• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Termini e condizioni biglietti online

#1
Salve a tutti,<br />
un saluto in particolare al professor Saverio,<br />
avrei intenzione di organizzare escursioni in giornata solo in Italia con vendita biglietti prevalentemente online. ora mi domandavo, avendo la sede dell agenzia in lombardia, quali siano i temini e le condizioni che regolamentano la compravendita di biglietti (diritto di recesso ecc) da pubblicare sul sitoweb (o dove é possibile trovare la normativa di riferimento)
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#2
Grazie per i saluti. Le agenzie On line dette anche OLTA o OTA, in Italia sono disciplinate dalle stesse norme che regolano le agenzie di viaggi. Pertanto, se le agenzie sono autorizzate da una regione possono operare a livello internazionale. Anche se si organizzano delle escursioni, che comprendono almeno due servizi turistici, e' obbligatorio stipulare il contratto ai sensi degli articoli 32-51 del codice del turismo. Questa e' la novita' introdotta dal codice del turismo, rispetto al codice del consumo che regolamentava i pacchetti turistici solo nel caso in cui fosse previsto almeno un pernottamento.<br />
Considerato che la SCIA e' lo strumento per la semplificazione amministrativa delle imprese, suggerisco di presentare al SUAP competente la S CIA , ad integrazione dell'attivita' svolta, di attivita' on line. Anche se ritengo non sia necessario, in quanto l'impresa, ai sensi dell'articolo 41 della Costituzione, svolge la propria attivita' nei modi consentiti dalle norme vigenti. Pertanto non sarebbe necessaria nessuna ulteriore autorizzazione.
 
#3
Grazie della risposta mirata,<br />
Negli articoli 36 e 38 ho visto che bisogna obbligatoriamente pubblicare a scopo informativo gli indirizzi delle strutture per il pernottamento e servizi disabili a tutela del turista sia sul contratto che sull opuscolo<br />
Per quanto riguarda le visite guidate e i ristoranti non ho trovato che bisogna comunicare obbligatoriamente il nome e l indirizzo e i servizi per disabili ne sull opuscolo ne sul contratto... mi sbaglio?<br />
Se volessi organizzare un tour in giornata che prevede due visite guidate ed un pranzo potrei scrivere sull opuscolo o sui termini e condizioni del contratto ipoteticamente visita di una chiesa a Torino pranzo in un ristorante a pochi km ed infine visita ad una centrale idroelettrica vicino a Chivasso?
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#4
L a tematica deve essere analizzata, oltre che nell'ambito del codice del turismo, in relazione alle disposizioni impartite dal codice del consumo. Infatti le informazioni devono essere veritiere e non vessatorie. Ciò significa che se tutto va bene nessun problema, ma in caso di contenzioso, un bravo avvocato troverebbe tutti gli appigli necessari per eventuali risarcimenti.
 
#5
La ringrazio dell interpretazione e della disponibilita<br />
Mi interessa conoscere se esiste una normativa in Italia che preveda obbligatoriamente di garantire un prezzo ridotto per il pacchetto turistico quando a usufruirne fosse un partecipante minore o maggiore di una certa eta?<br />
Infine mi é sorto un dubbio: Una adv deve pagare l Iva sulla transazione del pacchetto turistico(da lei organizzato) se assieme alla ricevuta viene rilasciato un biglietto da presentare all accompagnatore il giorno della partenza o si """"limita"""" a pagare le tasse sui guadagni tramite la dichiarazione dei redditi?
 

