• Ciao! perché non prendi parte alle discussioni e non ci dici la tua? Registrati ora!

Aprire un agenzia di viaggi partendo da ZERO

F

fmongiello

Guest
#63
con i tempi che corrono forse è preferibile considerare l'adesione ad un network esistente, preferibilmente molto orientato al servizio, così da avere agevolazioni e facilitazioni di accesso al prodotto e ai servizi tecnici, e dedicarsi con più attenzione al cliente.
 
#64
Ma il franchising permette di lavorare anche sull'incoming? Dopo 26 anni come guida turstica ed un piccolo libro sull'Abruzzo, mi piacerebbe non abbandonare ciò su cui ho lavorato con tanto amore.
 

Francesco Mongiello

Consulente Web Marketing Turistico & Social Media
Staff Forum
#65
Sfido oggi qualunque network di agenzie viaggi a tralasciare l'incoming. Alcuni per vocazione possono essere più orientati verso il prodoto estero, ma per la loro stessa sopravvivenza più o meno tutti curano anche il prodotto Italia. E poi ci sono gruppi e gruppi, network indipendenti o le reti integrate verticalmente con un tour operator / crocerista, così come ci sono i gruppi d’acquisto. Il puro franchising ....non so più in quanti sono a farlo.
 
#66
Ciao volevo un po' de informazioni per aprire una agenzia quale sono i requisiti ho intenzione de farlo ho lavorato per anni in questo mondo di viaggi e turismo però non in Italia se gentilmente mi potrebbe fare una consulenza le ringrazio per la vostra attenzione.
 
#68
Aprire un'agenzia viaggi in autonomo da zero è complicato. Sicuramente ci vuole molto tempo prima di trovare i contatti e gli accordi giusti con i TO per questa ragione in molti all'inizio decidono di aprire un'agenzia viaggi online, così da abbattere i costi che una struttura fisica comporta. Nonostante questo i costi ci sono comunque dato che bisogna chiedere delle licenze e tutto il resto.
Di solito i network in franchising offrono già dei server con tutti i loro contatti, i TO, offerte, pacchetti viaggio, biglietteria e altre cose. Per questo aprire un'agenzia viaggi in franchising è la scelta che la maggior parte delle persone fanno. Pur dovendo dare un corrispettivo iniziale infatti si hanno molti vantaggi e agevolazioni e aiuto per avviare l'attività, ottenere le licenze, ecc.
 
#69
Solo per curiosità: quanti soldi occorrono per aprire un’agenzia viaggi in franchising? lo chiedo per farmi un'idea. Quali i vantaggi? Detto questo mi chiedo anche: visto che c'è così tanta concorrenza sul web, non è che si apre un'agenzia e poi questa resta senza clienti?

E ancora, mi chiedo: la clientela apprezza gli acquisti on line, o si sentono più al sicuro puntando su un'agenzia che abbia una sede reale e non virtuale? Se ci pensate, beccarsi una sòla acquistando un viaggio sul web è facile e - confermano le cronache - i raggiri sono sempre dietro l'angolo.

Tra le precauzioni da prendere c'è quella di diffidare di prezzi troppo bassi, ma se poi fai un prezzo onesto e tutto sommato uguale a quello di un'agenzia tradizionale, vale la pena acquistare sul web da uno sconosciuto?
 
#70
Ho aperto con Gruppo Info vacanze o Brokers della vacanza di Venezia, mi hanno fatto ottenere le mie licenze A e B da agente di viaggi ma anche da Tour Operator per fare incoming (ovviamente esclusivamente mio) senza chiedermi royalty o fare a meta' dei miei introiti, e mi hanno dato più' di 200 tour operator in partnership. Prima di sceglierli ho fatto un bel giro e preso informazioni con i nomi più' gettonati nel panorama dei franchisor italiani e non ne ho trovato uno che mi facesse ottenere le mie licenze o si avvicinasse in qualche modo alla proposta offertami dai Brokers della vacanza.

Ovvio che non credo che sia tutto rosa e fiori nella vendita dei pacchetti turistici ma almeno ciò' che produrrò' e che sara' frutto del mio lavoro finirà' nelle mie tasche e non in quello di una sede centrale di un network. Per lavorare in maniera producente credo invece che ci voglia una grande forza di volontà' e idee proprie e fresche anche se devo dire che molte idee te le da poi il network con il quale si collabora.
Saluti
Giuliana
 
