• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non dici la tua? Registrati ora!

Escursioni Associazione senza qualifica di accompagnatore

#1
Salve,
sarei interessato a costituire un associazione APS per la promozione del turismo in sicilia, organizzando escursioni per i soci.
Non avendo nessuna qualifica di accompagnatore, guida vorrei sapere se posso ugualmente organizzare le escursioni o mi devo avvalere della collaborazione di un professionista?

Grazie
 
Ultima modifica da un moderatore:
#3
Sbagliato poichè chi lavora con le associazioni che non hanno fine di lucro(quindi effettuano escursioni per contro dei soci)non deve avere l'abilitazione ma deve dimostrare di appartenere all'associazione: c'è scritto sul libro castoldi per la preparazione all'esame per accompagnatore turistico
 
Ultima modifica da un moderatore:
#4
lo puoi fare personalmente:l'importante è che l'associazione sia senza scopo di lucro e che nello statuto abbia come oggetto sociale la promozione del turismo in sicilia mediante escursioni, altrimenti se è a fine di lucro necessiti dell'autorizzazione prevista per l'apertura di un agenzia di viaggi quindi hai bisogno di un direttore tecnico
 
Ultima modifica da un moderatore:
D

Dottor X

Guest
#5
Preg.mo Davis 13, prima di permettersi di dire che ho sbagliato dovrebbe avere lavorato da 35 anni come Dirigente della P.A. che si occupa di turismo. Vada a studiare e, forse ,capirà cosa si intende per professionista. Chi accompagna i soci della propria associazione non è un professionista.
Un professionista apre una partita IVA, a seguito di abilitazione rilasciata dall'Ente locale che, ai sensi dell'articolo 118 della Costituzione è delegato dalla Regione a svolgere detta attività istituzionale.

SINTESI DELLE MIE SLIDES SUL TEMA DELLE PROFESSIONI TURISTICHE NEL MIO SITO ISTITUZIONALE - DIPARTIMENTO TURISMO , SPORT E SPETTACOLO REGIONE SICILIANA - INFO E DOCUMENTI- RACCOLTA NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE SUL TURISMO E' POSSIBILE CONSULTARE TUTTE LE NORME SUL TURISMO COMPARATE: UNIONE EUROPEA - STATO ITALIANO E REGIONI ITALIANE - LIBRO COMPLETO

LO STATO GIURIDICO E PREVIDENZIALE DELLE PROFESSIONI TURISTICHE

Le professioni turistiche, rientrano nell'elenco delle materie di competenza concorrente Stato Regioni ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione
Siano esse: cc.dd. protette ai sensi dell'articolo 2229 del codice civile: guida alpina e maestro di sci;
Che cc.dd. non protette, ai sensi dell'articolo 33 comma 5° della Costituzione, tra queste: guida turistica, corriere o accompagnatore turistico e interprete turistico risultano regolate da norma statale legge n. 217/1983, abrogata dalla legge n. 135
del 2001 a sua volta abrogata dall'articolo 3 del “Codice del turismo”.reddito di lavoro autonomo in senso proprio.

PROFESSIONI
art. 49 comma 1 del T.U.I.R.).
partita IVA e rispettare gli obblighi contabili ai fini delle imposte dirette e indirette;
reddito di lavoro autonomo secondo le disposizioni contenute art. 50 del D.P.R. 917/86.
una fattura/parcella per i compensi che per la stessa gli vengono corrisposti deve evidenziare esenzione IVA ex art. 10 comma 22 D.P.R. 633 /72 e successive modifiche, di regola (a tal proposito art. 13 L. 23/12/2000, n. 388), la ritenuta di
acconto sempre del 20%, deve essere trattenuta e versata a cura del sostituto d’imposta.

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 03-05-2004 REGIONE SICILIA - Disciplina delle attività di guida turistica, guida ambientale-escursionistica, accompagnatore turistico e guida subacquea.

DEROGHE ALLA PRESENZA DI GUIDA O ACCOMPAGNATORE TURISTICO
ARTICOLO 8
Ambito di applicazione
1. In ossequio agli articoli 49 e 50 del Trattato istitutivo della Comunità europea, le disposizioni di cui alla presente legge non si applicano, fermo restando quanto previsto all'articolo 1, commi 2 e 3, ai cittadini di Stati membri dell'Unione europea, diversi dall'Italia, che esercitano, in regime di libera prestazione di servizi, le professioni turistiche disciplinate dalla presente legge.
2. Le disposizioni di cui alla presente legge non si applicano altresì:
a) limitatamente alla professione di guida turistica, ai dipendenti di enti pubblici che, nell'ambito delle proprie mansioni, svolgono le attività di illustrazione delle sedi dell'ente di appartenenza;
b) limitatamente alla professione di accompagnatore turistico, a chi svolge attività di accoglienza e di accompagnamento da e per aeroporti e stazioni ferroviarie e marittime in qualità di titolare, direttore tecnico o dipendente di agenzia di viaggi.
 
Ultima modifica da un moderatore:
#6
@saverio10 ha scritto
Preg.mo Davis 13, prima di permettersi di dire che ho sbagliato dovrebbe avere lavorato da 35 anni come Dirigente della P.A. che si occupa di turismo. Vada a studiare e, forse ,capirà cosa si intende per professionista. Chi accompagna i soci della propria associazione non è un professionista.
Un professionista apre una partita IVA, a seguito di abilitazione rilasciata dall'Ente locale che, ai sensi dell'articolo 118 della Costituzione è delegato dalla Regione a svolgere detta attività istituzionale.

