• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non dici la tua? Registrati ora!

esami di guida Turistica dove li posso fare ?

#1
Salve a tutti io sono un accompagnatore turistico della regione Calabria e desidero abilitarmi come guida. Su internet si trova tutto e niente, c' è una confusione totale. qualcuno mi potrebbe dire dove posso fare gli esami di guida. Se io mi abilito fuori dalla mia Regione es. Toscana poi posso fare la guida in Calabria. Chiedo aiuto e chiarimenti. Grazie
 
#2
C'è chi è a favore e chi no, tuttavia è dal 2013 che il TAR del Lazio, annullando le limitazioni territoriali; ad es. abilitazione in Campania esercizio della professione solo in Campania, ha difatti esteso ad ogni guida abilitata la facoltà di poter esercitare su tutto il territorio nazionale.

A ciò va aggiunto che anche si possono sostenere gli esami anche in una regione diversa dalla propria. Allo stato attuale io credo che la norma sia quella stabilità dal TAR ma ci sono state in corso delle proteste, come lo scorso marzo.

Poi per quanto riguarda i bandi devi consulatare volta per volta quelli banditi dalle singole regioni. Sommariamente spero di averti chiarito le idee, ma spero che qualcuno più competente di me ci illumini entrambi con più dettagli.

Ciao
 

bluberry

Membro Senior
#3
Sì, purtroppo c'è gran confusione. Detto che, come spiega bene Roxy Dido Phoenissa Mercurio, allo stato attuale una guida può esercitare su tutto il territorio nazionale, resta il problema di trovare chi organizza sessioni di esame.

La riforma delle Province ha creato pasticci anche in questo settore: le competenze sono passate dalle province alle regioni, ma ognuno fa a modo suo. C'è chi ha a sua volta delegato nuovamente le province e chi organizza direttamente. Ma in pochi lo stanno facendo. Se non ricordo male nei mesi scorsi si è fatto qualcosa in emilia romagna e in puglia, mentre altrove ignoro.

Delle due, una: o non stanno organizzando un bel niente, oppure i loro siti web sono completamente inutili. Trovare informazioni su Internet è dura. c'è tanta confusione, in più ti imbatti in siti istituzionali dove l'ultimo aggiornamento risale al 30 avanti Cristo, oppure sono così vecchi che per navigare e trovare qualcosa di buono non ci vuole il pc ma le caravelle di Cristoforo Colombo
 
#5
Buongiorno a tutti!
Vi scrivo dal Piemonte e vi posso relazionare sull'argomento per quanto riguarda questa Regione specifica.
Sono Guida Turistica (ex Provincia di Vercelli), Accompagnatore naturalistcio o GEA, Direttore Tecnico AdV, Esperto di Formazione Professionale per l'Ente formont.

Le professioni turistiche erano di competenza regionale/provinciale fino alla pubblicazione della legge 6 agosto 2013 n.97

(http://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2013/08/20/13G00138/sg): l'articolo 3 ha stabilito che l’abilitazione alla professione di guida turistica è valida su tutto il territorio nazionale, fatti salvi i siti di particolare interesse storico, artistico o archeologico, individuati con decreto ministeriale, per i quali occorre specifica abilitazione.

Tuttavia al momento non sono state trasferite indicazioni definitive alle Regioni (alle quali compete la formazione di questa figura professionale attraverso gli enti/agenzie di formazione) sul profilo professionale standard da seguire per l'organizzazione dei corsi di abilitazione professionale.

Non sono a conoscenza di quali saranno le tempistiche di attivazione dei prossimi corsi di abilitazione validi ma terrò aggiornato il forum.
 
#6
Ciao Elena,

grazie mille per l'informazione esaustiva. Rimarrò in attesa di eventuali sviluppi per il corso sopracitato e spero che sia al più presto.
In un'altra discussione, ho chiesto informazioni anche sul corso di accompagnatore turistico; qualora avesse anche informazioni su quest'ultimo (sempre con rilascio di patentino), ti chiedo gentilmente di informarmi.

Io sono di Roma, ma non ho nessun problema a spostarmi, se, come dici, considerano il patentino valido a livello nazionale.

Grazie ancora per l'informazione.

Ciao

:Dennis
 

bluberry

Membro Senior
#7
Ciao Elena e grazie, anche per aver linkato una fonte ufficiale, ossia la gazzetta ufficiale. Resta il problema del palleggio di competenze tra Regioni e Province, ma cerchiamo di essere ottimisti: prima o poi ce la faranno a chiarire le idee a tutti.

A questo punto, visto che il referendum ha bocciato l'abolizione delle Province, si potrebbe tornare all'antico. In fondo le cose non andavano così male.

Grazie ancora e tienici aggiornati sulle novità provenienti dal Piemonte: nessuno meglio di te può conoscere le ultime news!!!
 