#71
Ciao, oltre al franchising, (che però non ti dà realmente l'AVVIAMENTO, in quanto, secondo il MARKETING, L'ECONOMIA AZIENDALE, e la TECNICA, nell'avviamento, oltre ai codici base dei Tour Operator - commissioni a parte - ci sono anche operazioni di individuazione e "cattura" del Target, alias possibile inizio di un portafoglio clienti che il franchising in genere non dà MAI), oltre al franchising, dicevo, ci sono professionisti, come me, che offrono la possibilità di avere SOLO l'Avviamento e la spinta per partire e diventare autonomi. Io faccio Avviamento per Agenzie di Viaggi.
Ne ho avviate diverse nel corso degli anni, ti parlo nell'arco di tempo dal 1999 ad oggi. Il tutto si sviluppa con un contratto in cui il nuovo operatore viene seguito, Anche nella burocrazia, informato e formato su tutto ciò che gli serve per diventare autonomo. Si parte da un minimo di 3 mesi a un massimo di un anno (raro che si tratti di un anno), diciamo che tutti, in media stanno tra i tre e i sei mesi, alla fine dei quali vanno da soli, diventano autonomi in tutto, e non ci sono royalties da pagare mensilmente o vincoli. In seguito si può concordare anche solo un rapporto di assistenza, per le eventualità, ma solo su richiesta. Se sei interessata possiamo fare una chiacchierata.
Ovviamente l'azione necessita un'analisi di mercato che svolgo io stessa e di cui faccio partecipe, in tutto, il futuro agente/titolare. Ovviamente ti parlo dell'avviamento di un solo settore, mi spiego, l'Italia è il Paese in cui tutti cercano di fare tutto. Nei confronti dei Paesi Europei e non, a noi vicini geograficamente, questo non è corretto perché manca di professionalità... Questo per spiegare a coloro che vogliono far diventare le agenzie dettaglianti, dei veri <strong><a href="http://academy.formazioneturismo.com/glossario-del-turismo/tour-organizer/"><u>Tour Organizer</u></a></strong> che fanno Incoming... Non è proprio così...
Partiamo dall'idea che un'agenzia viaggi vende VIAGGI e cerca di conoscere i prodotti che vende e di vendere dei buoni prodotti, prendendo nuova clientela e consolidandola...
Ora, se un commerciante vende prodotti di cui ignora le caratteristiche, non sarà mai bravo quanto un venditore del tutto preparato...Risultato: poiché serve preparazione le cose vanno fatte pian piano, acquisendo competenza di settore in settore, professionalità, e non tutto assieme, come un gran bailamme! Ecco perché la costante del servizio di avviamento che offriamo è la formazione professionale.
I costi sono contenuti, siamo operatori e conosciamo il mercato del nostro settore. Nell'Avviamento mi avvalgo anche di altre professionalità, tipo il legale di settore, il commercialista, o altro, sebbene non ci siano costi aggiuntivi. Ovviamente in Italia, ci sono altri Professionisti Esperti come me, si può cercare e scegliere! Bello il libero Mercato che prevede una sana concorrenza! ^___^ Spero di averti dato sufficienti delucidazioni in merito, ti esorto a non lasciarti imbrogliare dai Franchising, spesso sono solo "trappole", se tu fossi interessata comunque a tale soluzione, cerca dei contratti che non ti "incastrino" per lungo tempo e che non ti "rivendano" servizi di altri operatori....
A buon intenditor.... Good Luck!

<a href="https://academy.formazioneturismo.com/tag-prodotto/libri-agenzie-viaggi-e-tour-operator/"><img class="alignnone size-820x480" src="https://www.formazioneturismo.com/wp-content/uploads/2017/08/Agenzie-di-Viaggi-Libri-Manuali-Ebook-4.jpg" alt="Agenzie di Viaggi Libri Manuali Ebook 4" width="728" height="90" /></a>
 
#72
Ciao a tutti. Complimenti a chi crede e scommette su se stesso. Il tema è molto interessante e se mi permettete volevo soltanto lanciare delle domande a chi si avvicina per la prima volta nel settore agenziale. Chi scrive ha
mosso i primi passi nel mondo delle ADV nel lontano 1979 e ha ricoperto vari ruoli manageriali e gestito ADV e aperto anche una propria agenzia. Network o franchising cambia poco. Oggi le agenzie su strada hanno perso il monopolio della biglietteria e dell'informazione e affiliarsi ad un Network nasce soltanto da un esigenza precisa: avere quel punticino in più di provvigione che mi consente di fare lo sconto al Cliente. Risultato chiusura ancora prima di aprire. Affitto, costi fissi e variabili da prevedere. Oggi per mantenere in piedi una struttura senza impiegati dovete fatturare almeno 600 mila euro all'anno. Non dovete ammalarvi e dovete sempre essere presenti. Se questo significa mettersi in proprio, beh pensateci bene prima. Oggi la soluzione è l'incoming e per farlo non dovete investire parecchi soldi e non occorre sostenere dei costi mensili. Da gennaio parte il mio progetto sull'incoming (al momento soltanto un prodotto: la SICILIA) e in futuro.... I nostri consulenti pagano una fee (una tantum) di ingresso e hanno ZERO costi fissi mensili e/o ZERO royalities da pagare. Possono operare in tutto il mondo e decidere dove, come e quando lavorare. Fino al 31 dicembre 2017 fee ingresso 149 + iva.
info@networkigt.com
Cari saluti
Piero Quartuccio
 
#74
Salve a tutti, scusatemi sono nuova del forum e forse arrivo con qualche anno di ritardo, ma sto pensando di aprire un’agenzia di viaggi e mi servirebbe un consulente viaggi, ho letto che @donatella22 e @consulenteviaggi lo so o ma non so come fare a contattarvi, potreste aiutarmi?
 
#75
scusate, vorrei informazioni in merito ai requisiti necessari per ottenere il titolo di direttore turistico. Ho un diploma scuola superiore conseguito negli USA e relativa equipollenza liceo linguistico. mi sono laureata in lingue e letterature straniere vecchio ordinamento, in lingue e letterature straniere indirizzo turistico manageriale. tesi di laurea outgoing britannico e il flusso dei turisti verso l'Italia. ho effettuato durante la stesura della tesi nel 2000 uno stage presso ENIT (ente nazionale del turismo) di Roma.
Grazie
 

Utenti online

Statistiche forum

Discussioni
5,519
Messaggi
32,674
Utenti registrati
14,713
Ultimo utente registrato
Hasna chafiq
Top