Saverio Panzica

Esperto
Staff Forum
#6
Nessuna normative obbliga la tariffa ridotta per i minori. Trattandosi di offerta di servizi turistici a forfait, lei può disporre il prezzo come ritiene più opportuno.<br />
Normativa di riferimento: Codice del turismo- Decreto legislativo n. 79/2011<br />
ART. 33<br />
(Definizioni)<br />
1. Ai fini del presente capo si intende per:<br />
a) organizzatore di viaggio: il soggetto che si obbliga, in nome proprio e verso corrispettivo forfetario,<br />
a procurare a terzi pacchetti turistici, realizzando la combinazione degli elementi di cui all’articolo<br />
34, o offrendo al turista, anche tramite un sistema di comunicazione a distanza, la possibilità di<br />
realizzare autonomamente ed acquistare tale combinazione;<br />
b) intermediario: il soggetto che, anche non professionalmente e senza scopo di lucro, vende, o si<br />
obbliga a procurare a terzi pacchetti turistici realizzati ai sensi dell’articolo 34 verso un corrispettivo<br />
forfetario o singoli servizi turistici disaggregati;<br />
c) turista: l’acquirente, il cessionario di un pacchetto turistico o qualunque persona anche da nominare,<br />
purché soddisfi tutte le condizioni richieste per la fruizione del servizio, per conto della quale il<br />
contraente principale si impegna ad acquistare senza remunerazione un pacchetto turistico.<br />
2. L’organizzatore può vendere pacchetti turistici direttamente o tramite un venditore o tramite un<br />
intermediario.<br />
ART. 34<br />
(Pacchetti turistici)<br />
1. I pacchetti turistici hanno ad oggetto i viaggi, le vacanze, i circuiti tutto compreso, le crociere<br />
turistiche, risultanti dalla combinazione, da chiunque ed in qualunque modo realizzata, di almeno<br />
due degli elementi di seguito indicati, venduti od offerti in vendita ad un prezzo forfetario:<br />
a) trasporto;<br />
b) alloggio;<br />
c) servizi turistici non accessori al trasporto o all’alloggio di cui all’articolo 36, che<br />
costituiscano, per la soddisfazione delle esigenze ricreative del turista, parte<br />
significativa del pacchetto turistico.<br />
2. La fatturazione separata degli elementi di uno stesso pacchetto turistico non sottrae l’organizzatore o<br />
il venditore agli obblighi del presente capo.<br />
<br />
Per quanto riguarda l'IVA non la posso aiutare è una tematica afferente l'area di consulenza fiscale per le imprese. Io mi occupo di diritto del turismo.
 
#7
Grazie, In questa specifica sezione del codice del turismo ho avuto modo di reperire parecchie informazioni utili per comprendere i termini e le condizioni dei pacchetti turistici<br />
Anche se alcuni punti oscuri ci sono ancora<br />
Ho trovato all artico ART. 36<br />
d) importo,<strong> comunque non superiore al venticinque per cento del prezzo</strong>, da versarsi all'atto della prenotazione, <strong>nonche' il termine per il pagamento del saldo</strong>; il suddetto importo e' versato a titolo di caparra ma gli effetti di cui all'articolo 1385 del codice civile non si producono qualora il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non imputabile, ovvero sia giustificato dal grave inadempimento della controparte<br />
<br />
Vendendo biglietti online é possibile richiedere al turista, al momento dell acquisto, di congelare subito l intero importo anche se l adv entrera in possesso prima del solo acconto e alla scadenza del termine, del rimanente,<br />
Suppongo che il termine possa esser diverso contratto per contratto e non e specificato quanto tempo debba intercorrere tra acconto e scadenza termine,<br />
Quindi di fatto potrei chiedere acconto al 25% e il secondo dopo saldo del 75%?!<br />
<br />
In merito all assicurazione di cui l ART. 50<br />
(Assicurazione)<br />
<br />
1. L'organizzatore e l'intermediario devono essere coperti da contratto di assicurazione per la responsabilita' civile a favore del turista per il risarcimento dei danni di cui agli articoli 44, 45 e 47.<br />
<br />
2. In ogni caso i contratti di turismo organizzato possono essere assistiti da polizze assicurative che, per i viaggi all'estero, garantiscano il rientro immediato del turista a causa di emergenze imputabili o meno al comportamento dell'organizzatore o dell'intermediario, e che assicurino al turista assistenza anche di<br />
tipo economico. Tali polizze possono altresi' garantire, nei casi di insolvenza o fallimento dell'intermediario o dell'organizzatore, il rimborso del prezzo versato per l'acquisto del pacchetto turistico. Qualora le spese per l'assistenza e per il rimpatrio siano sostenute o anticipate dall'amministrazione pubblica competente, l'assicuratore e' tenuto ad effettuare il rimborso direttamente nei suoi confronti.<br />
<br />
3. Gli organizzatori e gli intermediari possono costituirsi in consorzi o altre forme associative idonee a provvedere collettivamente, anche mediante la costituzione di un apposito fondo, per la copertura dei rischi di cui al comma 2. Le finalita' del presente comma possono essere perseguite anche mediante il coinvolgimento diretto nei consorzi e nelle altre forme associative di imprese e associazioni di categoria del settore assicurativo, anche prevedendo forme di riassicurazione.<br />
<br />
4. L'obb<strong>ligo, di cui al comma 1, non sussiste per il prestatore di uno Stato membro dell'Unione europea che si stabilisce sul territorio nazionale se sussistono le condizioni di cui all'articolo 33 del <u>decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59</u>.</strong><br />
<br />
Art. 33<br />
(Assicurazioni)<br />
1. Ove previsto, l'obbligo di disporre di un'assicurazione di responsabilità professionale o altra garanzia non può essere imposto al prestatore che si stabilisce sul territorio se già coperto da una garanzia equivalente o essenzialmente comparabile, quanto a finalità e copertura fornita in termini di rischio o capitale assicurati o massimale della garanzia, nonche' eventuali esclusioni dalla copertura, nello Stato membro in cui e' già stabilito. Qualora l'equivalenza sia solo parziale, può essere richiesta una garanzia complementare per gli aspetti non inclusi.<br />
2. Costituisce prova sufficiente dell'esistenza di tale assicurazione o garanzia un attestato rilasciato da istituti di credito e assicuratori stabiliti in un altro Stato membro.<br />
<br />
Non mi é chiaro. oltre all assicurazione di base dell adv/tour operator bisogna obbligatoriamente stipularne una specifica per ogni pacchetto turistico?<br />
e proporne una aggiuntiva al cliente a sue spese?<br />
In particolare se il pacchetto comprende servizi esclusivamente in giornata esclusivamente sul territorio Italiano quante assicurazioni oltre a quella di base dovra stipulare/proporre l adv?
 