#9
Buongiorno, vi terrò aggiornati!
Per quanto riguarda corsi ed esami per Accompagnatore turistico vi rimando al link ufficiale della Regione Piemonte che li regolamenta:
http://www.regione.piemonte.it/turismo/cms/organizzazioni-turistiche/professioni-turistiche/accompagnatore-turistico.html
 
#10
Ciao a tutti. Per l'Emilia-Romagna, aggiorno periodicamente il mio blog con le info relative a come funziona l'abilitazione nella mia Regione e con l'avviso per i corsi e gli esami che gestisce un'associazione modenese. Trovate tutto sul mio blog, con rimandi al sito della Regione etc... Ecco qui l'aggiornamento per il 2017:
<blockquote><strong>Come diventare guida turistica</strong>

Per cominciare, tenete presente che ogni regione italiana ha la sua normativa, che regola le modalità con cui si diventa guida turistica. Una volta presa l’abilitazione, comunque, si può esercitare su tutto il territorio nazionale, ovvero si diventa guide nazionali.

Siccome non tutte le Regioni e le Province stanno facendo bandi, corsi ed esami, una domanda che mi fate spesso è: posso prendere l’abilitazione in un’altra Regione? La risposta è sì: ad esempio potete prendere l’abilitazione in Emilia-Romagna e non serve avere la residenza in questa regione. L’Emilia-Romagna è infatti una delle poche regioni che ha continuato a fare i corsi e gli esami per le varie professioni turistiche.

In Emilia-Romagna, chi è in possesso della laurea “giusta” è esentato dalla frequenza del corso per guida turistica, ma deve comunque sostenere la verifica della conoscenza del patrimonio artistico culturale dell’Emilia-Romagna e la verifica delle conoscenze linguistiche. Chi non ha la laurea “giusta” deve fare sia l’esame preliminare (verifica della conoscenza del patrimonio artistico culturale dell’Emilia-Romagna e verifica delle conoscenze linguistiche), sia, dopo avere passato l’esame, il corso per guida turistica. La verifica della conoscenza del patrimonio artistico culturale dell’Emilia-Romagna e quella delle competenze linguistiche resta obbligatoria per tutti!

<strong>Diventare guida turistica nel 2017</strong>

Ecco perché il 25 e il 26 febbraio, il 17 e 18 marzo e di nuovo il 9 e 10 giugno 2017, a Sassuolo, in provincia di Modena, si terranno due giornate di formazione e preparazione all’esame per guida turistica, pensate proprio per chi deve sostenere la selezione per accedere al corso di Guida turistica e per chi, in possesso della laurea “giusta”, è esentato dalla frequenza del corso, ma deve sostenere la verifica della conoscenza del patrimonio artistico culturale dell’Emilia-Romagna… Trovate tutto spiegato per bene sulla pagina specifica sul sito della Regione Emilia-Romagna:
http://www.regione.emilia-romagna.it/temi/turismo/professioni-turistiche/professioni-turistiche-di-accompagnamento

Ma – mi direte – devo proprio partecipare a questa formazione preliminare? Le giornate di formazione e preparazione all’esame per guida turistica non sono obbligatorie, ma – per chi ne sente il bisogno – possono essere di aiuto per sostenere l’esame… la scelta è vostra! Certo, per chi non sa che libri studiare, non si orienta, ha bisogno di un aiuto o anche solo di sentirsi più sicuro, il corso preliminare tenuto da chi ha più esperienza e ha già passato l’esame… può essere un’opzione valida! Considerate anche che i partecipanti riceveranno alcuni utili strumenti didattici come mappe concettuali sul patrimonio storico artistico culturale della Regione Emilia-Romagna, che mirano a contribuire alla realizzazione di apprendimento significativo e contrapposto all’apprendimento meccanico, fondato sull’acquisizione mnemonica; slide in power point utilizzate dal docente per la presentazione del corso, costituite da un vasto e coerente repertorio testi e immagini; una bibliografia di riferimento, individuata sulla scorta di una razionale valutazione di efficacia rispetto ai risultati attesi e complementare agli altri strumenti. Insomma, vi risparmiate un sacco di lavoro!

Il docente del corso che si tiene a Sassuolo è Gianluca Ferrari, esperto d’arte e guida turistica. I contenuti delle due giornate includono:

Il Rinascimento nelle Corti Padane
Siti Unesco Patrimonio dell’Umanità in Emilia Romagna
Destinazioni letterarie in Emilia Romagna
Percorsi musicali in Emilia Romagna
Architettura e urbanistica nelle città d’arte dell’Emilia Romagna
Destinazioni turistiche in Emilia Romagna attraverso i principali Siti e Musei Archeologici
Per un percorso ebraico in Emilia Romagna: sinagoghe, ghetti, cimiteri e luoghi ebraici
Percorsi medievali nelle città e nei borghi dell’Emilia Romagna
Pittura trecentesca e rinascimentale in Emilia Romagna: Parma, Bologna, Ferrara, Cento attraverso Parmigianino, i Carracci, Guido Reni, Bastianino e Guercino
Il Novecento pittorico in Emilia Romagna: movimenti e avanguardie
Arte, cultura e influssi bizantini in Emilia Romagna
Cultura materiale, tradizioni, folklore e enogastronomia in Emilia Romagna

Corso o non corso, gli esami sono obbligatori per tutti! Vi ricordo ancora che oltre alla prova orale di conoscenza del patrimonio artistico culturale dell’Emilia-Romagna, è prevista una prova orale delle conoscenze linguistiche intese come una o più lingue straniere (viene richiesto il livello C2. Tutti i candidati dovranno indicare la lingua o le lingue straniere nelle quali intendono sostenere la verifica).

