• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non dici la tua? Registrati ora!

Destination manager

#1
Salve,
mi piacerebbe ricevere più informazioni su questo corso, a chi mi posso rivolgere o dove posso telefonare?
Stò cercando da tempo un corso post diploma sul turismo in abruzzo visto che abito vicino Pescara,oppure a Roma e vicinanze, visto che potrei spostarmi li, potete aiutarmi?
I vostri corsi necessitano di qualche spesa?
Ne ho davvero urgentemente bisogno.
In attesa di una vostra gradita risposta, vi porgo i miei più cordiali saluti.

http://www.corsiturismo.it/corsi-per-le-neoimprenditrici-del-progetto-sviluppo-turistico-locale/
 
#2
Buongiorno,

in un occasione prendendo in mano alcuni libri in una libreria mi è capitato di sfogliare alcune pagine di un libro che presentava le "nuove" professioni.
Tra di queste ho individuato subito quella del "destination manager", in versione junior per chi comincia ovviamente.
Volevo sapere da voi se effettivamente in Italia c'è la possibilità di intraprendere tale professione o meno sia come collaboratore di un ente pubblico sia come consulente di una società che ha tra i propri clienti enti e amministrazioni pubbliche di territori che desiderano proporsi come destinazioni turistiche.

Ho conseguito un Master in Marketing territoriale- Sviluppo locale (MUMAT) alla Cattolica-sede di Piacenza e quest'anno un altro in Governance delle risorse turistiche territoriali presso l'Università di Padova.
Negli anni passati sono riuscito però soltanto in un'occasione (per 2 anni) di ottenere una collaborazione presso un ente pubblico nell'ambito di alcuni progetti comunitari. Ora sto cercando di capire se e come convertirmi per riuscire ad intraprendere una qualche attività professionale mantenendomi con lavoretti/lavori di ogni genere che però nulla aggiungono al mio cv oppure come cercare di far valere il mio percorso di specializzazione postuniversitaria.
Grazie.
Alberto
 

Mod

Amministratore
Staff Forum
#3
un bel dilemma!<br />
in teoria i due master che hai fatto, in particolare l'ultimo, avrebbero dovuto portarti ad intraprendere un percorso professionale nel destination management (da non confondersi con quello inteso nel settore mice). mi chiedo però perchè non è stato così?
 
#4
beh, l'ultimo master l'ho appena finito (a gennaio) e poi non mi risulta che il passaggio da master a lavoro sia così automatico. Ho fatto una tesi con l'ente provinciale Turismo Padova Terme Euganee sul tema del turismo urbano (presentata anche in incontri pubblici) e di cui un giornalista della stampa locale sta preparando un articolo, e sto mandado via cv ad organizzazioni ed enti vari senza avere risposta finora...i motivi? più di uno probabilmente...forse un profilo come il mio non è richiesto, forse l'età avanzata (33 anni) o magari la non possibilità da parte di enti pubblici di stipulare contratti di collaborazione per via del patto di stabilità.<br />
<br />
Per cui le mie difficoltà sono un po' quell'acrobata che cerca di "spiccare" il volo per intraprendere una professione (destination manager ma anche promozione del territorio o progettazione comunitaria nel settore dello sviuppo locale) che farebbe con passione ma cerca anche di portare avanti un piano B o C in caso di fallimento del piano A e che nel frattempo si tutela con un lavoro "paracadute" per mere esigenze di sopravvivenza...ma che ci ride sù perchè comunque ha entusiasmo ed è lontano dal gettare la spugna :D eheh
 

Mod

Amministratore
Staff Forum
#5
e fai bene a non gettar la spugna.<br />
è evidente che non ci sono master che creano automatismi per il lavoro...parlavo infatti di "intrapredere un percorso professionale"... intendendo collaborazioni, prime esperienze di progettazioni o interventi, contatti particolari, etc...cosa che in parte mi sembra tu abbia già fatto/avuto.<br />
quello del lavoro negli enti preposti allo sviluppo territoriale e al turismo...è un argomento che tocca molti qui nel forum. si, probabilmente ci sono da considerare più fattori che complicano la cosa. il profilo è richiesto - o dovrebbe esser tale - laddove si è maturata concretamente una necessità di gestire il territorio in certi modi...il problema è capire quali sono e come entrarci! è risaputo che non tutte le aree sono in uno stadio evolutivo tale da riconoscere la figura del destination manager...immagino che di questo se ne sia parlato nel master.<br />
e l'età non credo sia un problema.<br />
forse dovresti mirare a quelle strutture (aziende private) che offrono servizi di consulenza agli enti pubblici. quest'ultimi infatti solo raramente si dotano di collaboratori (tipo short o long list, etc) ai quali attingere per le loro attività di programmazione e gestione, abitualmente si affidano a soggetti terzi....e purtroppo (o per fortuna...dipende) adesso ci sono anche le università stesse che competono con le società di consulenza.
 
