• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

La nascita dell'ospitalità

#4
Un argomento che mi intriga, difatti provo a buttarmi nella tenzone.
Colui che accoglie altre persone nella propria abitazione si dice che ospita, nel tempo però tale termine venne ad assumere un significato "passivo".
Il più famoso OSPITE che si conosca credo fosse Anfitrione, ma l'arte dell'ospitalità è strettamente legata al concetto greco di XENIA che vanta una serie di rigide norme sul rapporto tra ospitante ed ospitato...
 

liside

Membro Senior
#5
Ciao Raffaello,
buttati pure senza tema, l'argomento è davvero interessante.
Diciamo pure che (L')Anfitrione è il titolo di una commedia di Plauto. Questi, comandante dell'esercito tebano, è in guerra contro i barbari. Quel libertino impenitente di Giove, attratto dalla bellezza di Alacmena, moglie di Anfitrione, si sostituisce a questo prendendone le sembianza e addirittura allungando la notte per prolungare il godimento della compagnia della donna. Una commedia degli equivoci insomma.
Il concetto greco XENIA invece è legato, giustamente come dici, all'ospitalità, ma in senso più lato, e con particolare inclinazione, a mio avviso, alle vivande più che all'alloggio. Vitruvio ci racconta che gli artisti della Grecia antica chiamavano "xenia" un genere pittorico che rappresentava uova, frutta, animali da macello (generi commestibili insomma), tipo una natura morta. In pratica, l'ospite veniva rifocillato sicuramente, e solo secondariamente ospitato per passare la notte in casa altrui.
Le quattro regole ferree cui accenni sono:
- il rispetto dell'ospite verso l'ospitante
- il rispetto dell'ospitante verso l'ospite
- un dono alla partenza dell'ospite da parte dell'ospitante
- l'ospite aveva il dovere di ricambiare l'ospitalità
Da parte mia aggiungo che, più che la solidarietà per i viandanti , è il timor panico che l'ospite sia un dio sotto mentite spoglie che si presenta all'uscio di casa: il non accoglierlo potrebbe scatenare la collera di questi con le nefaste conseguenze immaginabili.
Ma passiamo alle radici dell'ospitalità:
sempre in Grecia, ad Olimpia, nel V secolo A.C. circa. in occasione delle Olimpiadi durante celebrazioni religiose che includevano anche manifestazioni sportive, per venire incontro ai bisogni alimentari delle folle che provenivano da tutte le parti venivano approntati gli auxilia, capanni estemporanei dove sia atleti che parenti che semplici spettatori potevano trovare conforto.
Scusa, mi sono stufato, continuo dopo....:p
 
Ultima modifica:
#6
In un passaggio dell’Iliade, Glauco e Diomede, figure mitiche e al tempo stesso avversari nella guerra di Troia, si ritrovano l’uno dinanzi all'altro. Il furore e la violenza che caratterizzano l’intera opera di Omero indurrebbero a pensare ad un classico duello tra un rappresentante di Troia e un eroe greco, ma accade qualcosa di inaspettato che interrompe l’atmosfera bellicosa: Diomede si rende conto che suo nonno Oineo ospitò Bellerofonte, a sua volta antenato di Glauco, ergo i due riconoscono un antico legame di Ospitalità. Tale patto, contratto dai loro antenati, lega anche i discendenti, sicché Diomede con gioia induce Glauco a deporre le armi. Dopo le sue parole, i due « si presero l’uno la mano dell’altro e rinnovarono il loro vincolo di fedeltà ». Qui l’ospitalità assume una forma “tradizionale” tanto da essere perpetuata…
 

liside

Membro Senior
#7
La prima testimonianza europea di un documento che ha a che fare con un soggiorno alberghiero non è un conto albergo, bensì una nota spesa di un vescovo tedesco, tale Wolfger, per un soggiorno di due persone presso una locanda con cucina comprensivo di pane e vino, Parliamo del 1204.
Fino al Rinascimento si parla di locande composte da camere comuni con più letti, tipo camerate, con pochissime singole e una sala da pranzo.
 