#8
La direttiva UE sui pacchetti turistici è stata recepita dallo Stato italiano che ha adottato il decreto legislativo di recepimento, tenendo conto della legge 1084 del 1977 e del codice civile. Nel caso della caparra cofirmataria, articolo 1385 del codice civile, prevista dal contratto peri pacchetti turistici, non si può operare con acconto. L'acconto deve essere fatturato immediatamente, la caparra no. In caso di caparre, la fatturazione avviene a saldo.<br />
Ritengo che quando l'accordo è definito, prima che il turista parta, si può chiedere il saldo, è bene specificare la tempistica nel contratto. Ripeto, comunque, che la caparra non è acconto.<br />
Per quanto riguarda le assicurazioni, sono obbligatorie: quella per la responsabilità civile e quella per le cose portate dal cliente. Ogni altra assicurazione aggiuntiva è facoltativa e, in caso di accettazione , da parte del cliente, va inserita nel contratto.<br />
Se il pacchetto viene predisposto per le escursioni, sono previste sempre le due assicurazioni obbligatorie. Tale obbligo, non era presente nei pacchetti turistici quando la loro disciplina era inserita nel "Codice del consumo". Da quando il decreto legislativo n. 79/2011 (codice del turismo) ha spostato i pacchetti turistici al suo interno, l'obbligo per i contratti è scattato , anche, per le escursioni giornaliere e senza pernottamento.
 
