• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non dici la tua? Registrati ora!

Turismo digitale cosa è permesso?

#1
Ciao a tutti,

vorrei creare un sito web con la possibilità di prenotare attività turistiche ma non conosco la legislatura e vorrei sapere se ho bisogno di qualche licenza turistica. Ho letto già un po' di articoli e domande nel forum che mi hanno chiarito alcuni punti ma non del tutto.

La nostra attività avrebbe due tipi di prenotazioni per i viaggiatori:

1) una parte self-service dove l'utente può crearsi in completa autonomia i suoi 'pacchetti turistici' scegliendo tra le attività proposte nel sito. In questo caso genereremmo margini dalle attività che per associarsi al nostro sito ci verserebbero una somma associativa annuale. Da quanto ho visto già in altri thread del forum, non si può chiedere invece una percentuale per prenotazioni senza avere una licenza, vorrei chiedere la conferma di questo ultimo punto e anche sapere se per il modello associativo avremmo bisogno di particolari licenze.

2) una parte del sito dove saremo noi a combinare le esperienze per vendere questi pacchetti sotto forma di eventi. In altre parole vorremmo combinare più attività per esempio escursione in canoa + hotel + ristorante. In questo caso vorremmo generare margini sul pacchetto che vendiamo (se queste 3 attività costano al pubblico 80 euro venderemo il pacchetto a 100 euro). Questi eventi sarebbero una-tantum e prenotabili solo per determinate date. Anche su questo punto vorrei sapere se abbiamo bisogno di una licenza. Inoltre ho visto in un altro thread che in questo caso si differenzia la creazione di pacchetti per eventi che durino più di 24 ore o abbiano almeno 1 pernotto (che richiedono la licenza di tour operator), vorrei chiedere anche chiarimenti riguardo questo.

Quali sono i vostri consigli per questo tipo di attività che vogliamo inziare? Potete linkarci qualche articolo o normativa che ci occorrerebbe leggere prima di creare una attività del genere?

Grazie mille
Valerio
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#2
Buongiorno,
provo a rispondere:
1) una parte self-service dove l'utente può crearsi in completa autonomia i suoi 'pacchetti turistici' scegliendo tra le attività proposte nel sito. In questo caso genereremmo margini dalle attività che per associarsi al nostro sito ci verserebbero una somma associativa annuale. Da quanto ho visto già in altri thread del forum, non si può chiedere invece una percentuale per prenotazioni senza avere una licenza, vorrei chiedere la conferma di questo ultimo punto e anche sapere se per il modello associativo avremmo bisogno di particolari licenze. PREMETTO CHE A MIO PARERE CHE - CON LE DOVUTE DIFFERENZE RISPETTO ALL'ATTIVITA' DI TT.OO. O DI AGENZIA DI VIAGGI - QUESTA ATTIVITA' DEBBA ESSERE SVOLTA NELL'AMBITO DELLA PUBBLICITA' - DELLA PROMOZIONE E DEL MARKETING. NON RITENGO SI POSSA CHIEDERE NE' QUOTA ASSOCIATIVA NE' INCASSARE L'INTERO IMPORTO

2) una parte del sito dove saremo noi a combinare le esperienze per vendere questi pacchetti sotto forma di eventi. In altre parole vorremmo combinare più attività per esempio escursione in canoa + hotel + ristorante. In questo caso vorremmo generare margini sul pacchetto che vendiamo (se queste 3 attività costano al pubblico 80 euro venderemo il pacchetto a 100 euro). Questi eventi sarebbero una-tantum e prenotabili solo per determinate date. Anche su questo punto vorrei sapere se abbiamo bisogno di una licenza. Inoltre ho visto in un altro thread che in questo caso si differenzia la creazione di pacchetti per eventi che durino più di 24 ore o abbiano almeno 1 pernotto (che richiedono la licenza di tour operator), vorrei chiedere anche chiarimenti riguardo questo. L'ATTIVITA' IPOTIZZATA RIENTRA TRA QUELLE PREVISTE PER LE AGENZIE DI VIAGGI - NESSUNA DEROGA E' POSSIBILE - POTRESTE OPERARE - ESCLUSIVAMENTE - STIPULANDO CONTRATTI CON SINGOLI FORNITORI DI SERVIZI - PER VENDERE SERVIZI TURISTICI COLLEGATI O PACCHETTI TURISTICI - SEMPRE PREVIA STIPULA DI SPECIFICI CONTRATTI - DOVRESTE APPOGGIARVI AD AGENZIE DI VIAGGI O A TT.OO.

Ci sono soluzioni alternativa, come sopra citato, operando con specifici codici ATECO, come ho già proposto ad altre attività analoghe a quella ipotizzata.

Per una consulenza dedicata, dalle fasi propedeutiche alla realizzazione dell'attività, potete contattarmi alla mia e.mail - saveriopanzica@gmail.com
 
#3
Buongiorno Saverio,
grazie mille per la risposta. Volevo chiedere giusto un chiarimento riguardo il punto 1, quando dice NON RITENGO SI POSSA CHIEDERE NE' QUOTA ASSOCIATIVA NE' INCASSARE L'INTERO IMPORTO che cosa vuole dire esattamente? Questa attivita' ricade nelle licenze di tour operator o agenzia di viaggi oppure quale sarebbe la motivazione precisa per cui non si puo' chiedere un importo per associarsi al sito?

Per quanto riguardano le alternative di cui parla per il punto 2, potrebbe linkarmi gli articoli in cui ne parla o darmi ulteriori dettagli?

