• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Crac Thomas Cook

Mod

Amministratore
Staff Forum
#1
Tanto si sta scrivendo e si scriverà sul crac Thomas Cook.
Che ne pensate, opinioni a proposito?
Non è certo il primo caso di importanti gruppi del tour operating che d'improvviso - per la cronaca - saltano e chiudono lasciando per strada lavoratori, debiti nei confronti delle imprese della filiera, turisti da recuperare.
Ma Thomas Cook ha fatto la storia del turismo moderno, quello organizzato. Lo sappiamo tutti, lo si studia nei libri di tecnica turistica, è il principio di un mercato che è andato avanti per più di un secolo.
Allora, come mai?
Un problema di finanza entrata in gioco a rompere gli equilibri sani di un'azienda tanto storica?
Incapacità di reggere al cambiamento del mercato online?

Cosa c'è davvero dietro a questa crisi? La fine di un modello di impresa e di far turismo. O è soltanto un caso?
Che ne pensate?

@Saverio Panzica @Lo Psillo @liside
 
#2
Tanto si sta scrivendo e si scriverà sul crac Thomas Cook.
Che ne pensate, opinioni a proposito?
Non è certo il primo caso di importanti gruppi del tour operating che d'improvviso - per la cronaca - saltano e chiudono lasciando per strada lavoratori, debiti nei confronti delle imprese della filiera, turisti da recuperare.
Ma Thomas Cook ha fatto la storia del turismo moderno, quello organizzato. Lo sappiamo tutti, lo si studia nei libri di tecnica turistica, è il principio di un mercato che è andato avanti per più di un secolo.
Allora, come mai?
Un problema di finanza entrata in gioco a rompere gli equilibri sani di un'azienda tanto storica?
Incapacità di reggere al cambiamento del mercato online?

Cosa c'è davvero dietro a questa crisi? La fine di un modello di impresa e di far turismo. O è soltanto un caso?
Che ne pensate?

@Saverio Panzica @Lo Psillo @liside
Stiamo parlando del più grande rimpatrio di persone mai avuto in UK in tempo di pace”. Con queste parole l’amministratore delegato della Civil Aviation Authority, Richard Moriarty, spiega l’accaduto.

Caro Mod, sembra facile risponderti prendendo in esame soltanto l’aspetto finanziario sul quale tutti stanno poggiando le fondamenta della tesi del crac. A me, che non sono un esperto di economia globale, viene in mente una famosa frase di Gibbon (Edward, quello che espose le possibili cause della caduta dell’Impero romano): tutto ciò che è umano se non progredisce deve retrocedere!

Gibbon (illuminato e illuminista) distingueva l’Uomo dal Selvaggio così come fece Berchet in fatto di poesia opponendo la sicumera intellettuale dei parigini all’ingenuità degli ottomani, ma il deve impone una riflessione sulle vicende del grande gruppo Cook.

Gibbon espresse quel pensiero dopo aver ceduto alle istanze cattoliche di una parte del ceto borghese anglosassone e un punto a suo favore insisto nel concederglielo: il progresso segue di pari passo la civilization e non ho contezza che nel secolo attuale la TC company abbia fatto scelte “umanitarie” come quelle che ci ricorda il viaggio da Leicester a Loughborough del mitico Thomas.

A bientot

Thomas-Cook.jpg
 
Mi Piace: Mod
#3
Qualcosa avevo già accennato qui

https://www.formazioneturismo.com/forums/index.php?threads/succede-anche-questo.65894/

ricevendo anche una risposta pertinente dall'utente martino_bella: nulla è per sempre e tutti devono reinventarsi.
Il Tour Operator, in verità, era in declino da parecchio tempo, e solo i finanziamenti ( a fondo perduto) dello stato inglese e della cinese Fosun Tourisn Group hanno impedito che collassasse prima. Ricordiamo che sono in ballo migliaia di posti di lavoro.
Indubbiamente la leadership del digitale ha avuto un ruolo fondamentale, e la disintermediazione ha fatto il resto.
Con il digitale ognuno di noi è tour operator di se stesso. Teniamo conto anche delle compagnie aeree low cost che hanno acquisito scali insperati fino a qualche anno fa e la frittata è al completo.
Non è da trascurare l'ipotesi fraudolenta, nè quella di manager non all'altezza di contrastare, per esempio, la concorrenza di Tui Travel, principale competitor.
Reinventarsi.
Avete sentore, per esempio, dell'evoluzione di Booking.com? Vi sarete accorti che, da qualche tempo a questa parte, per ammortizzare l'irruenza di Expedia, sta puntando forte sull'accoglienza extra alberghiera?
Buona vita.
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
5,506
Messaggi
32,599
Utenti registrati
14,669
Ultimo utente registrato
Adriano Campagnano
Top