• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Obblighi di legge per affitti brevi

#1
Buonasera,
Vorrei avviare un'attività di locazione per alcuni appartamenti di proprietà in zona turistica tramite la formula di affitto breve (meno di 30 giorni) e vorrei chiedere conferma in merito ad alcuni obblighi di legge:

1. Non serve aprire Scia?
2. Devo fare registrazione in Questura per AUT?
3. Devo sempre compilare un contratto ma non serve registrarlo?
4. Devo sempre rilasciare ricevuta?
5. È obbligatorio dichiarare / registrare in Questura gli inquilini?
6. È obbligatorio far pagare la tassa di soggiorno?
Grazie mille dell'aiuto
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#2
Buongiorno,
PREMESSO CHE
DEFINIZIONE DI STRUTTURE RICETTIVE – UNIONE EUROPEA - REGOLAMENTO (UE) N. 692/2011- ISTAT circolare annuale

Art. 2 l)«esercizio ricettivo turistico»: un’unità di attività economica a livello locale, quale definita nell’allegato del regolamento (CEE) n. 696/93 del Consiglio, del 15/03/93, relativo alle unità statistiche di osservazione e di analisi del sistema produttivo nella Comunità (3), che presta, a titolo oneroso, benché il prezzo possa essere in tutto o in parte sovvenzionato, servizi di alloggio per brevi soggiorni come descritto nei gruppi 55.1 (alberghi e alloggi simili), 55.2 (alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni) e 55.3 (aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte) - NACE Rev. 2; m)«alloggio non in locazione»: inter alia, l’alloggio in abitazioni di parenti o amici concesse a titolo gratuito e in abitazioni per le vacanze utilizzate dai proprietari, compresi gli alloggi in multiproprietà.
allego due mie relazioni esplicative e rispondo alle sue domande.

Pertanto devono essere considerate aziende/strutture ricettive le attività che operano con codici ATECO: servizi di alloggio per brevi soggiorni come descritto nei gruppi 55.1 (alberghi e alloggi simili), 55.2 (alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni) e 55.3 (aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte).

1. Non serve aprire Scia? NO - LA SCIA E' OBBLIGATORIA PER LE STRUTTURE RICETTIVE

2. Devo fare registrazione in Questura per AUT? NO - PERCHE' LE LOCAZIONI TURISTICHE/BREVI NON SONO STRUTTURE RICETTIVE

3. Devo sempre compilare un contratto ma non serve registrarlo? SI - MA NON SUSSISTE L'OBBLIGO DELLA REGISTRAZIONE LEGGE N. 449/1997.

4. Devo sempre rilasciare ricevuta? SI - SE L'IMPORTO E' SUPERIORE A EURO 77,47 - VA APPLICATA UNA MARCA DA BOLLO DI 2 EURO A CARICO DEL CLIENTE

5. È obbligatorio dichiarare / registrare in Questura gli inquilini? SI AI SENSI Articolo 19-bis D.L. n. 113/2018 – convertito in legge 1 dicembre 2018, n. 132.

6. È obbligatorio far pagare la tassa di soggiorno? NO IMPOSTA DI SOGGIORNO DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. Art. 4 - Imposta di soggiorno 1. I comuni capoluogo di provincia, le unioni di comuni nonché i comuni inclusi negli elenchi regionali delle località' turistiche o città d'arte possono istituire, con deliberazione del consiglio, un'imposta di soggiorno a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive situate sul proprio territorio, da applicare, secondo criteri di gradualità' in proporzione al prezzo, sino a 5 euro per notte di soggiorno.
Per consulenza dedicata contattatemi alla mia e.mail saveriopanzica@gmail.com
 

Allegati

#3
Buongiorno,
PREMESSO CHE
DEFINIZIONE DI STRUTTURE RICETTIVE – UNIONE EUROPEA - REGOLAMENTO (UE) N. 692/2011- ISTAT circolare annuale

Art. 2 l)«esercizio ricettivo turistico»: un’unità di attività economica a livello locale, quale definita nell’allegato del regolamento (CEE) n. 696/93 del Consiglio, del 15/03/93, relativo alle unità statistiche di osservazione e di analisi del sistema produttivo nella Comunità (3), che presta, a titolo oneroso, benché il prezzo possa essere in tutto o in parte sovvenzionato, servizi di alloggio per brevi soggiorni come descritto nei gruppi 55.1 (alberghi e alloggi simili), 55.2 (alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni) e 55.3 (aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte) - NACE Rev. 2; m)«alloggio non in locazione»: inter alia, l’alloggio in abitazioni di parenti o amici concesse a titolo gratuito e in abitazioni per le vacanze utilizzate dai proprietari, compresi gli alloggi in multiproprietà.
allego due mie relazioni esplicative e rispondo alle sue domande.

