cliente che si presenta alla reception, ovviamente senza pagare la commissione al venditore telematico. Una decisione che non era piaciuta a Federalberghi, che aveva fatto ricorso al Tar. Alcune strutture dei grandi gruppi avevano trovato un escamotage per aggirare la parity rate: far iscrivere i clienti a una sorta di programma fedeltà dal quale accedere a prezzi più bassi. Sotterfugi che da oggi, forse, non serviranno più". [La Stampa]</em>

&nbsp;</blockquote>
 
#2
Sicuramente era una lotta impari che prediligeva chi aveva più soldi di budget da spendere in promo-commercializzazione.
Gli albergatori però dovrebbero quindi prestare molta attenzione oggi, perché potrebbe esserci confusione.
In primis il focus va orientato sulla parità dei diritti e non orientato sul mero fatto: ora posso abbassare i prezzi e fargliela a Booking.com, si rischia veramente di far molto male al comparto turistico, anche perché ci si muove sempre e comunque in un mercato competitivo. Dopo questa "vittoria" gli albergatori devono concentrarsi ancor di più sul brand, e sul proprio sito internet per migliorar l'esperienza di acquisto dell'utente che ad oggi posso dire con franchezza 1 sito su 3 non offre garanzie di sicurezza e solidità, tanto da spingere spesso l'utente a confondere ancora il sito internet con il portale booking.com
Il consiglio: concentrarsi su se stessi, migliorare il processo di acquisto, e di acquisizione. Spostiamo il focus dal prezzo al brand!!

 
F

fmongiello

Guest
#3
<img src="http://www.formazioneturismo.com/wp-content/uploads/2015/10/fine-della-parity-rate.png" alt="fine della parity rate" />
 

Francesco Mongiello

Consulente Web Marketing Turistico & Social Media
Staff Forum
#5
Bene, e un bel passo è fatto.
Ora vedremo come si muoverà il mercato della domanda [sempre a caccia della miglior convenienza/esperienza]
degli operatori con la gestione del loro business, delle loro strategie di vendita, tariffarie e di comunicazione online [non proprio messi bene]
delle OTA con i loro interessi commerciali a controllare mercato, flussi e albergatori [vedi <a href="http://www.formazioneturismo.com/booking-button-hotel/" target="_blank">booking button</a>, l’abbaglio di bookingsuite aggratis, l'apertura di tante sedi in Italia, la partnership o acquisizione di PriceMatch per gestire tariffe e revenue].

Ho molti dubbi che ci siano poi così tanti salti di gioia da fare, l’abbraccio non finisce semplicemente così. Magari all’orizzonte, per chi proprio non è nelle condizioni di poterselo permettere, questa sarà la trappola più grande per affondare definitivamente.
 
#7
Condivido <strong>luigi</strong>, analizzando anche da altri punti di vista, lato operatore intendo (t.o e canali vari di distribuzione) beh per loro è una <strong>mazzata</strong>!! Ci saranno molte azioni sleali nei confronti dei t.o. e degli agenti di viaggio in genere. Staremo a vedere!
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
5,546
Messaggi
32,832
Utenti registrati
14,804
Ultimo utente registrato
Ugo Tedeschi
Top