#8
Amicizia e Ospitalità viaggiano parallelamente.
Qualcosa di soavemente perimetrale avvolge il concetto di Amicizia/Ospitalità: quando affermiamo di avere degli amici sappiamo invero che stiamo edulcorando un insieme costituito da persone con evidenti differenze comportamentali e che siamo in grado di accettare grazie al nostro livello di tolleranza. Un'altra particolarità di tale concetto è che Esso è completamente svincolato da qualsiasi tipo di barriera culturale, religiosa, sessuale, etnica o politica.
Apro e chiudo velocemente con una nota classica che appartiene a Cicerone. Si tratta di un pensiero legato al ricordo del pitagorico Archita di Taranto: "La natura non ama affatto l'isolamento e cerca sempre di appoggiarsi a un sostegno che è tanto più dolce quanto più è caro l'amico".
 

liside

Membro Senior
#9
Nel 1870 a Koln, in Germania, si riunirono gli albergatori di 42 nazioni per redigere uno statuto comune riguardo le regole di questa attività di respiro internazionale.
 

Mod

Amministratore
Staff Forum
#10
BREVE STORIA DELL'OSPITALITA'

Forme antiche di ospitalità erano già presenti nelle culture primitive e rispondevano ad aspetti di carattere magico-religioso (si credeva che lo straniero possedesse poteri oscuri) oltre che ad un rapporto di reciprocità. La giustificazione religiosa dell’ospitalità nella cultura greca, ad esempio, veniva da un’antica credenza che gli dei errassero sulla terra sotto spoglie umane, distribuendo ricompense o punizioni a chi si fosse dimostrato buono o malvagio. Nell’ospitalità reciproca invece si esprimeva il desiderio di proteggere ed essere protetti dai pericoli e di essere a sua volta ospite e protetto.

Interessante è la trasmissione ereditaria del diritto-dovere di ospitalità in uso sin dall’età omerica: il rapporto di ospitalità si trasmetteva dai due contraenti ai loro figli e alle generazioni successive e, quando i discendenti non si conoscevano più personalmente, il diritto all’ospitalità veniva testimoniato da un segno di riconoscimento: il symbolon in Grecia e la tessera hospitalis a Roma, cioè cocci d’argilla, tavolette, anelli, monete,ecc., divisi in due metà, ognuna delle quali veniva conservata e trasmessa nelle due famiglie contraenti. Quest’usanza sopravvisse fino all’età imperiale romana.

L’ospitalità gratuita comportava spese e responsabilità, così che quasi dappertutto era limitata a due o tre notti, e solo in casi particolari si poteva decidere di prolungarla. L’alloggio e il sostentamento di una corte regale imponeva la necessità di annunciare la visita con un certo anticipo. L’ospitante doveva sempre tenere pronto un "paniere" di vivande (carne, pesce, uova, formaggio, vino o birra, pane o frumento, verdura, spezie, foraggio, ecc. ), stoviglie, materassi e altri oggetti d’uso.

Il cristianesimo ha poi ripreso il concetto di ospitalità sotto la forma d’amore per il prossimo: in ogni ospite povero e bisognoso d’aiuto si deve vedere Cristo e tutti gli uomini sono ospiti su questa terra. Accanto alla forma gratuita e spontanea di ospitalità era frequente una forma coattiva, la pretesa di ricevere vitto e alloggio avanzata da pubblici ufficiali, vescovi e sovrani. Dalle raccolte di leggi del periodo delle invasioni barbariche (V-VII sec) è possibile avere notizie sulle disposizioni concernenti l’ospitalità, in alcuni casi "particolare". Nel rituale di accoglienza dell’ospite assume grande importanza il momento del convivium: l’ospite riceve il posto d’onore, mentre chi entra in casa con intenzioni ostili rifiuta il pasto. Quando l’ospite si reca a letto, viene spogliato o dalla moglie o dalla figlia del padrone di casa, che talvolta resta a sua disposizione per il resto della notte. Il mattino della partenza l’ospite riceve i suoi indumenti, le armi e i cavalli sellati, e dopo aver chiesto licenza e aver ringraziato, prende commiato accompagnato dalla benedizione del padrone di casa e si allontana. A volte il padrone di casa lo scorta per un pezzo del tragitto, in segno d'onore e per motivi di sicurezza.