#9
Salve, in questi giorni ho provato a cercare meglio su internet e non ho ancora afferrato nella pratica se é possibile chiedere il pagamento dell intero importo in fase di acquisto online (senza ne caparra ne acconto) ?<br />
In merito alle 2 assicurazioni obbligatorie, per Rc intende la medesima da presentare con la SCIA? e quella inerente agli oggetti del turista si tratta di una copertura accessoria alla rc ( come per i veicoli il furto/incendio) o é una polizza a parte che va sottoscritta una ad una per ogni tipo di tour proposto dall adv?<br />
<br />
Inoltre, ho provato a conttattare una delle maggiori associazioni per gli operatori turistici per chiedere un "modulo" di contratto tra adv e fornitori<br />
Ho trovato il modulo per il contratto del pacchetto tra adv e turista ed ero interessato a vedere un "modulo" per prendere spunto per stilare i contratti che andro a far sottoscrivere alle strutture ricettive che collaboreranno ripetitivamente con l adv,<br />
Un modulo che includa anche una sezione per termini e condizioni del servizio nonche diritto di recesso di entrambi i soggetti ed eventuali penali il tutto con richiami alle fonti di diritto che regolamentano la disciplina in questione<br />
Tenendo presente come esempio il modulo di contratto d affitto che si puo chiedere al sindacato degli inquilini, credevo fosse legittimo avanzare tale richiesta ad un associazione di settore ma mi sono sentito rispondere che non é disponibile<br />
Ora gradirei sinceramente un suo parere in merito alla questione se é legittimo o meno, se sono io che sto peccando di inesperienza e sto sbagliando a chiedere questo modulo ad un associazione di settore<br />
Eventualmente se si riuscisse a recuperarne uno tramite questo forum sarebbe molto apprezzato
 
#10
Nel fattispecie del contratto di viaggi, all'atto della predisposizione del contratto stesso, deve essere prevista una caparra confirmatoria non superiore al 25% (art. 1385 del codice civile). I successivi termini di pagamento vanno inseriti nel contratto, per es. entro 48 ore dalla partenza deve essere corrisposto il saldo.<br />
Articolo 36 del Codice del turismo:<br />
lettera d) importo, comunque non superiore al venticinque per cento del prezzo, da versarsi all’atto della prenotazione, nonché il termine per il pagamento del saldo; il suddetto importo è versato a titolo di caparra ma gli effetti di cui all’articolo 1385 del codice civile non si producono qualora il recesso dipenda da fatto sopraggiunto non imputabile, ovvero sia giustificato dal grave inadempimento della controparte.<br />
L'art. 1183 del codice civile dispone che, qualora non vengano stabilite le modalità di pagamento il creditore può chiedere il pagamento anticipato, ciò succede, alcune volte, quando ci si presenta in albergo. se in fase di prenotazione della camera, non sono state stabilite le condizioni temporali di pagamento.<br />
<br />
Per quanto riguarda le assicurazioni: il "Codice del turismo è chiarissimo, pertanto sarà importante contattare Compagnie di assicurazioni affidabili in grado di proporre polizze: obbligatorie e facoltative che tutelino il viaggiatore e l'impresa di intermediazione turistica:<br />
ART. 19<br />
(Obbligo di assicurazione)<br />
1. Per lo svolgimento della loro attività, le agenzie di viaggio e turismo stipulano congrue polizze assicurative a garanzia dell'esatto adempimento degli obblighi assunti verso i clienti con il contratto di viaggio in relazione al costo complessivo dei servizi offerti.<br />
<br />
INFINE, niente di più semplice che reperire copia di modello di contratto. Vada sul sito ASTOI: "modulo contratto compravendita pacchetti turistici".<br />
Scarica qui il nuovo Modulo di contratto di compravendita di pacchetti turistici approvato dalle Associazioni di Categoria (ASTOI, Assotravel, Assoviaggi, Fiavet e Federviaggio) con le Condizioni Generali aggiornate sulla base delle novità introdotte dal Codice del Turismo.
 
#11
Grazie per le informazioni, il modulo per contratti tra adv e turista che mi ha consigliato lei é piu recente ed aggiornato di quello che ero riuscito a reperire io, ad ogni modo, io stavo domandando per il "modulo" per il contratto che ha come soggetti adv e <strong>strutture ricettive</strong> e come oggetto la definizione del servizio richiesto, le date in ripetitiva, il prezzo stabilito, condizioni per il recesso e previsione di penali in caso di inadempimento.<br />
E possibile recuperare questo "modulo"?
 

Utenti online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
5,502
Messaggi
32,588
Utenti registrati
14,657
Ultimo utente registrato
Fillippazzo
Top