Una volta passato questo esame, chi ha la laurea “giusta” è a posto, chi non ha la laurea “giusta” dovrà iscriversi al successivo corso obbligatorio (contenuti: ricerca, analisi e produzione documentale riferiti alla figura della Guida turistica, ruolo e quadro normativo istituzionale di riferimento, relazione con il cliente, sicurezza sul lavoro, servizio di accompagnamento turistico, adempimenti amministrativi connessi). Al termine di questo corso, previo superamento della verifica finale (prova di simulazione e colloquio) con commissione interna, verrà rilasciato Attestato di frequenza con verifica dell’apprendimento. L’attestato dà diritto all’iscrizione all’Elenco delle Guide Turistiche.

Tutto chiaro? Ho risposto alle vostre domande? Allora… in bocca al lupo!</blockquote>
 
#11
Per Alberto: a quanto ne so io, almeno in Emilia-Romagna, i laureati in archeologia sono esentati dal corso ma non dall'esame... guarda il link che ho postato per spiegazioni più dettagliate.
 
#12
Ciao Paola

Grazie per le informazioni.
Visiterò il tuo blog per gli eventuali aggiornamenti e sviluppi sui corsi o sul bando.
Purtroppo 9-10 Giugno mi rimane ormai difficile, Spero nei prossimi esami.

Ciao
Dennis
 
#15
Che io sappia c'è l'esenzione dai corsi, ma l'esame va fatto comunque. Ma io andrei oltre: non dite che sia giunto il momento di fare una legge chiara con regole uguali per tutti, su tutto il territorio nazionale? é necessario avere un testo omogeneo, uniforme.

E non sarebbe il caso di consentire a tutti di fare gli esami? Possibilmente nella propria provincia o regione di residenza? Di riforma in riforma sta accadendo questo: poche regioni virtuose organizzano gli esami, le altre dormono. Tra l'altro la gente non sa dove trovare informazioni.

Avete mai fatto un giro su i siti istituzionali di regioni, province ed enti vari? Alcuni sono fermi al paleolitico, quelli più evoluti sono arrivati al medioevo. E noi così vogliamo fare turismo in Italia?
 
#17
La Regione siciliana ha disciplinato la professione delle guide turistiche con la legge regionale n. 8/2004 allegata a questa risposta. Attualmente è in corso un esame abilitativo presso l'Assessorato regionale del turismo dello sport e dello spettacolo in via Notarbartolo, 9, a Palermo. Dirigente responsabile Dott. Giuseppe Librizzi.
 
#19
Ciao Ragazzi,
mi aggrego alla discussione perché cerco periodicamente notizie on line sui prossimi bandi in Lombardia ma non riesco a venirne a capo. Ho chiamato la Città Metropolitana di Milano a fine settembre e mi hanno detto che non sapevano niente, che "probabilmente" nei prossimi mesi si sarebbe mosso qualcosa.

Se qualcuno ha info, ora o in futuro, si faccia avanti :D! A questo punto mi sposterei volentieri anche in altre regioni del centro nord..
 
#21
È uscito il bando in Sicilia:

<a href="http://pti.regione.sicilia.it/portal/page/portal/PIR_PORTALE/PIR_LaStrutturaRegionale/PIR_TurismoSportSpettacolo/PIR_Turismo/PIR_Concorso_Guide2013/PIR_Esame_Guide2015/AVVISO%20ABILITAZIONE%20GUIDE%20TURISTICHE%202018.pdf">https://appuntiturismo.it/bando-guida-turistica-2018-sicilia/</a>
 
#22
Buon pomeriggio! Volevo porre una domanda al signor Panzica. Sono una guida turistica abilitata e con alcuni amici vorremmo organizzare un tour di più giorni in Sicilia(consultando un'agenzia di viaggio x il soggiorno e spostamenti in pullman). Ho pensato di cogliere l occasione in maniera gratuita  per illustrare le bellezze della nostra sicilia (con il patentino). Nel caso venissi fermata posso spiegare che il mio non è lavoro ma solamente "gita con amici senza compenso" o potrei avere problemi?
La ringrazio anticipatamente per la sua gentile e tempestiva risposta.
Cordiali Saluti
 
#23
Per i prossimi bandi sarà uguale la situazione? Cioè si potrà prendere l’abilitazione in una regione diversa da quella di appartenenza, potendo sempre esercitare poi su tutto il territorio nazionale?
 

Utenti online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
6,026
Messaggi
36,373
Utenti registrati
16,777
Ultimo utente registrato
Noemi Desimoni
Top