• Ciao amico, perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Conferme dubbi portale turistico

#1
Ciao a tutti, sono nuovo nel forum.
Ho letto parecchi post a riguardo ma avrei bisogno di alcune conferme.

Portale turistico che mette in contatto proprietari case vacanze / escursioni con i clienti.

Prerequisiti: responsabilità a carico dei proprietari, pagamenti direttamente ai proprietari.

A: Se prendo un canone annuo per pubblicizzare è un servizio di promozione quindi non necessita agenzia di viaggi?

B: Se prendo una percentuale sulle vendite devo invece aprire un'agenzia di viaggi?

Essendo un lavoro che faccio nel tempo libero, è un'attività imprenditoriale o non imprenditoriale? Va aperta partita iva in entrambi i casi A o B

Trovo assurdo che debba trovare un direttore tecnico solo per prendere una commissione sulla vendita. Solita casta Italiana?

Altre domande riguardo l'estero:
Può una società estera con regolare amministrazione all'estero operare nel suolo italiano e pagare le tasse all'estero? In Inghilterra chiunque può operare in qualsiasi settore, nessun direttore tecnico. O deve avere anche una sede in Italia? Airbnb non credo abbia una sede in ogni paese del mondo?


Curiosità sul sito Viator di TripAdvisor che prende prenotazioni e commissioni sulle vendite. Sede nel Delaware , se guardate le limitazioni di responsabilità in pratica loro sono un sito di annunci...ma con prenotazioni e commissioni, non prendono nessuna responsabilità su nulla, quindi?

Grazie mille attendo risposte
 
#2
Di principio ogni attività che genera ricavi e sottoposta alla tassazione.
Anche per piccoli introiti il 730 deve essere compilato e comunicato.
Credo che la più semplice sarebbe studiare l'area di applicazione del ''Procacciatore d'affari'' o ''Intermediario di ....'' e seguire la strada. Probabilmente dovrebbe chiedere dei permessi per farlo, nella modalità più semplice dovresti andare nella modalità dei liberi professionisti, in regime forfettario. E che faccia una dichiarazione integrativa dove aggiunge le somme ricavate con questo genere di attività ai suoi rediti ricavati con la sua attività di base. Ma, su le cose simili si deve recare verso uno studio di consulenza o verso la Camera di Commercio.
I consigli possono essere molti e da tanti - ma sono solo delle opinioni. Se vuoi avere il giusto consiglio te ne devi recare presso quelli abilitati a darteli in base alle normative e che te lo scrivono su carta intestata. Se vai verso l'Agenzia delle Entrate o Camera di Commercio e parti cosi - sei su piede sbagliato e ti sgambetti da solo. Prima o poi lo devi fare. O vai avanti o rinunci prima che sia troppo tardi. però andando per richiedere informazioni e consigli per un possibile ipotetica e futura svolta nella tua attività da testare in paralello con l'attività che lo fai come assunto - non desta troppi dubbi. Piede di piombo e chiedi generico - non sicuro e preciso. Vai con: ma... ma se ... e se ....
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
5,053
Messaggi
29,795
Utenti registrati
12,527
Ultimo utente registrato
ANGELO MANGO
Top