Pertanto devono essere considerate aziende/strutture ricettive le attività che operano con codici ATECO: servizi di alloggio per brevi soggiorni come descritto nei gruppi 55.1 (alberghi e alloggi simili), 55.2 (alloggi per vacanze e altre strutture per brevi soggiorni) e 55.3 (aree di campeggio e aree attrezzate per camper e roulotte).

1. Non serve aprire Scia? NO - LA SCIA E' OBBLIGATORIA PER LE STRUTTURE RICETTIVE

2. Devo fare registrazione in Questura per AUT? NO - PERCHE' LE LOCAZIONI TURISTICHE/BREVI NON SONO STRUTTURE RICETTIVE

3. Devo sempre compilare un contratto ma non serve registrarlo? SI - MA NON SUSSISTE L'OBBLIGO DELLA REGISTRAZIONE LEGGE N. 449/1997.

4. Devo sempre rilasciare ricevuta? SI - SE L'IMPORTO E' SUPERIORE A EURO 77,47 - VA APPLICATA UNA MARCA DA BOLLO DI 2 EURO A CARICO DEL CLIENTE

5. È obbligatorio dichiarare / registrare in Questura gli inquilini? SI AI SENSI Articolo 19-bis D.L. n. 113/2018 – convertito in legge 1 dicembre 2018, n. 132.

6. È obbligatorio far pagare la tassa di soggiorno? NO IMPOSTA DI SOGGIORNO DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. Art. 4 - Imposta di soggiorno 1. I comuni capoluogo di provincia, le unioni di comuni nonché i comuni inclusi negli elenchi regionali delle località' turistiche o città d'arte possono istituire, con deliberazione del consiglio, un'imposta di soggiorno a carico di coloro che alloggiano nelle strutture ricettive situate sul proprio territorio, da applicare, secondo criteri di gradualità' in proporzione al prezzo, sino a 5 euro per notte di soggiorno.
Per consulenza dedicata contattatemi alla mia e.mail saveriopanzica@gmail.com
Grazie mille.
In sede di compilazione del 730 dovrò quindi dichiarare i redditi percepiti da questa attività tramite estratto conto bancario, giusto?
Ma devo presentare anche i contratti e le ricevute?
Chi è deputato al controllo della regolarità di contratti e ricevute?
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#4
Certamente, cedolare secca al 21%. Per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi deve affidarsi ad un bravo commercialista. I contratti devono essere custoditi come dati sensibili, nel rispetto della normativa sulla privacy. La sua attività è soggetta al controllo: della Guardia di Finanza, previa autorizzazione del Procuratore della Repubblica; altre Forze dell’ordine, previa autorizzazione del Giudice ordinario.
 
#5
Certamente, cedolare secca al 21%. Per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi deve affidarsi ad un bravo commercialista. I contratti devono essere custoditi come dati sensibili, nel rispetto della normativa sulla privacy. La sua attività è soggetta al controllo: della Guardia di Finanza, previa autorizzazione del Procuratore della Repubblica; altre Forze dell’ordine, previa autorizzazione del Giudice ordinario.
Certamente, cedolare secca al 21%. Per quanto riguarda la dichiarazione dei redditi deve affidarsi ad un bravo commercialista. I contratti devono essere custoditi come dati sensibili, nel rispetto della normativa sulla privacy. La sua attività è soggetta al controllo: della Guardia di Finanza, previa autorizzazione del Procuratore della Repubblica; altre Forze dell’ordine, previa autorizzazione del Giudice ordinario.

Mi scusi, torno ancora all'obbligo di pagamento della tassa di soggiorno per locazione turistiche brevi.
Molti dicono che anxhe per le locazioni va pagata la tassa:

"La legge n. 96/2017 che ha convertito il DL 50/2017 ha previsto che i contratti di locazioni brevi stipulati da persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’impresa, direttamente o tramite soggetti che esercitano attività di intermediazione immobiliare, ovvero soggetti che gestiscono portali online, mettendo in contatto persone in cerca di un immobile con persone che dispongono di unità da locare, a partire dal 01/06/2017, ai sensi art. 4 D.L. 50/2017 sono assoggettati all’imposta di soggiorno.
Il comma 5-ter del medesimo art. 4 prevede che il soggetto che incassa il canone o il corrispettivo ovvero che interviene nel pagamento dei predetti canoni o corrispettivi è responsabile del pagamento dell’imposta di soggiorno"

Stesso discorso per la dichiarazione AAUT.