Nei regni barbarici l'ospitalità era considerata un dovere a cui nessuno poteva sottrarsi, durava da due a tre giorni e comprendeva un alloggio, un posto per il fuoco, acqua, legna da ardere e biada per i cavalli, escludendo però il vitto. Questa forma limitata di ospitalità diventava completa solo nel caso di ospiti particolari, quali gli inviati di popoli stranieri. Ad esempio, nel diritto dei Franchi era vietata l’accoglienza di profanatori di tombe, di donne che si davano agli schiavi, di ladri e di prescritti; qualora si fosse ospitato senza saperlo un ladro e non si avevano almeno sei testimoni per garantire la propria buona fede, l’ospitante veniva trattato come se fosse anche lui un ladro.

I caratteri tipici dell’ospitalità si mantennero in parte nell’età carolingia (VIII-IX sec): ma nelle regioni meridionali dell’impero solo in caso di cattivo tempo o nel periodo invernale si doveva offrire un tetto ai forestieri, che dovevano comunque provvedere da soli al vitto, per evitare abusi del diritto di ospitalità.
Quando il cristianesimo fu elevato a religione di stato, si cominciano a costruire case d’ospiti, gli xenodochia, finanziate da vescovi, monasteri, membri della casa imperiale e ricchi fedeli, e gestite da ecclesiastici, in cui sono ospitati pellegrini e viaggiatori. Sin dall’inizio l’accoglienza è rivolta anche ai poveri, agli orfani ed ai malati delle zone vicine. Nelle città più grandi erano spesso presenti delle case specializzate: orphanotròphia (per gli orfani); ptochotròphia (per i poveri); gerontocòmia (per gli anziani).

Il X secolo vede la rinascita dell’ospitalità ecclesiastica: alcuni ospizi ed ospedali sono fondati lungo le strade che attraversano la Francia meridionale e il nord della Spagna, regioni nelle quali un contributo importante all’ospitalità per pellegrini e altri viaggiatori viene offerto dai monaci benedettini di Cluny e dai canonici regolari agostiniani.

Nel XII secolo si assiste alla diffusione in tutta Europa dell’ordine dei cistercensi che adotta una forma di ospitalità simile a quella dei cluniacensi: tratta i sovrani, gli abati del loro Ordine e le personalità eminenti con maggior riguardo rispetto agli ospiti comuni ed ai poveri, così come gli si riservano i cibi migliori.

La nascita dell’ospitalità a pagamento è legata all’intensificarsi del commercio ed all’espansione dei mercati: si assiste nel XII secolo ad una commercializzazione dell’ospitalità. In occasione delle fiere cittadine e dei mercati annuali, i luoghi di pellegrinaggio risultano sovraffollati così che pellegrini e mercanti devono pernottare in alloggi di emergenza o all’aria aperta. Capita che bisogna pagare una grossa cifra o un pegno per trovare alloggio: mentre pellegrini e mercanti frequentano taverne ed alberghi modesti, i nobili alloggiano in casa di ricchi cittadini. L'ospitalità a pagamento si forma su basi di discriminazione sociale.

L’ospitalità privata assume quindi diverse forme: concessa da un cittadino a un cavaliere; case adibite appositamente a tale funzione e piene di ospiti; un mercante che occasionalmente riceve gli stranieri, facendogli pagare tutto o solo una parte delle prestazioni offerte. Normalmente l’ospite non riceve il vitto dal padrone di casa, lo porta con sé o lo acquista al mercato.

Nel XII secolo gli ospedali per i pellegrini, che prima erano sostenuti dai sovrani, dai nobili e dai monasteri, vengono fondati da laici caritatevoli, i quali poi ne affidano la gestione a ordini religioso-cavallereschi, a canonici agostiniani o a confraternite pie.
La nascita e lo sviluppo degli ordini monastico-militari fu la risposta ad un’esigenza dettata dalle Crociate e dai pellegrinaggi del basso Medioevo per risolvere problemi di ospitalità e di protezione. La prima presenza di ordini monastico-cavallereschi risale all’XI secolo in Palestina, dove già esistevano delle strutture ospitaliere: ricoveri dove si dormiva su materassi di paglia o sul fieno, tutti assieme. Con l’avvento delle Crociate sorgono le consorterie di "confratres", che cominciano ad assistere i viandanti ed a nutrirli, ospitandoli nelle "mansio", "ostelli", "hospity", "hospitale" costruiti sulle strade.

