• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Percorso studio per diventare guida turistica

#1
Salve, sono una studentessa universitaria di Palermo , vorrei sapere il corso di studi per diventare guida turistica nei musei. Grazie. Accetto consigli. A presto. :?
 
#2
rispondere a questo domanda è un po' complicato, nel senso che le cose variano di regione in regione. Comunque i corsi di laurea che aiutano sono quelli in archeologia e scienze turistiche. Va naturalmente bene anche storia dell'arte. in alcuni casi è sufficiente il diploma, ma la laurea - e la consocenza di una lingua straniera - dà maggiori possibilità. Non finisce comunque qui, perché in alcune regioni bisogna seguire anche dei corsi mirati. la guida turistica viene inserita nell'albo delle guide, dalla quale attingono le strutture museali. I bandi vengono pubblicati generalmente a cadenza biennale. Queste guide lavorano come liberi professionisti
 
#3
Difficile rispondere. In teoria non esiste un vero percorso di studi, ma si devono avere delle conoscenze che, volendo, possono essere ottenute anche in solitario, senza necessariamente appoggiarsi ad una laurea o un diploma specifico. Le conoscenze in questione spaziano dalla geografia turistica alla storia dell'arte, da legislazione turistico alla normativa sul turismo. Il tutto da un punto di vista locale e nazionale, come minimo.
 
#4
bene o male siamo sulla stessa linea, gianluca. in mezzo a tanta confusione, tuttavia, sarebbe opportuno riscrivere le regole e mettere dei punti fissi. Ci vorrebbero regole certe, a mio modo di vedere, biosgnerebbe "unificare" l'italia anche da questo punto di vista e prevedere percorsi di studio mirati.
 
#5
<em>@sergio di vincenzo wrote:</em><blockquote>bene o male siamo sulla stessa linea, gianluca. in mezzo a tanta confusione, tuttavia, sarebbe opportuno riscrivere le regole e mettere dei punti fissi. Ci vorrebbero regole certe, a mio modo di vedere, biosgnerebbe "unificare" l'italia anche da questo punto di vista e prevedere percorsi di studio mirati.</blockquote><br />
Questo è vero. Esistono "corsi propedeutici per l'esame di abilitazione..." bla bla bla, ma è sempre come se ognuno andasse per la proprio strada...per questo alla fine consiglio sempre di essere autodidatti e di studiare per conto proprio. Certo, poi va a finire che durante l'esame ti compare una o più domande che ti fanno pensare: "E questo da dove sputa?". E' rischioso, ma vista la situazione la reputo l'unica strada percorribile.
 
#6
beh, sì, è rischioso. ma in fondo anche quando fai un singolo esame all'università si corre lo stesso rischio. può capitare la domanda sull'unico paragrafo che non hai studiato, oppure il prof ti fa di proposito una domana impossibile perché non hai comprato il suo libro. Chissà, forse anche in questo ambito può capitare che l'autodidatta venga penalizzato. un po' come capita agli esami per la patente di guida (non dappertutto, per fortuna): sui candidati provenienti da determinate scuole guida si chiude un occhio. è l'italia. e temo che le cose non cambieranno mai. i meriti vanno a farsi friggere, i raccomandati fanno carriera. ma questo è un altro discorso. tornando al punto resto dell'idea che sia necessario rendere chiaro e unificare il quadro normativo. in attesa di miracoli, fate come dite gianluca: studiate per i fatti vostri, se non altro, risparmiate tempo, disagi e soldi
 
#7
<em>@sergio di vincenzo wrote:</em><blockquote>beh, sì, è rischioso. ma in fondo anche quando fai un singolo esame all'università si corre lo stesso rischio. può capitare la domanda sull'unico paragrafo che non hai studiato, oppure il prof ti fa di proposito una domana impossibile perché non hai comprato il suo libro. Chissà, forse anche in questo ambito può capitare che l'autodidatta venga penalizzato. un po' come capita agli esami per la patente di guida (non dappertutto, per fortuna): sui candidati provenienti da determinate scuole guida si chiude un occhio. è l'italia. e temo che le cose non cambieranno mai. i meriti vanno a farsi friggere, i raccomandati fanno carriera. ma questo è un altro discorso. tornando al punto resto dell'idea che sia necessario rendere chiaro e unificare il quadro normativo. in attesa di miracoli, fate come dite gianluca: studiate per i fatti vostri, se non altro, risparmiate tempo, disagi e soldi</blockquote><br />
Certamente i rischi di essere autodidatti ci stanno tutti. Però, e qui racconto la mia esperienza personale, protendo sempre, nello studio, affidarmi alle mie sole forze, piuttosto che barcamenarmi tra corsi ed incontri che dovrebbero essere propedeutici per superare un esame o un concorso. Certo, durante questi corsi magari ci si scambiano idee, si può parlare di un argomento che non si ha approfondito, ma penso che alla fine risparmiare quel tempo e quel denaro per fare altro sia meglio.<br />
Grazie Sergio per essere d'accordo con me, da questo punto di vista almeno! :)
 