Cosa posso rispondere?

Grazie ancora
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#6
Le ho già risposto, le ho illustrato le norme di riferimento in un quadro comparato tra lo Stato italiano (codice civile) e art. 4 del decreto legislativo n. 23/2011; Unione Europea (regolamento n. 692/2011.
O lei non ha letto bene il mio parere o faccia come ritiene più opportuno. In questo paese non si riesce a ragionare in termini di diritto.
Con me non ha niente da insistere, creda pure ai regolamenti comunali, supportati da una norma assolutamente illegittima, e proponga l’imposta di soggiorno ai suoi ospiti. Spero che lei non rientri tra coloro che si lamentano dello Stato del diritto in Italia. Io, da parte mia, con oltre 40 anni di esperienza nel turismo, combatto contro i soprusi normativi.
 
#7
Le ho già risposto, le ho illustrato le norme di riferimento in un quadro comparato tra lo Stato italiano (codice civile) e art. 4 del decreto legislativo n. 23/2011; Unione Europea (regolamento n. 692/2011.
O lei non ha letto bene il mio parere o faccia come ritiene più opportuno. In questo paese non si riesce a ragionare in termini di diritto.
Con me non ha niente da insistere, creda pure ai regolamenti comunali, supportati da una norma assolutamente illegittima, e proponga l’imposta di soggiorno ai suoi ospiti. Spero che lei non rientri tra coloro che si lamentano dello Stato del diritto in Italia. Io, da parte mia, con oltre 40 anni di esperienza nel turismo, combatto contro i soprusi normativi.
Buongiorno,
Non era mia intenzione offenderla, anzi. Capisce bene che, non essendo io nè avvocato né esperta di turismo, e sentendomi dire da tutti che è obbligatorio pagare certe tasse, pena pesanti sanzioni, ho qualche difficoltà ad oppormi e cercavo solo un supporto per farlo perché a me ovviamente andrebbe molto meglio la sua versione.

La ringrazio comunque del suo tempo,
Cordiali saluti
 
#9
Ma col decreto crescita non e previsto che anche con le LT si è obbligati a fare comunicazioni alloggiati?

Forse non ha letto bene tutto il post del Dott. Panzica ...

5. È obbligatorio dichiarare / registrare in Questura gli inquilini? SI AI SENSI Articolo 19-bis D.L. n. 113/2018 – convertito in legge 1 dicembre 2018, n. 132.
 

metty

Nuovo Membro
#10
Buongiorno vorrei avviare una piccola attivita saltuaria di affitto breve per un monolocale senza partita iva . tramite booking.
Il pagamento avviene tramite un intermediario (booking) cioe 'il cliente paga booking e poi booking paga me trattenendo la provvigione. devo poi dichiarare il reddito tramite cedolare secca ? ho letto che con la legge Gentiloni e l'intermediario che deve versare la cedolare... e corretto ?
altra domanda occorre un permesso dal comune per operare ? (uff.suap ) ?o altro ? da presentare poi in questura per avere le credenziali per la comunicazione dei dati dei clienti ?

grazie infinite in anticipo
matteo caronni
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#11
Il pagamento avviene tramite un intermediario (booking) cioe 'il cliente paga booking e poi booking paga me trattenendo la provvigione. devo poi dichiarare il reddito tramite cedolare secca ? ho letto che con la legge Gentiloni e l'intermediario che deve versare la cedolare... e corretto ? CORRETTO

altra domanda occorre un permesso dal comune per operare ? (uff.suap ) ?o altro ? NON SI PRESENTA LA SCIA AL SUAP - MA E' OBBLIGATORIO RECARSI IN QUESTURA CON I DATI CATASTALI DELL'IMMOBILE PER CHIEDERE L'ACCREDITAMENTO AL SERVIZIO ALLOGGIATIWEB

ALLEGO LA NORMATIVA
 

Allegati

#12
Buonasera vorrei sapere se posso affittare una parte del mio appartamento, dove risiedo, come locazione turistica/breve e quali sono gli adempimenti legali (Comune di Fiumicino (RM). Ho già un altro appartamento già registrato come alloggio turistico al Comune di Fiumicino, alla Regione Lazio (servizio RADAR) e Questura di Roma. Per il servizio AlloggiatiWeb è sufficiente inserire la nuova struttura sul portale utilizzando le stesse credenziali con cui già accedo ? Per finire la mia non è una attività imprenditoriale. Grazie per l attenzione Claudio
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
5,546
Messaggi
32,832
Utenti registrati
14,804
Ultimo utente registrato
Ugo Tedeschi
Top