Inizialmente gli ordini monastico-cavallereschi si occupano solo dell’assistenza, poi si espandono lungo le strade d’Europa e della Terrasanta ed assumono il ruolo di difensori dei viaggiatori e dei pellegrini contro infedeli e banditi.
I primi ordini religioso-guerrieri furono i Templari ed i Giovanniti (Ordine di Malta): mentre i primi assicurano protezione militare terrestre e fungono da collettori di merci e valute, i Giovanniti assumono compiti ospedalieri assistenziali. In terre germaniche nel 1127 nacque l’ordine teutonico formato solo da cavalieri tedeschi che voleva liberarsi sia dal papa che dall'impero. A partire dall’XI e XII secolo l’ospitalità gratuita completa o senza vitto lascia quindi il posto all’ospitalità a pagamento, occasionale o professionale.
La scomparsa dell’ospitalità e degli antichi alloggi comunitari e lo sviluppo dell’ospitalità a pagamento avvengono in concomitanza con l’evoluzione del commercio itinerante e carovaniero che si va trasformando in stanziale.

Questa connessione è evidente nelle grandi compagnie italiane: tra il XIII e il XIV secolo i mercanti delle città commerciali dell’Italia centro-settentrionale cominciano a preferire il commercio stanziale tramite corrispondenza, creando delle filiali stabili nelle città più importanti. Con questa nuova organizzazione, la mobilità, che prima faceva confluire mercanti ambulanti in città e fiere, favorendo gli alloggi comunitari e la possibilità di essere accolti in case o quartieri pubblici, creati da sovrani o da autorità comunali con il duplice scopo di incentivare e controllare il commercio, cambia il tipo di viaggiatori e sposta l'ospitalità verso l'alloggio a pagamento. I viaggi dei più abbienti si concentrano nei centri finanziari e commerciali, le città, e si assiste all'insediamento dell'amministrazione reale, prima itinerante, adesso in forma stabile in una città, visitata con frequenza dal sovrano stesso.

Questo processo segna la nascita in Europa delle città capitali e di residenza reale o imperiale, e fu presto imitato da principi e signori, che collocano i loro centri di potere in città dotate di un castello o di una residenza fortificata. Fino al basso Medioevo era consuetudine che i sovrani e la corte più ristretta alloggiassero fra le mura di residenze, castelli, sedi vescovili e monasteri, mentre il resto del seguito (esercito vero e proprio e grandi signori ecclesiastici e laici) si accampasse nei dintorni. Ma il seguito ristretto dei sovrani e dei grandi signori costituiva un peso oneroso. La mancanza di spazio interno in quei luoghi spinse i grandi signori ecclesiastici e laici a costruire i propri quartieri, corti e ostelli nelle località in cui i sovrani erano soliti sostare o che costituivano i centri del loro sistema itinerante, le cosiddette sedes regni.

Quanto più le città, come spazio chiuso, si addossano il peso dell’ospitalità dovuta ai sovrani, tanto più devono fare i conti con i suoi effetti collaterali che, nella trasformazione da centri sotto dominio signorile a zone di immunità speciale per i traffici e commerci, vengono percepiti come conseguenza di un obbligo gravoso e imposto dall’esterno. E' così che la lotta contro l’ospitalità diventa una caratteristica dello sviluppo delle città europee nell’alto Medioevo. Il commercio prende possesso della merce umana in movimento.

Tra il XII e il XIV secolo si verifica lo spostamento dell’ospitalità da regge, sedi vescovili, monasteri e corti aristocratiche prima verso le case di cittadini eminenti, poi verso ospitanti che già esigevano un compenso e infine verso locande vere e proprie. Sparisce quasi completamente il concetto di ospitalità pubblica e privata, rimangono gli ospitali per poveri e pellegrini che decadranno nei secoli seguenti.

