• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non dici la tua? Registrati ora!

Classe di concorso b21

#1
Dalla tabella di titoli per la partecipazione al concorso docenti 2019 come ITP 019 (LABORATORIO DI SERVIZI DI RICETTIVITA ALBERGHIERA), risulta la possibilità di accedere alla classe di concorso b21 con il titolo della b19 (PERITO PER IL TURISMO ECC) se congiunto a Diploma di Qualifica di addetto ai servizi alberghieri di sala e di bar o operatore ai servizi di ristorazione.
Avendo un diploma ITT, se volessi prendere la qualifica per servizi sala e bar, quali materie dovrei sostenere alla maturità,. Dovrei fare solo un secondo esame di maturità o seguire i corsi ecc.? In quale modo posso integrare?
 
Ultima modifica da un moderatore:

Mod

Amministratore
Staff Forum
#2
Ciao @Francescaviola bella domanda! Diciamo che qui non abbiamo esperti di concorsi pubblici nella scuola, è un mondo un pò distante da noi quello dei concorsi :-(
Mi sembra di capire che tu vuoi accedere al concorso per diventare un docente di laboratorio dei servizi di ricettività alberghiera, ma provieni da altro.

I titoli di ammissione sono
  • Diploma di Istruzione professionale - settore Servizi - indirizzo Servizi per l'eno-gastronomia e l'ospitalità alberghiera - articolazione Accoglienza turistica
  • Diploma di Istruzione tecnica - settore Economico - indirizzo Turismo
  • Diploma di Operatore turistico
  • Diploma di Perito per il turismo
  • Diploma di Tecnico dei servizi turistici
  • Diploma di Tecnico delle attività alberghiere
Screenshot_1.png

Nella prova pratica può esser richiesto
Prova pratica
La prova consisterà nell’esecuzione pratica di un servizio tra quelli previsti nell’ambito del settore, sala e bar.Il tema oggetto della prova sarà estratto a sorte per ciascun concorrente o gruppo di concorrenti da una serie preparata dalla Commissione, tenendo conto degli strumenti disponibili ed in particolare tra i seguenti temi:
— Presentazione di un vino del territorio, tenendo conto della zona di produzione, del pedoclima ad esso collegato, della tipologia di vitigno e delle tecniche di lavorazione e invecchiamento utiliz-zati. Analisi sensoriale e gustativa, abbinamento cibo vino.
— Realizzazione di un cocktail I.B.A., con tecniche appropriate e utilizzo di strumenti idonei. Nella realizzazione bisognerà tener conto della storia del cocktail e delle variabili accadute nel corso degli anni, dove queste fossero presenti.
— Realizzazione di un caffè espresso e di un cappuccino. Presentando le diverse tipologie di caffè uti-lizzabili, le tecniche di lavorazione del caffè crudo e le diverse metodologie utilizzate per la tosta-tura e macinazione dello stesso. Nel preparare il cappuccino, si terrà conto del latte e delle diverse tipologie di latte, utilizzando a seconda del prodotto che si vuole ottenere la tipologia più idonea.
— Preparare una mise en place per diverse tipologie di menù e per diverse occasioni. Abbinando ai piatti il vino giusto e presentando in modo corretto ed almeno in una lingua straniera il menù pro-posto, con l’indicazione dei principali ingredienti in esso presenti.

La prova dovrà essere svolta in base ai dati e alle materie prime fornite dalla Commissione, utilizzan-do le attrezzature presenti in laboratorio e deve essere comunque corredata da una relazione tecnica, che metta in evidenza gli strumenti utilizzati, le tecniche di lavorazione e le materie prime utilizzate

In generale il candidato dovrà dimostrare di conoscere:
— I vitigni nazionali e regionali, tecniche di coltivazione e lavorazione della vite e le diverse tecni-che di vinificazione. Il vino e le tecniche di produzione e conservazione degli stessi, l’utilizzo del barrique e delle altre tecniche di miglioramento del vino.
— I cocktail I.B.A., la loro storia e le modifiche avvenute nel corso degli anni. I liquori utilizzati e le principali tecniche di produzione degli stessi. La realizzazione e presentazione dei cocktail I.B.A. nonché l’utilizzo dei bicchieri appropriati e degli strumenti idonei.
— I principali liquori mondiali, la diverse tecniche di lavorazione degli stessi e gli ingredienti prin-cipali utilizzati per la preparazione degli stessi. La differenza tra infusi e distillati e le tecniche di invecchiamento. Le Nazioni o Regioni dove vengono prodotti i liquori e le motivazioni storiche che hanno portato alla realizzazione di quelle produzione a scapito di altre.
— Il caffè dal fiore in tazza. Le diverse tipologie di caffè, i paesi produttori e i principali mercati di scambio del caffè. Le tecniche di tostatura del caffè, i tempi di conservazione e la distribuzione dello stesso.— Le diverse tipologie di latte, il loro utilizzo al bar, le tecniche di preparazione del latte al bar, an-che con riguardo alle moderne forme di lavorazione dello stesso ( latte-art ). I prodotti alternativi al latte per coloro i quali hanno delle intolleranze a questa tipologia di alimento.
— Le diverse tipologie di mise en place, in base alle diverse tipologie di menù. L’allestimento del tavolo e gli elementi ornamentali presenti sullo stesso.
— L’abbinamento cibo-vino, che tenga conto della regola della concordanza o analogia e della rego-la della contrapposizione o contrasto.
— La presentazione del piatto, anche in lingua straniera, tenendo presente l’esigenza di presentare gli alimenti principali che compongono il piatto e la presenza, eventuale, di una delle 14 catego-rie di allergeni previste nella circolare del ministero della salute del 6/02/2015.
— Il personale dell’Albergo. Il personale della Ristorazione. La brigata di sala e la gestione della stessa

Detto ciò - almeno io - non ho alcuna idea di come tu possa integrare queste conoscenze!
Spero che qualcuno possa aiutarti...ma ignoro la possibile strada da seguire :-(
 

Membri online

Nessun utente è online al momento.

Statistiche forum

Discussioni
6,344
Messaggi
38,524
Utenti registrati
19,457
Ultimo utente registrato
paolamottola
Top