• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non dici la tua? Registrati ora!

Realtà virtuale e turismo, un possibile rapporto?

#1
Se consideriamo la Virtual Reality impiegata nel turismo, non possiamo non pensare a quanto possa essere utile soprattutto di fronte alle avversità. Chi lavora nel settore dei viaggi deve integrare nuove tecnologie, migliorare i contenuti interattivi e implementarli nelle strategie di marketing.

Negli ultimi anni, le aziende l'hanno colta come un'opportunità per soddisfare una serie di aspettative e dare impulso al turismo.

La realtà virtuale non può sostituire l'esperienza sensoriale: anche se può spingere i viaggiatori a esplorare i canali online, per saperne di più sul luogo, un futuro robotico non può ovviamente sostituire l'esperienza che gli esseri umani possono avere attraverso il contatto fisico.

La VR può essere la chiave per gli operatori turistici per uso commerciale, pensato per il maggior numero di persone. Un uso esclusivamente domestico non è l'opzione più adatta.

Sempre più viaggiatori hanno acquisito consapevolezza della necessità di un'esperienza che implicasse click minimi dalla ricerca di una destinazione alla prenotazione, ottenendo anche una gratificazione immediata e risparmiando più tempo possibile.

La realtà virtuale darebbe un'anticipazione e consentirebbe di organizzare il viaggio in modo più accurato. Rivelerebbe solo in parte e impegnerebbe i turisti a ricercare ulteriori informazioni.
Oltre a ciò, aumenterebbe la sostenibilità poiché i siti storici danneggiati dal turismo di massa potrebbero essere conservati ricreandoli in realtà virtuale.

Inoltre, come passatempo negli aeroporti o nei principali siti di destinazioni turistiche, la VR potrebbe rivelarsi una nuova forma di intrattenimento altamente educativa.

Per le persone fisicamente inabili, potrebbe essere un aiuto per visitare alcuni punti di riferimento nelle loro destinazioni preferite che altrimenti sarebbero inaccessibili.

Il potenziale di questa tecnologia risiede nella sua accessibilità anche alle persone in generale che una volta si sono recate sul posto e vorrebbero tornare alla loro esperienza passata.

La realtà virtuale potrebbe davvero riportare i turisti indietro nel tempo, come ad esempio alle strade dell'Antica Roma o Pompei o Ercolano, al periodo precedente all'eruzione del Vesuvio che le distrusse.

È uno strumento rilevante, un'opzione alla base di un cambiamento radicale nel futuro del turismo.
 

Membri online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
6,150
Messaggi
36,985
Utenti registrati
17,364
Ultimo utente registrato
Daly
Top