BIBLIOGRAFIA
H. C. Peyer, Viaggiare nel Medioevo, Bari Laterza 1997
 

liside

Membro Senior
#13
Si, è vero. Purtroppo l'importanza dell'accoglienza non è sempre vista con il giusto riguardo.
Oggigiorno l'oste viene considerato come un mero affarista, ed è vero, ma si trascura l'aspetto fondamentale di questa attività per quanto riguarda lo sviluppo, il commercio e le relazioni fra le genti.
Se ne avrò il tempo, aprirò un argomento sugli alberghi leggendari nel mondo.
 

Mod

Amministratore
Staff Forum
#14
Assolutamente, condivido. C'è sicuramente una categoria di oste affarista, che ha abbracciato l'ospitalità per puro interesse economico/affarista. Ma penso anche che ci sia un buona fetta che ha sane radici e da cui anche oggi - con le difficoltà del mercato - nascono o prosperano belle attività nell'ambito dell'ospitalità.
 

Mod

Amministratore
Staff Forum
#15
cito, ad esempio, dal pensiero di Michil Costa, albergatore, invitato da FormazioneTurismo lo scorso anno in BIT per parlare di “Un pieno troppo vuoto. Come pensiamo di dare un pieno di ospitalità verso l’ospite, se siamo vuoti di accoglienza verso l’altro?”.

Lui scrive dell'ospitalità......

L’Ospitalità
Occuparsi dell’altro è piacere, non un effetto collaterale. E dobbiamo metterci l’amore che è vita vera, cioè verità. Dobbiamo essere radicali, cioè andare alla radix, alla radice delle cose. Fare l’albergatore non è solo un giro dentro l’ospitalità, è un giro dentro la radice dell’umanità. Perché l’uomo (e tantomeno l’albergatore) non è assoluto, ma è in comunione, in relazione.

Fare autenticamente l’albergatore significa non fermarsi davanti alla continua ricerca del giusto. E dov’è il giusto, chi lo stabilisce?

Amore significa non smettere di cercare, compensare in continuazione, adattare le azioni alla situazione, evitare scorciatoie e tenere sempre bene a mente la strada scelta, l’obiettivo da raggiungere: fare in modo che l’ospite torni da noi, perché sa che l’abbiamo amato. I clienti vengono e non tornano; sono gli ospiti a tornare e ogni albergatore ha l’ospite che si merita.
 

liside

Membro Senior
#16
Figura non secondaria dell'ospitalità nel Medio Evo era il "fugator ranarum", la persona che si occupava di tacitare le rane degli stagni, non sappiamo precisamente come, per non disturbare il sonno degli ospiti. Inutile dire che questa professione è sparita oggigiorno, o no?:)
 
#19
Esiste una sottile linea di confine che distingue l'Ospitalità e la Diffidenza.
Potresti affrettarti a ricevere il "migrante" oppure farti da parte senza prendere una chiara posizione.
Comunque sia la sosta o il pernottamento sono ben accolti o rifiutati, sta all'Abramo di turno rendersi partecipe dello straordinario evento dell'Ospitalità!
Dare generosamente senza pensare al ritorno...
 
#20
Pensavo tu fossi in vacanza....
Gran cosa l'ospitalità! Non sempre dello stesso tenore però.....Nel Medio Evo, per esempio, pur se sempre dovuta, qualitativamente era diversa da ospite a ospite. L'ospite "indesiderato" veniva relegato un uno stanzino di fortuna, sfamato appena e congedato il prima possibile. L'ospite di riguardo invece, di solito messi, araldi, persone di alto lignaggio, venivano sistemati a capo tavola, vicini al camino durante l'inverno, e rifocillati con le migliori vivande e libagioni.L'ospite provvedeva anche alla compagnia femminile notturna dell'ospitato, pratica molto in uso, sulla quale ci sarebbe da aprire un argomento apposito per ristabilire verità storiche distinte dalle leggende.
Temo però di incorrere nelle ire dei moderatori....:p
 

Utenti online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
5,354
Messaggi
31,977
Utenti registrati
14,149
Ultimo utente registrato
cribardini
Top