#8
figurati! ti dirò di più... tutto sommato resto convinto del fatto che lo studio sia la soluzione migliore, in ogni comapo. studiare studiare studiare e leggere leggere leggere fa aumentare la tua conoscenza, la tua autostima e ti aiuta a superare gli ostacoli più duri. se uno va all'esame e ha studiato sarà davvero dura sbatterlo fuori. sì, si fa più fatica ad emergere, ma vuoi mettere la soddisfazione? a propostio, sarà una coincidenza, ma proprio lo scorso week end mi hanno ricordato che è il "potere della mente" a far sì che il prof chieda all'esame l'unico argomento non studiato. "è come se lo hai scritto in faccia", mi è stato detto. "meglio concentrarsi sulle tante cose che si sa". una volta questa cosa l'ho sperimentata: a un esame (economia) avevo studiato solo 5 argomenti. sono andato determinato, con la consapevolezza che non avevo niente da perdere (in sostanza avevo studiato un decimo del libro). ebbene: su 6 domande, 5 erano sugli argomenti studiati. grazie anche a te gianluca: tra le righe mi hai ricordato che bisogna credere di più in se stessi
 
#9
<em>@sergio di vincenzo wrote:</em><blockquote>figurati! ti dirò di più... tutto sommato resto convinto del fatto che lo studio sia la soluzione migliore, in ogni comapo. studiare studiare studiare e leggere leggere leggere fa aumentare la tua conoscenza, la tua autostima e ti aiuta a superare gli ostacoli più duri. se uno va all'esame e ha studiato sarà davvero dura sbatterlo fuori. sì, si fa più fatica ad emergere, ma vuoi mettere la soddisfazione? a propostio, sarà una coincidenza, ma proprio lo scorso week end mi hanno ricordato che è il "potere della mente" a far sì che il prof chieda all'esame l'unico argomento non studiato. "è come se lo hai scritto in faccia", mi è stato detto. "meglio concentrarsi sulle tante cose che si sa". una volta questa cosa l'ho sperimentata: a un esame (economia) avevo studiato solo 5 argomenti. sono andato determinato, con la consapevolezza che non avevo niente da perdere (in sostanza avevo studiato un decimo del libro). ebbene: su 6 domande, 5 erano sugli argomenti studiati. grazie anche a te gianluca: tra le righe mi hai ricordato che bisogna credere di più in se stessi</blockquote><br />
Di nulla Sergio, mi fa piacere averti trasmesso ciò! Sì, credere in se stessi, come si dovrebbe sempre tentare di fare, anche se a volte può essere difficile. E per qunto riguarda lo studio bè, a volte è proprio come una lotteria: magari ti viene chiesto l'argomento meno compreso o studiato, però nonostante tutto sempre meglio andare con una preparazione idonea in tutto e per tutto!
 
#11
ciao Samantha, che io sappia, sì. nel senso che con la laurea in archeologia (e avendo sostenuto l'esame di storia dell'arte) puoi chiedere alla Provincia di non seguire i corsi che preparano all'esame, ma poi l'esame di abilitazione va comunque sostenuto. Questo almeno fino a qualche tempo fa. Ora, però, le Province non hanno più tali competenze, visto che le stanno smantellando. bisogna rivolgersi alla Regione (anche se in alcuni casi delega le Province, almeno fino a quando non staccheranno loro la spina). certo è che in questa fase la confusione regna sovrana, con le riforme monche o, peggio, inutili del Governo. Tanti annunci, pochi fatti. Anche in ambito turistico, ma questa è un'altra storia
 
#12
Salve ragazzi, mi sono appena iscritta al sito. Sto preparando l'esame di abilitazione turistica qui a Bologna presso la sede Cescot. Dal programma che si evince io ho attuato un programma di studio da autodidatta, trasferendomi tutto il giorno al Dipartimento di Arti visive e studiando i pittori del 400 e 500 dell'Emilia, passando per il Rinascimento nelle Corti Padane dal punto di vista storico e sociale. Sono partita dai fascicoletti della Giunti Art Dossier dei vari pittori come Parmigianino, Tura, i Carracci per approdare ai manuali di storia dell'arte (De Vecchi e Bertelli). Poi sto studiando per bene la guida rossa dell'Emilia Romagna e sfogliando delle guide Touring di Bologna e Ravenna. La settimana prossima approfondirò il tema dell'architettura e urbanistica regionale, studiando percorsi letterari, medievali e musicali. I siti patrimonio Unesco si individuano facilmente su internet e sui siti turistici. Non so come fare per il percorso ebraico. Voi conoscete qualche testo per caso? Qualcosa di sfogliare, niente di impegnativo. Non ho troppo tempo, l'esame è il 28 e 29 e durante il fine settimana lavoro sempre a Ravenna. Spero di essere stata utile a chi come me sta preparando l'esame. Grazie mille per la disponibilità
 
#13
Ciao, non so se può esserti d'aiuto, ma sul sito del <a href="http://www.museoebraicobo.it/it/museo/presenza-ebraica-in-regione" target="_blank">museo ebraico di bologna</a> c'è qualche spunto che potrebbe aiutarti. Anche in <a href="http://www.museoebraicobo.it/it/museo/mostre-itineranti" target="_blank">questa pagina</a> c'è un elenco interessante. e ci sono anche dei libri segnalati. ma credo che la cosa migliroe da fare sia quella di fare una telefonata al museo (051.2911280) oppure inviare una mail: info@museoebraicobo.it. secondo me nessuno meglio di loro può suggerirti dove trovare una sorta di "bignami" dei percorsi ebraici dell'emilia romagna. magari loro stessi dispongono di una brochure o qualcosa di simile. In bocca al lupo
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
5,506
Messaggi
32,596
Utenti registrati
14,666
Ultimo utente registrato
Mariko
Top