SINTESI DELLE MIE SLIDES SUL TEMA DELLE PROFESSIONI TURISTICHE NEL MIO SITO ISTITUZIONALE - DIPARTIMENTO TURISMO , SPORT E SPETTACOLO REGIONE SICILIANA - INFO E DOCUMENTI- RACCOLTA NORMATIVA E DOCUMENTAZIONE SUL TURISMO E' POSSIBILE CONSULTARE TUTTE LE NORME SUL TURISMO COMPARATE: UNIONE EUROPEA - STATO ITALIANO E REGIONI ITALIANE - LIBRO COMPLETO

LO STATO GIURIDICO E PREVIDENZIALE DELLE PROFESSIONI TURISTICHE
Le professioni turistiche, rientrano nell'elenco delle materie di competenza concorrente Stato Regioni ai sensi dell'articolo 117, terzo comma, della Costituzione
Siano esse: cc.dd. protette ai sensi dell'articolo 2229 del codice civile: guida alpina e maestro di sci;
Che cc.dd. non protette, ai sensi dell'articolo 33 comma 5° della Costituzione, tra queste: guida turistica, corriere o accompagnatore turistico e interprete turistico risultano regolate da norma statale legge n. 217/1983, abrogata dalla legge n. 135
del 2001 a sua volta abrogata dall'articolo 3 del “Codice del turismo”.reddito di lavoro autonomo in senso proprio.

PROFESSIONI
art. 49 comma 1 del T.U.I.R.).
partita IVA e rispettare gli obblighi contabili ai fini delle imposte dirette e indirette;
reddito di lavoro autonomo secondo le disposizioni contenute art. 50 del D.P.R. 917/86.
una fattura/parcella per i compensi che per la stessa gli vengono corrisposti deve evidenziare esenzione IVA ex art. 10 comma 22 D.P.R. 633 /72 e successive modifiche, di regola (a tal proposito art. 13 L. 23/12/2000, n. 388), la ritenuta di
acconto sempre del 20%, deve essere trattenuta e versata a cura del sostituto d’imposta.

LEGGE REGIONALE N. 8 DEL 03-05-2004 REGIONE SICILIA - Disciplina delle attività di guida turistica, guida ambientale-escursionistica, accompagnatore turistico e guida subacquea.

DEROGHE ALLA PRESENZA DI GUIDA O ACCOMPAGNATORE TURISTICO
ARTICOLO 8
Ambito di applicazione
1. In ossequio agli articoli 49 e 50 del Trattato istitutivo della Comunità europea, le disposizioni di cui alla presente legge non si applicano, fermo restando quanto previsto all'articolo 1, commi 2 e 3, ai cittadini di Stati membri dell'Unione europea, diversi dall'Italia, che esercitano, in regime di libera prestazione di servizi, le professioni turistiche disciplinate dalla presente legge.
2. Le disposizioni di cui alla presente legge non si applicano altresì:
a) limitatamente alla professione di guida turistica, ai dipendenti di enti pubblici che, nell'ambito delle proprie mansioni, svolgono le attività di illustrazione delle sedi dell'ente di appartenenza;
b) limitatamente alla professione di accompagnatore turistico, a chi svolge attività di accoglienza e di accompagnamento da e per aeroporti e stazioni ferroviarie e marittime in qualità di titolare, direttore tecnico o dipendente di agenzia di viaggi.

a parte il fatto che qui si parla di un'associazione aps(quindi senza scopo di lucro o commerciale) e non di un'impresa,per quanto mi riguarda lo so bene che chi è professionista deve avere l'abilitazione ma sul libro da me citato c'è scritto anche che chi non lo fa per professione non deve avere l'abilitazione: esempio un insegnante che accompagna la propria classe per un viaggio studio all'estero non deve avere l'abilitazione proprio perchè non fa l'accompagnatore per professione e perchè il viaggio ha finalità di lucro...idem per quanto riguarda le associazioni senza scopo di lucro che organizzano viaggio le quali si possono benissimo servire di un accompagnatore senza tesserino quindi anche di un socio che accompagna gli altri poichè il fine del viaggio è quello di far conseguire un vantaggio ai soci...non lo dico io ma lo dice il castoldi( precisamente a pag.78 cap.3.3 del manuale di preparazione all'esame scritto e orale di abilitazione) quindi prima di prendersela con me scriva a castoldi dicendo di modificare paragrafo inerente chi non svolge la professione in maniera abituale...
 
Ultima modifica da un moderatore:
#7
Scusate, io ho posto la stessa domanda da qualche parte su questo forum ma non ho ottenuto alcuna risposta. Mi confermate che una associazione con auto e accompagnatore abilitato possa proporre esperienze e chiedere remunerazione per l'accompagnatore dando auto free e il resto delle spese (pasti, ingressi...) a carico dei soci? Grazie mille.
 

Membri online

Nessun utente è online al momento.

Ultimi messaggi

Statistiche forum

Discussioni
6,328
Messaggi
37,410
Utenti registrati
18,148
Ultimo utente registrato
Karla Ramirez
Top