Grazie
Valerio
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#4
Bounasera,
rispondo:

che cosa vuole dire esattamente? Questa attivita' ricade nelle licenze di tour operator o agenzia di viaggi oppure quale sarebbe la motivazione precisa per cui non si puo' chiedere un importo per associarsi al sito? Un sito non è un'Associazione senza scopo di lucro.
In merito al punto 2 l'attività proposta può essere svolta come promotore pubblicitario o di marketing con specifici codici ATECO. L'argomento è estremamente articolato e richiede una specifica consulenza dedicata. Mi pare di averle già indicato la strada con i relativi codici ATECO.
 
#5
Buongiorno mi allaccio a questa domanda per chiedere un qualcosa di simile,
Ho un Hotel e sul mio sito vorrei vendere delle esperienze (di 1 o più giorni formate da soggiorno + escursione + degustazioni ecc) .
Le Esperienze vengono creata da un agenzia viaggi con licenza da To (che mettono assieme più operatori per fare il pacchetto) e quindi non vi sono problemi. Quindi se io creo una pagina con dei widget che sono collegati ad un sistema (tipo trekksoft) per rivendere quelle esperienze e ne ricavo una percentuale sono a norma con la legge ?
Se invece il cliente in reception mi chiede di vendergli un esperienza del mio sito e io la pago con la mia carta per poi addebitargliela sul suo conto finale posso ? (tecnicamente si può ma la legge lo permette ?

Grazie Mille
Mario
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#6
Preg.mo Mario buongiorno, provo a risponderle:

Le Esperienze vengono creata da un agenzia viaggi con licenza da To (che mettono assieme più operatori per fare il pacchetto) e quindi non vi sono problemi. Quindi se io creo una pagina con dei widget che sono collegati ad un sistema (tipo trekksoft) per rivendere quelle esperienze e ne ricavo una percentuale sono a norma con la legge ? ASSOLUTAMENTE CORRETTO NEL RISPETTO DELL'ARTICOLO 41 DELLA COSTITUZIONE SULLA LIBERA INIZIATIVA DELL'IMPRESA - sarebbe opportuno stipulare un contratto con il T.O. sulle percentuali da corrispondere.

Se invece il cliente in reception mi chiede di vendergli un esperienza del mio sito e io la pago con la mia carta per poi addebitargliela sul suo conto finale posso ? (tecnicamente si può ma la legge lo permette ? IN QUESTO CASO RITENGO SIA CORRETTO IL PAGAMENTO DIRETTAMENTE ALL'AGENZIA DI VIAGGI, ALTRIMENTI LEI SVOLGEREBBE INTERMEDIAZIONE RISERVATA ALLE AGENZIE DI VIAGGI.

Buon lavoro

Dott. Saverio Panzica
 
#7
Preg.mo Mario buongiorno, provo a risponderle:

Le Esperienze vengono creata da un agenzia viaggi con licenza da To (che mettono assieme più operatori per fare il pacchetto) e quindi non vi sono problemi. Quindi se io creo una pagina con dei widget che sono collegati ad un sistema (tipo trekksoft) per rivendere quelle esperienze e ne ricavo una percentuale sono a norma con la legge ? ASSOLUTAMENTE CORRETTO NEL RISPETTO DELL'ARTICOLO 41 DELLA COSTITUZIONE SULLA LIBERA INIZIATIVA DELL'IMPRESA - sarebbe opportuno stipulare un contratto con il T.O. sulle percentuali da corrispondere.

Se invece il cliente in reception mi chiede di vendergli un esperienza del mio sito e io la pago con la mia carta per poi addebitargliela sul suo conto finale posso ? (tecnicamente si può ma la legge lo permette ? IN QUESTO CASO RITENGO SIA CORRETTO IL PAGAMENTO DIRETTAMENTE ALL'AGENZIA DI VIAGGI, ALTRIMENTI LEI SVOLGEREBBE INTERMEDIAZIONE RISERVATA ALLE AGENZIE DI VIAGGI.

Buon lavoro

Dott. Saverio Panzica
Egr Sott Saverio

La ringrazio molto per la risposta,
quindi se sul mio sito vendo oltre alle camere le "Esperienze" di altri non faccio intermediazione giusto ? Perchè la prenotazione delle esperienze viene fatta sul mio sito ma il flusso dei pagamenti va all'agenzia. (ma vi è una norma che disciplina questa specie di "intermediazione")?

la ringrazio anticipatamente per questo chiarimento

Saluti

Mario
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#8
Egr Sott Saverio

La ringrazio molto per la risposta,
quindi se sul mio sito vendo oltre alle camere le "Esperienze" di altri non faccio intermediazione giusto ? Perchè la prenotazione delle esperienze viene fatta sul mio sito ma il flusso dei pagamenti va all'agenzia. (ma vi è una norma che disciplina questa specie di "intermediazione")?

la ringrazio anticipatamente per questo chiarimento

Saluti

Mario
CORRETTO -
L'ATTIVITA' DELLE AGENZIE DI VIAGGI E DEI TOUR OPERATOR E' DEMANDATA ALLE REGIONI DALL'ARTICOLO 117 COMMA IV DELLA COSTITUZIONE (COMPETENZE RESIDUALI/INNOMINATE/ESCLUSIVE DELLE REGIONI)
 

Utenti online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
6,026
Messaggi
36,373
Utenti registrati
16,777
Ultimo utente registrato
Noemi Desimoni
Top