#6
Infatti mi sto muovendo nella ricerca di collaborazioni varie, l'importante sarebbe entrare in contatto con le realtà giuste e poi in genere da contatto nasce contatto. Insomma è proprio vero che le relazioni e il capitale sociale sono importanti nella ricerca del lavoro. Grazie a internet e al web 2.0 cerco di conoscere e di farmi conoscere... Sono venuto a conoscenza di questo forum (per cui ti/vi faccio i complimenti e che segnalerò ai miei compagni di master) che ritengo molto utile tramite un gruppo in linkedin o forse uno in facebook e tramite gli stessi canali mi è stato proposto pure di tenere un blog (dietro un qualche compenso).<br />
Grazie della risposta mod, e buon lavoro!
 

Mod

Amministratore
Staff Forum
#7
hai perfettamente ragione sul web 2.0

sappi poi che su FormazioneTurismo.com (che non ha soltanto contenuti prettamente sulla formazione, essendo questa collegata a qualsiasi tematica del turismo) puoi anche scrivere e collaborare, un modo per farsi conoscere e mettere in luce le proprie idee, professionalità, etc..
 

Francesco Mongiello

Consulente Web Marketing Turistico & Social Media
Staff Forum
#8
ci sarebbe tanto lavoro da fare sul destination management, c'è però anche molta confusione e una progettualità senza visione strategica. Molto spesso più che di progetti di sviluppo si tratta di "iniziative" generalmente ben "scoordinate".
 
#9
Saluti a tutti, mi sono appena iscritta, quindi mi sto rodando su questo portale. Faccio una domanda sul contenuto del topic : esiste la possibilità per un viaggiatore/turista, che svolge una professione NON turistica, di fare il "collaboratore destination manager part time" di soggetti seri ?
Mi spiego, io viaggio per diletto, ed avendo una curva di esperienza di almeno 25 nell'acquisito e nella fruizione di prodotti turistici, credo che possa essere utile a chi progetta e realizza prodotti turistici (nuovi o tradizionali con gusto) avere un punto di vista da parte del mercato reale, il cliente/consumatore (io) che può permettersi qualche vacanza anche breve in più rispetto alla media nazionale. In alcuni siti, leggo di figure che potrebbero essere simili a quello che ho in mente io, ma inquadrati come lavoratori più o meno dipendenti. E questo snatura in pratica, ed in molti altri settori, il senso di "opinione professionale" che ho in mente io. Altro aspetto : non è una funzione da "esperto di settore" ma da cliente esperto quindi proprio un punto di vista a volte divergente.
Ringrazio fin da ora chi vorrà contribuire
 
#10
ciao ornella, da un punto di vista tecnico non so, credo che almeno in teoria ci sia la possibilità di proporsi per una consulenza esterna (ma sarebbe opportuna comunque una qualifica, un master o qualcosa di simile: presentarsi in un'azienda con la sola esperienza diretta potrebbe essere decisamente insufficiente).

Del resto è importante formarsi per conoscere (o conoscere meglio) certi meccanismi che dall'esterno non vediamo (o vediamo solo la punta dell'iceberg). fermo restando che l'esperienza sul campo rappresenta a mio avviso un'ottima base di partenza. e un valore aggiunto notevole, se abbinata a un'adeguata formazione.

C'è però, almeno secondo me, una professione che potrebbe mettere da subito a frutto la tua esperienza di turista viaggiatore: quella del mistery guest, quel "personaggio" che si presenta come un normale cliente, ma che in realtà è lì in incognito per giudicare un'attività, per dare voti al servizio, al personale e quant'altro.

Da quel che so guadagnano bene, questi misteriosi personaggi, ma chiaramente devono essere disponibili a frequenti viaggi e spostamenti. ad ogni modo proprio su questo forum c'è una discussione dedicata al <a href="https://www.formazioneturismo.com/discussione/mistery-guest-hotel-chi-era-costui/" target="_blank">mistery guest</a>. Dai un'occhiata, ci sono spunti interessanti. In bocca al lupo!
 

Membri online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
6,327
Messaggi
38,461
Utenti registrati
19,340
Ultimo utente registrato
Leonardo Frullini
Top